Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Iurie Fala - Moldova Fruct

I mercati di vendita degli esportatori moldavi di frutta raddoppiano nel 2022

"Abbiamo esportato meno mele a novembre soprattutto perché il raccolto di quest'anno è stato insufficiente", ha esordito Iurie Fala di Moldova Fruct, l'associazione dei coltivatori ed esportatori di frutta della Moldavia. A settembre abbiamo pubblicato una serie di articoli sul settore frutticolo di questo piccolo stato ex sovietico, situato tra l’Ucraina e la Romania. Fino all'embargo russo di agosto, la Moldavia commercializzava in Russia il 95% della sua abbondante produzione di mele. Abbiamo contattato nuovamente l’amministratore delegato della Moldova Fruct per sapere qual è la situazione in questa penultima settimana del 2022.

Questa intervista si concentra sulle mele anche se, come ha dimostrato la nostra visita nel Paese alla fine dell'estate, la Moldavia è molto forte anche in susine, uva da tavola e ciliegie. Quello che non è stato argomento di discussione - perché quando abbiamo contattato l'amministratore delegato, ancora non si sapeva - è che i servizi di sicurezza del Paese considerano altamente probabile un'invasione russa.

"Il dubbio non è se la Russia lancerà un'offensiva contro la Moldavia, ma quando accadrà", ha detto il capo dei servizi di sicurezza e intelligence della Moldavia, Alexandru Mustiata, in una intervista alla TVR Moldova della scorsa settimana. Secondo Mustiata, la Russia vorrebbe ancora conquistare un corridoio terrestre verso la Transnistria, la striscia di terra tra Ucraina e Moldavia che, dal 1992, è sotto il controllo dei soldati russi e delle milizie sostenute dalla Russia.

Questa è una notizia inquietante che si spera non si concretizzi. Nel frattempo, le persone in Moldavia - e anche nelle zone dell'Ucraina dove non si combatte - devono continuare a guadagnarsi da vivere ogni giorno. Ciò include i frutticoltori. "Sì, la guerra è ancora in corso", dice Iurie, "e questo preoccupa molto le persone, anche in Moldavia. A volte abbiamo problemi con la fornitura di energia elettrica, il che rende particolarmente difficile lo stoccaggio della frutta. Inoltre, il nostro più grande mercato d’esportazione, la Russia, è praticamente inaccessibile da agosto. Ma, in generale, stiamo cercando di essere resilienti e il commercio sta andando abbastanza bene".

Poca pioggia
Ovviamente, c'è anche un raccolto inferiore. "Questo è dovuto esclusivamente alla siccità", spiega Iurie. "L'anno scorso abbiamo raccolto 665mila tonnellate di mele in Moldavia. Quest'anno abbiamo improvvisamente il 40% in meno: 405mila tonnellate. La maggior parte dei frutteti non viene irrigata, quindi i loro raccolti dipendono in gran parte da quanto piove. Registriamo addirittura il 50% in meno di susine".

La guerra sta colpendo anche le esportazioni. Non solo la logistica verso la Russia è molto più complicata dall’inizio della guerra, ma si è aggiunto anche l'embargo di agosto. È il terzo embargo dal 2006, imposto solo per la frutta fresca moldava prodotta sulla sponda destra del fiume Dnestr. Nel 2021, i coltivatori moldavi hanno venduto fino al 95% delle loro mele sul mercato russo. Con l'ultimo raccolto, i volumi si avvicinano allo zero. "Pertanto, da un giorno all’altro abbiamo dovuto trovare una soluzione per tutte quelle tonnellate di mele da esportazione che stavano per essere raccolte".

I mercati d’esportazione raddoppiano
"Ma non ci siamo arresi. Nel 2021, la maggior parte delle nostre mele è andata in Russia, con una piccola parte in altri 17 Paesi. Nel 2022 siamo stati operativi su 30 mercati. Questo è un eccellente progresso. Nella campagna 2020/21, abbiamo esportato un volume maggiore rispetto alla precedente (260mila ton contro 190mila), ma nel 2022 le esportazioni di gennaio-luglio sono state superiori rispetto al 2021. Data la complessità della situazione geopolitica da fine febbraio, possiamo certamente definirlo un successo. Con il raccolto inferiore di quest'anno, il 1° dicembre avevamo in magazzino 100mila tonnellate: 50.000 tonnellate in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Venderemo sicuramente le 100mila tonnellate, anche se dovessimo cercare nuovi mercati , afferma Iurie.

Secondo Iurie, nel 2022 la Moldavia ha venduto ancora il 74% delle sue mele ai Paesi della CSI (mercati russo, bielorusso e uzbeko). Anche in passato, le ex repubbliche sovietiche come il Kazakistan, l'Uzbekistan e la Bielorussia erano fra i 18 Paesi in cui operavano gli esportatori moldavi di mele. Quest'anno, tuttavia, la Moldavia ha aumentato le sue importazioni, inviandone la maggior parte dei volumi in Ue, e il 26% in Medio Oriente. "Vedo un grande potenziale in questa regione", afferma Iurie.

Tuttavia, a differenza del mercato europeo, gli esportatori moldavi non possono beneficiare del tasso di cambio più favorevole del loro Paese. "Le transazioni vengono effettuate in dollari. Negli ultimi mesi, il valore del nostro Leu non è cambiato rispetto al Dollaro, mentre ha perso circa il 5% rispetto all'Euro. I clienti europei possono quindi acquistare le loro mele da noi a un prezzo leggermente inferiore, rispetto a qualche mese fa".

Minore redditività
I dati sulle esportazioni della Moldavia non sono superiori a quelli di un anno fa, afferma Iurie. E con le rese ridotte e l'inflazione che ha raggiunto a un certo punto il 35%, il reddito di coltivatori e commercianti è drammaticamente in calo. "Poi ci sono anche i costi. I prezzi dell'energia sono raddoppiati", afferma Iurie. "Pertanto, i coltivatori vogliono vendere i loro frutti il prima possibile, per evitare di refrigerarli troppo a lungo".

Si è recentemente tenuta in Moldavia l'ottava edizione della Fruit Business Conference. Dopo due edizioni online, l'organizzazione quest’anno ha accolto fisicamente più di 180 coltivatori ed esportatori. "C'era molto da discutere, perché la guerra ha ovviamente sconvolto completamente il nostro mercato di vendita. E il prossimo anno, a febbraio, saremo di nuovo al Fruit Logistica. Invitiamo tutti gli interessati a farci visita al padiglione 7.1", conclude Iurie.

Per maggiori informazioni:
Iurie Fala (CEO)
Molodova Fruct
MD 2012 Chisinau (Moldavia)
Tel.: +373 222 23 005
Cell.: +373 693 66 424
Web: www.moldovafruct.md


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto