Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Lutz Krasemann, amministratore delegato della Fruchthansa Ltd, sulla stagione dell'uva da tavola sudafricana

"Non sarà una perdita totale, ma dobbiamo prevedere delle carenze da febbraio in poi"

"In tutte le principali regioni di coltivazione di uva da tavola del Sudafrica, le precipitazioni stanno causando una riduzione dei volumi d’esportazione, in particolare per le varietà bianche. Ciò significa che, dopo gli arrivi concentrati all'inizio dell'anno, in concomitanza con gli arrivi tardivi dal Perù, nelle prossime settimane si prevedono volumi inferiori dal Sudafrica", dice Lutz Krasemann della tedesca Fruchthansa Ltd.


Foto: Fruchthansa Ltd

"Dopo l’inizio della stagione dell'uva da tavola dall'emisfero australe in ritardo rispetto allo scorso anno, con gli arrivi da Brasile e Perù dall'inizio di novembre per la buona disponibilità di varietà tardive della stagione europea, le prime settimane di commercializzazione fino alla fine dell'anno, sono state caratterizzate da un'offerta decisamente insufficiente".

In particolare il Perù, secondo Krasemann, ha dovuto affrontare diversi problemi in questa stagione: dagli scioperi nel settore dei trasporti e i conseguenti ritardi, al calo della redditività dovuto al forte aumento dei costi di produzione e logistica. Alcune di queste sfide hanno coinvolto il settore ortofrutticolo, compreso il mercato dell'uva da tavola.

Volumi minori all’avvio della stagione sudafricana
A partire da metà dicembre, l'azienda è gradualmente passata dalla produzione peruviana a quella sudafricana. "La stagione è partita con volumi molto ridotti poiché all'inizio della raccolta ci sono state delle forti piogge nel Limpopo, che hanno causato perdite del raccolto e anche un ritardo nelle prime esportazioni. Considerate le successive forti piogge nelle altre due importanti regioni di coltivazione dell'Orange River e del Capo Occidentale, prevediamo volumi inferiori di importazione a partire dalla fine di gennaio, soprattutto per l'uva da tavola bianca senza semi. Ci sono anche delle perdite nel segmento delle rosse senza semi per le varietà più sensibili, come la Starlight. Resta da vedere se la fornitura sarà insufficiente", afferma Krasemann.

Altri problemi sono invece noti da anni, come le interruzioni di corrente. La maggior parte degli impianti d’imballaggio utilizza generatori e, sempre di più, sistemi fotovoltaici per operare nel modo più autosufficiente possibile. Tuttavia, le interruzioni di corrente causano problemi alle pompe di irrigazione e simili, il che significa che non è possibile garantire un'irrigazione costante. Anche il funzionamento dei generatori utilizzati negli impianti di confezionamento, rappresenta un costo importante.


Foto: Fruchthansa Ltd

Prezzi di vendita più alti rispetto allo scorso anno
I prezzi sono significativamente più alti rispetto allo scorso anno, secondo Krasemann, a causa in particolare dell'aumento dei costi lungo la catena di fornitura. "In Sud America, la situazione è aggravata dal tasso di cambio Euro/Dollaro estremamente sfavorevole. I prezzi di vendita sono più alti rispetto allo scorso anno. Tuttavia, i produttori difficilmente riescono a coprire i costi".

La gamma dell'azienda di Wesseling (Germania) include anche uve da tavola biologiche che provengono principalmente dalla produzione europea, con un trend in crescita della domanda. "Ci aspettiamo le prime uve da tavola biologiche dal Sudafrica nella settimana 4, ma non ci sono ancora volumi sufficienti per programmi continui".

Periodo di commercializzazione dell'uva da tavola
La stagione delle uve bianche provenienti dal Sudafrica inizia generalmente con il prodotto standard, da metà dicembre fino alla settimana 8. Seguono le varietà premium come la Autumn Crisp, presente sul mercato fino alla settimana 15 circa. Le uve da tavola rosse dal Sudafrica, meno soggette alla concorrenza dall'India, possono essere fornite fino alla fine di maggio, prima dell’arrivo sul mercato europeo delle varietà egiziane e marocchine.

Per quanto riguarda i retailer tedeschi, il loro interesse per l'uva da tavola rossa è in crescita da anni. "Quindici anni fa, la quota di questo prodotto era di circa il 10%. Da allora, abbiamo raggiunto un buon rapporto fra le rosse e le bianche di 50/50. A seconda della varietà, del periodo e dell'interesse del cliente, la domanda oscilla naturalmente tra uve da tavola bianche e rosse. Tuttavia, le varietà di uva con semi, come la Red Globe, stanno perdendo sempre più importanza sul mercato tedesco", afferma Krasemann.

"Per quanto riguarda le uve bianche, continuiamo a commercializzare varietà standard di buona qualità, come Early Sweet, Sugarone e Thomspon Seedless, e nuove importanti varietà che includono Timpson, Autumn Crisp e Sweet Globe. Nel segmento delle uve rosse, continua ad essere apprezzata la varietà Crimson", insieme a quelle più recenti come Sweet Celebration e Allison, che hanno mostrato una forte crescita. Le nuove varietà sono riuscite ad affermarsi per il loro gusto ma anche per le buone condizioni di produzione, vale a dire rese elevate, facilità di manipolazione e buone proprietà di conservazione", dice Krasemann.

Continua la richiesta dei vassoi in plastica
Fruchthansa riceve la merce sia in vassoi che alla rinfusa. "A seconda della stagione e della capacità, occasionalmente riceviamo anche merce sfusa, che confezioniamo in loco in vassoi".

"I classici vassoi in plastica sono ancora richiesti, in parte per la loro maneggevolezza e le minori perdite nel punto vendita. Attualmente si sta cercando di sostituire il vassoio di plastica con un'alternativa in carta, ma non si è ancora trovata una soluzione definitiva. Ogni anno vengono fuori dei problemi. Bisogna solo trovare le soluzioni", sostiene Krasemann.

Nonostante questi problemi, Fruchthansa riesce a fornire costantemente ai rivenditori di generi alimentari uva da tavola con o senza semi, per dodici mesi all'anno. "Questo grazie, tra l'altro, alla nostra efficiente catena di approvvigionamento, ai nostri rapporti di lunga data con i fornitori, in alcuni casi anche di amicizia, e alla nostra pluriennale esperienza. Come fornitore di uva da tavola, è necessario avere una disponibilità diversificata, sia in termini di origine che di varietà, in modo da poter reagire in modo rapido e flessibile agli eventi del mercato e alle incertezze, e fornire comunque grandi quantità al prezzo ottimale".

Visita Fruchthansa al Fruit Logistica di Berlino: Hall 20, Stand B61.

Per maggiori informazioni:
Lutz Krasemann
Fruchthansa GmbH
Urfelder Str. 65
50389 Wesseling - Germania
info@fruchthansa.de  
www.fruchthansa.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto