Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Coskun Eren sulla prossima stagione delle drupacee

Una sana competizione spinge a migliorarsi

In Turchia, sta per iniziare la stagione delle drupacee. Per un esportatore in particolare, le speranze sono che la prossima campagna possa qualificare la sua azienda. Con la forte concorrenza della Spagna, l'impresa turca punta a migliorarsi con ogni mezzo possibile.

L'azienda di esportazione turca Eren Tarim mostra ottimismo sulla prossima stagione. "In tutta onestà, abbiamo buone aspettative. Il peggio è già finito e poiché quest'anno è in genere più caldo, ci aspettiamo che la stagione inizi prima. Partire presto significa che saremo in una posizione migliore rispetto ai nostri concorrenti, come la Spagna, in termini di disponibilità", ha spiegato Coskun Eren.

"La scorsa stagione le maggiori sfide sono venute dalla concorrenza con la Spagna, sui prezzi e sull'ottenere dei frutteti rispondenti a requisiti di analisi, adeguati per l'Ue. Quest'anno abbiamo utilizzato un diverso metodo di controllo di analisi che ha favorito la nostra coltivazione di agrumi. Dato che ha funzionato bene con gli agrumi, utilizzeremo lo stesso metodo per la nostra coltivazione di drupacee e credo che non avremo più problemi. Per quanto riguarda il prezzo, credo anche che saremo più concorrenziali con la Spagna grazie al cambio Dollaro/Euro che quest'anno ha favorito gli esportatori turchi".

Per la prossima stagione, sono in arrivo dei cambiamenti. Parte del motivo per cui Eren sta cercando di migliorarsi è battere la concorrenza, ma l'azienda vuole anche proteggere i propri raccolti dal clima sfavorevole. "La Spagna è il nostro più grande concorrente sulle drupacee. Sono veramente bravi in quello che fanno. Quando si tratta di imballaggi specifici, direi che superano la Turchia. Ciò ci spinge a migliorarci", ha affermato Eren.

"Io, personalmente, amo la sana rivalità. I competitor ti spingono a migliorare. Gli agricoltori stanno anche investendo in reti antigrandine. Nei grandi frutteti si tratta di un progetto costoso ma, nel momento in cui la grandine colpisce i campi, ne sarà valsa la pena. Grazie a questi miglioramenti, ci auguriamo di arrivare in questa stagione a 3.000 tonnellate di drupacee".

Un modo per battere la concorrenza è conquistare il loro mercato interno. Sebbene la Eren Tarim non abbia attuato questa tattica, l'anno scorso c'è stato un risultato inaspettato. "Attualmente stiamo esportando in oltre 62 Paesi, ma vorremmo incrementare la nostra quota anche sul mercato spagnolo. Gli intervalli stagionali aumentano e cambiano ogni anno. Quest'anno abbiamo esportato un buon volume di agrumi in Spagna. Questa è stata una sorpresa, ma forse possiamo fare lo stesso con le nostre drupacee", ha detto Eren.

"Anche i Paesi nordici sono molto interessanti per noi, Danimarca e Svezia sono sicuramente sulla nostra lista. Inoltre, se la Brexit dovesse arrivare per davvero, sicuramente ci saranno dei cambiamenti interessanti anche per il mercato inglese".

Quest'anno la Eren Tarim ha partecipato al Fruit Logistica di Berlino come parte della delegazione del Paese. Secondo Eren, questo ha limitato le loro occasioni progettuali, ma ha attirato una maggiore attenzione sulla loro nazione. "Abbiamo messo in mostra gli agrumi, poiché sono gli unici frutti che avevamo disponibili in quel momento, ma anche i fichi, in quanto sono molto importanti per la nostra azienda. Abbiamo notato che la fiera sembrava più tranquilla quest'anno rispetto agli anni precedenti. Nonostante il nostro stand fosse sempre pieno, circa il 50% delle persone che abbiamo incontrato erano già nostri clienti. Ne sono arrivati anche di nuovi, ma meno di quanto ci aspettassimo".

Tuttavia, per la Eren Tarim la fiera è stata produttiva. "La più grande sorpresa per noi è stato il crescente interesse da parte di Regno Unito e Canada. Hanno visitato il nostro padiglione molto di più rispetto allo scorso anno. Al momento stiamo già lavorando con il Regno Unito, ma sta arrivando la Brexit e sentiamo già che gli inglesi stanno esplorando nuove opportunità. Onestamente è un momento molto entusiasmante. Anche il Canada sembra essere molto interessato alla Turchia. Collaboriamo con questa nazione da circa sette anni e potrei dire che sappiamo quello che vogliono e possiamo fornirlo".

"Un'altra sorpresa per noi è stata il fatto che le aziende di logistica stanno crescendo molto velocemente. Ogni giorno arrivano nuove tecnologie di spedizione e le compagnie aeree stanno cercando nuovi modi per fornire un servizio migliore e più competitivo", ha detto Eren.

Alla domanda se ha imparato qualcosa da questa edizione del Fruit Logistica, Eren ha detto che ora sa esattamente dove trovare nuove opportunità il prossimo anno. "Come ho detto prima, ogni anno vediamo meno visitatori nel padiglione turco, quindi questo è il chiaro messaggio che non possiamo semplicemente affidarci alle persone che vengono nei nostri stand e fare affari in quel modo, come ai vecchi tempi. D'ora in poi, dovremo andare da loro. Il risultato del Fruit Logistica per me è il seguente: dobbiamo essere più attivi e aggressivi in termini di commercializzazione e reagire andando dove il mercato sarà tra dieci anni. L'industria ortofrutticola si sta rapidamente convertendo in grandi catene commerciali che richiedono le più svariate certificazioni e hanno termini di accettazione del prodotto decisamente rigorosi. Dobbiamo adattarci a questo", ha concluso Eren.

Per maggiori informazioni:
Coskun Eren
Eren Tarim
Tel.: +90 324 454 1487-88
Cell.: +90 533 695 5802
Email: coskun@erentarim.com    
Web: www.erentarim.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto