Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

La stagione indiana dell'uva da tavola sta prendendo un buon ritmo

Dopo alcune settimane di ritardo, la stagione dell'uva da tavola in India sta finalmente accelerando. Sagar Deore, direttore dell'azienda indiana d’esportazione di prodotti agricoli Janki Freshyard Private Limited, afferma che un inizio ritardato della stagione ha comportato un calo delle esportazioni delle varietà precoci.

"La stagione indiana dell'uva da tavola è iniziata tardi e lentamente quest'anno, ma sta prendendo gradualmente un buon ritardo. Gli agricoltori e gli esportatori mostrano maggiore cautela in questa stagione sulla qualità dei frutti, in termini di calibri, gradi Brix, livelli dei residui e shelf life. In questo momento, ci sono meno volumi di uva da tavola precoce esportata verso i mercati tradizionali".

C'è pressione affinché si fornisca il prima possibile uva da tavola di qualità da esportazione, spiega Deore. "Quest'anno vediamo una domanda simile dai mercati tradizionali. Tuttavia, poiché la stagione di quest'anno è stata ritardata di due o tre settimane, c'è pressione per quanto riguarda la fornitura perché aumenti il volume, non appena sarà disponibile per la raccolta, frutta di qualità migliore. Ormai è trascorsa quasi metà della stagione e gli esportatori e gli importatori stanno facendo del loro meglio per avere a disposizione volumi solidi, in base alle rispettive esigenze di mercato".

Dopo un paio di stagioni difficili in termini di costi logistici, la situazione è in forte ripresa, secondo Deore. "Il costo della logistica è tornato ai livelli pre-Covid. C'è stata un'enorme pressione sui costi logistici nelle ultime tre stagioni poiché i trasporti via mare sono aumentati di quasi tre volte, per tutte le destinazioni. Il costo della logistica di quest'anno è normale e accessibile agli esportatori".

Deore afferma che i coltivatori e i commercianti di uva da tavola indiana si concentreranno su più varietà, poiché le pratiche di coltivazione hanno raggiunto i livelli richiesti. "Vedo che la qualità dell'uva da tavola indiana migliora ogni stagione e di anno in anno e, poiché gli agricoltori vengono formati sull'utilizzo delle migliori metodologie agricole, ora conoscono bene le esigenze di ciascun mercato e seguono le migliori pratiche che hanno mostrato continui miglioramenti. Vedo che le uve da tavola indiane ora sono alla pari con le origini concorrenti, a livello di calibri, forma, contenuto zuccherino e qualità di conservazione. Al momento, l'attenzione si concentra maggiormente sulla coltivazione di varietà tradizionali di uva da tavola, quindi si aprono delle opportunità per i nuovi selezionatori di tutto il mondo, di nuove varietà sui mercati indiani".

La stagione è lunga e Deore sente che ci sarà molto lavoro da fare poiché tutti vogliono tornare ai programmi previsti, dopo il ritardo della campagna.

"Mi aspetto una certa pressione sull'offerta poiché, a causa della stagione ritardata, non sono stati in grado di caricare il volume previsto all'inizio della stagione e potrebbero volerlo fare in questa parte rimanente della stagione di quest'anno. Ma vedo anche che la maggior parte degli esportatori è cauta nell'esportare verso mercati come l'Europa, poiché l’anno scorso ha registrato un'offerta superiore alla domanda, il che ha influito negativamente sui prezzi".

Per maggiori informazioni:
Sagar Deore
Janki Freshyard Private Limited
Cell/WhatsApp: (+91) 913 024 1585
export@jankiglobalexport.com   
www.jankiglobalexport.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto