Rodrigo Masip - Conjuntfruit:

"È incredibile che quest'anno facciamo fatica a vendere quel poco che abbiamo"

Con quasi tutta la Spagna ai massimi livelli di allerta per una nuova ondata di caldo, è diventato ancora più difficile mettere in discussione il rapporto dell'IPCC (Panel intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite) secondo cui il riscaldamento climatico è "inequivocabile" e purtroppo, "irreversibile" a medio termine. Le conseguenze per la società sono evidenti. La portata del cambiamento climatico è senza precedenti da secoli, se non millenni, e una delle attività che ne subisce maggiormente le conseguenze è ovviamente l'agricoltura.

Che si sia trattato di un evento isolato o la conseguenza del cambiamento climatico, nella primavera di quest'anno un'insolita ondata di freddo ha distrutto ancora una volta il raccolto di drupacee nella più grande regione produttrice della Spagna, Lleida, "che normalmente raccoglie l'80% delle drupacee e il 60% di quelle consumate in Europa", dice Rodrigo Masip della cooperativa Conjuntfruit.

"Abbiamo perso il 70% della nostra produzione di drupacee, il nostro punto di forza. Non solo, il gelo ha messo a dura prova anche le pomacee. Le mele sono state le meno colpite, ma quelle dei coltivatori della nostra cooperativa che non hanno protezioni anti-gelo, hanno subito un calo del 60% delle loro produzioni. Anche la qualità dei frutti rimasti ne risentirà".

"Ci aspettiamo pere più piccole, con danni esteriori e senza la loro forma caratteristica. Molte pere Williams e Limonera andranno all'industria della trasformazione. La Conference, invece, si è salvata e ci consentirà di poter lavorare sul mercato del fresco", dice Rodrigo.

La carenza di frutta è tale che il governo regionale ha varato un ampio pacchetto di aiuti per produttori e cooperative, ma i prezzi non sembrano riflettere una situazione che, in questa stagione, sarà una catastrofe per molti produttori. "I prezzi di acquisto della frutta sono gli stessi dell'anno scorso, mentre nei supermercati sono aumentati del 50-60% e, ad esempio, nel caso delle nettarine sono raddoppiati. Alla fine, di fronte a questi prezzi, le persone consumeranno meno", afferma Rodrigo. "In effetti, è incredibile che quest'anno, con una produzione inferiore di drupacee a Murcia ed Estremadura, e anche di meloni e angurie ad Almeria, stiamo lottando per vendere quel poco che abbiamo".

"Sul mercato della frutta convenzionale, le drupacee risulterebbero in media di 0,60-0,70 euro/kg, mentre i prezzi delle mele sono scesi sotto 0,30 euro, a seconda della qualità, perché quest'anno c'è stata una produzione maggiore in Europa, soprattutto in Polonia. Di solito sono ottimista, ma in questa stagione sarà molto difficile per i coltivatori. Molti stanno per fallire perché sono vicini alla bancarotta. E sono comparsi i grandi fondi di investimento che, in questa stagione, stanno acquistando nuove aziende, sia convenzionali che biologiche".

"Dei 52 miliardi di euro di valore stimato del mercato del biologico, l'80% appartiene a grandi multinazionali, e non solo del settore alimentare. Qui a Lleida, alcuni canali di comunicazione molto importanti, con delle grandi banche alle spalle, stanno investendo nella coltivazione biologica".

"È necessario ristabilire l'equilibrio del suolo"
Per la Conjuntfruit, la produzione biologica è molto più che speculazione, chilogrammi, ettari o prezzi. "Si tratta di una questione ambientale fondamentale che fa parte della nostra filosofia. Abbiamo partner che stanno persino testando tecniche biodinamiche e studiando gli effetti differenziali che si possono ottenere nella coltura, migliorandone il terreno", dice Rodrigo.

"Sebbene la 'rivoluzione verde' abbia generato per noi molta ricchezza dall'estensione dell'uso di prodotti fitosanitari e fertilizzanti sintetici NPK, ha anche creato nuovi problemi, come l'impoverimento del suolo, l'erosione e un aumento della presenza di parassiti e malattie per uno squilibrio dei sistemi, conseguenza del forzare la produzione a livelli non in linea con i ritmi della natura".

"Con l'agricoltura biodinamica stiamo cercando di ripristinare l'equilibrio dei suoli, poiché oggi questi squilibri di fertilità, insieme agli effetti dei cambiamenti climatici, stanno causando un calo delle rese. Negli ultimi 20-30 anni, si è assistito ad un graduale aumento nell'uso della fertilizzazione, ma questo aumento non si riflette nella produzione perché, come dicono gli stessi produttori, il terreno è stanco".

"Ogni giorno impariamo qualcosa e capiamo meglio la complessità del suolo. Per esempio, abbiamo sempre detto che gli alberi si nutrono attraverso le loro radici, ma quello che queste realmente fanno è, attraverso le micorrize, creare una simbiosi mutualistica con i funghi, che sono quelli che sintetizzano i nutrienti disponibili in modo che possano essere assimilati dagli alberi".

Il suolo è molto più della semplice fornitura di NPK, afferma Rodrigo. "È un sistema naturale con un'enorme diversità di microrganismi che si sono evoluti nel corso di milioni di anni e hanno raggiunto l'eccellenza, ed è per questo che è necessario cercare di ripristinare il loro equilibrio".

"Sebbene siamo una piccola cooperativa con 10 soci e un volume di produzione di 12.000 tonnellate (considerando drupacee e pomacee, sia convenzionali che biologiche), stiamo cercando di fare un lavoro informativo, in modo che le persone prendano coscienza della realtà e possano almeno prendere decisioni informate al momento dell’acquisto".

Per maggiori informazioni:
Conjuntfruit
Ctra. Vall d´Aran, Km. 6
25123 Torrefarrera, Lleida - Spagna
+34 973 590 180
comercial@conjuntfruit.es
conjuntfruit.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto