Il mercato delle pere funziona abbastanza bene, quello delle mele è estremamente difficile

"Se vogliamo conquistare il mercato asiatico, dobbiamo coltivare altre varietà"

Tholen - Il mercato attuale delle pere sta andando abbastanza bene. "Almeno per quei coltivatori che sono riusciti a raccogliere dei buoni calibri, i prezzi sono accettabili. Per le pere più piccole, la situazione è un po' più difficile a causa della mancanza di irrigazione. Nonostante questa differenza, le vendite generali sono abbastanza buone", afferma Kris Wouters della Fruithandel Wouters, un commerciante di frutta belga.

Le pere QTee® sono già esaurite nei negozi di frutta. "All'inizio della stagione temevamo che le vendite sarebbero state scarse", spiega il commerciante. "Oggi la gente presta più attenzione al proprio budget di spesa e le varietà club sono spesso nella fascia di prezzo superiore. Con nostra sorpresa, tuttavia, siamo riusciti a ottenere prezzi simili agli anni passati, con le stesse quantità".

Per quanto riguarda la Conference, la situazione è un po’ più difficile. Ma Kris dice che non c'è molto di cui lamentarsi, considerando la concorrenza. "Tutte le nostre abituali destinazioni di vendita, stanno andando bene. L'Italia è in grande difficoltà a causa del clima troppo caldo. Inoltre, arrivano molte meno pere dalla Spagna, il che è positivo per noi. In realtà, abbiamo un raccolto più abbondante dell'ultimo anno, quindi non dovrebbe esserci delle sorprese. Anche la scorsa stagione sembrava buona, ma poi purtroppo è scoppiata la guerra. Ora le vendite devono rimanere stabili, o avremo dei problemi. Ma, al momento, le cose non vanno così male".

Per quanto riguarda le mele, invece, la situazione è diversa. "Gli attuali prezzi di vendita delle mele in realtà non sono giustificati. Ci sono semplicemente troppe mele sul mercato, il che significa che i prossimi due mesi saranno molto impegnativi. Speriamo che la situazione migliori dopo Capodanno. Molta frutta è rimasta sugli alberi. Inoltre, a causa dell'alto costo dell'energia, non vengono immagazzinati molti volumi. Tale surplus è andato, ad esempio, all'industria di trasformazione. Questo potrebbe aver ridotto i volumi nelle celle refrigerate, e quindi una quantità inferiore di mele sul mercato entro il nuovo anno. Tuttavia, nella situazione attuale globale, è impossibile fare previsioni accurate".

Altre varietà conquistano il mercato asiatico
La Fruithandel Wouters ha partecipato con un suo stand all'Asia Fruit Logistica. "Sai di aver avuto successo, quando ti assicuri dei buoni clienti. Tuttavia, è stato molto interessante parlare con persone provenienti dai diversi Paesi asiatici. È un mondo completamente diverso da quello europeo. Mentre qui in Europa tutto sembra economicamente precipitare, il mercato asiatico è in continua espansione - spiega Kris - C'è anche molta attenzione per la salute, che porta a un aumento della popolarità di frutta e verdura. È stato bello farsi un'idea delle diverse culture, come quelle di Thailandia, Vietnam e Indonesia".

Per questi motivi, l'esportatore guarda con grande interesse al mercato asiatico, poiché ne intravede un grande potenziale. "Non è così ovvio, come la gente potrebbe pensare. Ho scoperto che ci sono richieste molto specifiche per mele e pere. Spesso si preferiscono varietà che non sono sempre la nostra prima scelta. La QTee generalmente si vende bene in Paesi come la Cina o il Vietnam, ma la sensazione di ruvidità della Conference, ad esempio, non soddisfa i requisiti estetici in Indonesia. Anche in Cina inizialmente era così, ma dopo la situazione si è ribaltata. In Vietnam, invece, siamo solo all’inizio".

"Diversamente, la Envy proveniente dalla Nuova Zelanda viene venduta a prezzi elevati. Una mela che di solito non è molto bella in termini di colore e presentazione, ma il gusto soddisfa le richieste dei consumatori locali. "Per conquistare questi mercati, dovremo coltivare altre varietà che rispondano alle esigenze locali".

Naturalmente, questa decisione comporta dei rischi. "Se vogliamo coltivare varietà difficili da vendere in Europa, dobbiamo essere sicuri che il mercato asiatico rimanga sempre accessibile. Lo abbiamo visto con la Russia: un mercato può improvvisamente scomparire. È anche difficile garantire consegne affidabili, considerata l'attuale situazione del trasporto di container. È molto costoso e si verificano ancora diversi ritardi. L'esportazione sul mercato asiatico presenta molte insidie. C'è un grande potenziale, ma personalmente non ho il coraggio di puntare tutto su quei mercati", conclude Kris.

Per maggiori informazioni: 
Kris Wouters
Fruithandel Wouters
Kasteellaan 21
3454 Rummen - Belgio
+32 (0)475283696
kris@woutersfruit.be
www.woutersfruit.be


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto