José Tomás - Frutomás Export SL:

"I prezzi dei kaki di seconda categoria attualmente si avvicinano a quelli raggiunti dalla prima negli anni scorsi"

In un anno in cui migliaia di ettari dedicati alla coltivazione dei kaki sono stati colpiti dagli eventi meteo avversi, comprese le gelate primaverili e le grandinate estive nella regione di Valencia, l'offerta si è notevolmente ridotta.

"Non c'è eccedenza di kaki di classe I da nessuna parte, ma c'è invece una carenza che continuerà per tutta la campagna. I prezzi stanno scendendo gradualmente all'aumentare dell'offerta, ma rimarranno abbastanza stabili per tutta la campagna, raggiungendo picchi che oscilleranno tra 1,80 e 1,50 euro/kg".

"Nella categoria standard, che è quella che trattiamo alla Frutomás Export S.L., stiamo ancora gestendo abbondanti volumi e in realtà siamo a corto di prodotti commerciabili", afferma José Tomás. "La domanda supera l'offerta perché i prezzi sono stati così alti che arriva il momento in cui le persone non possono permettersi i prezzi della I Classe e scelgono le categorie di prodotto inferiori. I prezzi della II categoria sono attualmente simili a quelli raggiunti dalla prima negli anni scorsi".

Il problema è che con "solo il 35-40% di una produzione normale, il picco durerà solo un paio di settimane in questa stagione", ha detto José "e, secondo le mie stime, entro metà novembre, la campagna sarà terminata". In ogni caso, quest'anno è anche l'occasione di insegnare ai consumatori che gli standard di qualità non devono basarsi esclusivamente sull'aspetto esteriore del frutto e sugli altri fattori tradizionalmente imposti dal mercato.

"Perché una banana delle Canarie è migliore quando ha delle macchie, o una pera Conference non va bene se non ha la ruggine, mentre un kaki non è buono se ha qualche segno sulla buccia?" chiede José Tomás. "Il frutto non deve sembrare sempre perfetto al 100%. Quest'anno, il kaki disponibile ha dei segni di danneggiamento, ma quella che va valutata è la qualità del prodotto e, in questa stagione, il frutto ha una qualità gustativa decisamente migliore rispetto agli anni scorsi. Da una parte gli alberi hanno meno frutti, quindi la produzione ha ricevuto più risorse ed è veramente buona, e dall'altra i kaki sono stati raccolti facendo più attenzione ai livelli di maturazione, quindi quando raggiungono il consumatore, la loro qualità è ottimale e questo aumenta la possibilità di acquisti ripetuti".

"Purtroppo ogni stagione ci sono venditori che consapevolmente mettono sul mercato frutta di bassa qualità, soprattutto all'inizio della stagione, quando i prezzi sono più alti perché, anche se perdono soldi per i reclami, ottengono comunque i loro profitti. Ma questo alla fine porta a una perdita di fiducia da parte dei consumatori. Se un consumatore non apprezzerà la qualità, non tornerà a comprare i kaki. Spero che non accada quest'anno, considerata la carenza di prodotti e gli alti costi di produzione che stiamo registrando. Infatti, penso che anche quello che normalmente va all'industria di trasformazione verrà venduto al mercato del fresco".

In questa stagione, l'incidenza del cotonet è stata inferiore rispetto a quelle precedenti, quindi sono state almeno evitate ulteriori perdite, afferma José. "Il parassita che sta destando maggiori preoccupazioni quest'anno nella regione di Valencia, principalmente a Castellon e Valencia, è l'acaro degli agrumi".

Si scommette ancora sulle patate valenciane
José Tomás ha fondato la Frutomás Export S.L. nel 2000. Appartiene a una famiglia dedita alla coltivazione di due prodotti tradizionali della regione valenciana che oggi vengono trascurati: patate e cipolle, prodotti con cui José lavora ancora.

"Attualmente, nella regione di Valencia si producono ancora tra le 14.000 e le 15.000 tonnellate di varietà tradizionali di patate bianche, come Vivaldi o Monalisa. L'anno scorso, la campagna è stata un disastro a causa delle piogge e, dopo una stagione scoraggiante, è sempre difficile ricominciare, ma continuiamo a scommettere su questo prodotto".

"Alla fine rimarranno solo 8 o 10 aziende a operare nel settore delle patate valenciane, perché il numero di coltivatori dediti a questa coltura sta diminuendo. Ma l'associazione degli esportatori di patate valenciane esiste già da un secolo e non vogliamo che tutto il lavoro svolto vada sprecato".

Per maggiori informazioni:
Frutomás Export S.L.
C/ Santander, 6 / Apdo 183
46190 Riba-Roja de Turia, Valencia, Spagna
+34 962 77 92 62 / 667 65 63 68
jose@frutomas-export.com
www.frutomas-export.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto