Il frutticoltore olandese Johan Stigter:

"Sono preoccupato per il mercato delle pomacee"

Johan Stigter, un frutticoltore olandese, è preoccupato per il mercato delle pomacee. Fa riferimento alla situazione geopolitica europea e all'elevata inflazione come fattori che alimentano l'incertezza nelle vendite. Dopo un raccolto molto buono, ha deciso di vendere in campo la maggior parte dei suoi frutti. "Dati la situazione mondiale e gli eventi in Russia, abbiamo scelto la sicurezza", esordisce Johan. Si aspetta vendite migliori di pere rispetto alle mele, ma non pensa che i prezzi aumenteranno fino al 1° aprile.

Prima le bollette, poi la frutta
Questo, ovviamente, dipende dagli acquisti dei consumatori, che il coltivatore (il cui raccolto è suddiviso al 90/10 tra pere e mele) prevede in calo, sotto la pressione degli sviluppi economici. Johan crede che l'inflazione danneggerà le vendite di pomacee e registra già un calo del consumo di pere in Germania. "Se l'inflazione si prolungherà, le persone prima pagheranno le bollette e solo dopo compreranno la frutta. La tensione globale crea cittadini paurosi e cauti".

"L'aumento dei costi è un altro ostacolo per i frutticoltori", sottolinea Johan che, ad esempio, sta pagando quasi quattro volte tanto per i fertilizzanti, il 12% in più per i fitofarmaci e anche la manodopera è diventata più costosa. "Per non parlare dei costi alle stelle dell'elettricità per il processo di raffreddamento". Johan dice che è difficile trasferire questi aumenti sui prezzi di vendita: "Devi tenere d'occhio i costi. Non puoi trasferirli tutti. Gli acquirenti non li accetteranno".

Protezione delle colture
Secondo Stigter, ci sono anche sfide nella coltivazione. Oltre al dilazionamento dei fertilizzanti, la politica di protezione delle colture lo preoccupa. "Negli ultimi anni, abbiamo investito molto nella riduzione delle emissioni, ma ci è stato detto che i fitofarmaci devono essere ridotti del 50% entro l'annata 2026/27, senza tener conto delle singole aziende agricole. Non ha senso. Dobbiamo stare attenti a non scatenare una crisi alimentare in cinque anni".

Johan pensa anche che ci sia troppa poca attenzione per le condizioni variabili di coltivazione. C'è, ad esempio, più bisogno di controllo della muffa durante gli anni caratterizzati da maggiore umidità, rispetto ad altri anni in cui potrebbe esserci una maggiore pressione degli insetti. "I colloqui con l'Ue tendono a un’armonizzazione, ma molti settori, tra cui quelli riguardanti la protezione delle colture e la manodopera, non corrispondono a condizioni omogenee fra loro da anni ", afferma Johan.

Sebbene ci siano alternative per alcuni prodotti vietati, il frutticoltore afferma che non sono sempre delle soluzioni. "Passo più tempo ora a irrorare che 20 anni fa. Non conosco nessun coltivatore che consideri divertente spendere tutto quel tempo e denaro per trattare le sue colture. Se puoi applicare un prodotto potente una volta, non devi irrorare tanto, il che ha un impatto minore sull'ambiente".

E, come ha scoperto il frutticoltore, non c'è compensazione per le spese che contribuiscono a una maggiore sostenibilità. "Se non guadagni nulla, diventa senza dubbio molto costoso diventare più sostenibile", continua Johan che vorrebbe un fondo fiscale che compensi gli sforzi di sostenibilità inclusi in programmi come GlobalGAP, GRASP e PlanetProof. Tale fondo dovrebbe essere finanziato al dettaglio o gestito e distribuito dal governo.

Il futuro
Eppure Johan - come dimostra la recente estensione di 10 ettari della sua azienda - è ottimista sul futuro. "Non abbiamo molte aspettative, ma rimango positivo e ho qualcuno a cui posso passare l'attività". Negli ultimi tre anni, Johan ha anche acquistato bins di plastica Capp Plast. "Ne abbiamo acquistati oltre 2.300", spiega Stigter. Oltre all'igiene, sono state le dimensioni a influenzare la sua decisione di passare dal legno alla plastica.

"Questi bins sono leggermente più grandi, quindi ne abbiamo bisogno di meno nel frutteto e, di conseguenza, meno mezzi di trasporto". In questi contenitori di plastica, anche la frutta si conserva meglio più avanti nella stagione. I prezzi del legname stanno aumentando, il che significa che i prezzi di questi e dei bins di plastica stanno convergendo sempre più. "E puoi lasciare i bins di plastica all'aperto per alcuni mesi, se non hai spazio di stoccaggio all'interno. Questo non puoi farlo con il legno", conclude Johan.

Per maggiori informazioni:
Johan Stigter
Johan.stigter@hetnet.nl  

Gerald Langerak
Capp plast Nederland BV
Tel.: +31 0226-411623
Cell.: +31 651914888
www.geraldgreensupport.nl    
info@geraldgreensupport.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto