Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Anneliese Vollweiler, managing director della Anevo Trading:

"La Serbia può commercializzare tra 70.000 e 80.000 tonnellate di lamponi all'anno"

"La Serbia dipende al 100% dalle forniture di energia dalla Russia. In quanto candidata all'adesione all'Ue, il Paese è quindi in una situazione imbarazzante, vista la situazione attuale", riferisce Anneliese Vollweiler (a destra), managing director della Anevo Trading ed esperta del settore frutticolo della regione balcanica.

Secondo lei, la Serbia si distingue soprattutto per la produzione di piante, lamponi, more e susine.

Dipendenza dalla Russia e influenza della Cina
Il Paese dell'Europa orientale si trova in una posizione economica generale migliore rispetto a molti altri Paesi balcanici, secondo Vollweiler. "La Serbia può commercializzare tra le 70.000 e le 80.000 tonnellate di lamponi all'anno, venduti in vari Paesi dell'Ue, negli Stati Uniti e in Russia. Allo stesso tempo, continua a esserci una certa dipendenza dal mercato russo da parte di alcuni Stati dell'ex Jugoslavia, poiché vengono ancora commercializzati volumi significativi in Russia, e a dei prezzi buoni".

Inoltre, la Russia ha recentemente implementato alcune nuove attività in Serbia, oltre che in Turchia, secondo il managing director. "Inoltre, la Cina sta investendo in ponti e autostrade in Serbia e, attraverso il suo progetto della Via della Seta, vuole fare di Belgrado un hub economico". L’influenza della Cina in Serbia potrebbe aumentare se l'Ue non agirà rapidamente, teme Vollweiler. "Attualmente, ci sono molte le sfide che il Paese deve superare, soprattutto politiche".

Produzione di mirtilli in Serbia

Export di piccoli frutti in tutti i Paesi dell'Ue e negli Stati Uniti
Ma, allo stesso tempo, l’economia serba va molto bene, grazie in gran parte alle esportazioni dei suoi eccellenti prodotti. "La merce si caratterizza per la buona qualità. Ad esempio, i mirtilli vengono venduti a una delle più grandi catene di supermercati della Gran Bretagna e a un grande discount in Germania". Vollweiler afferma che vengono utilizzati macchinari all’avanguardia per la trasformazione dei piccoli frutti. L’azienda coltiva principalmente la varietà Duke.

I lamponi vengono coltivati ​​principalmente nella varietà scura Willamette, che viene venduta soprattutto all'industria, mentre la varietà Heritage viene utilizzata per il mercato green. Il prodotto viene esportato in quasi tutti i Paesi dell'Ue, soprattutto in Germania, Austria, Francia e Gran Bretagna. I lamponi vengono forniti nelle categorie freschi, pre-raffreddati - di particolare interesse per l'industria dei succhi - e surgelati, che vengono trasformati con la massima qualità di surgelazione IQF (Individual Quick Freeze). I lamponi vengono venduti negli Stati Uniti e sono destinati principalmente all'industria di trasformazione.

Volumi d’esportazione in costante crescita dalla Serbia verso l'Ue
Dai piccoli frutti alle drupacee, la Serbia esporta grandi quantitativi in Ue. Tra l'altro, i singoli prodotti vengono utilizzati anche nella produzione di alcolici e non solo. "L'anno scorso, i prezzi dei lamponi erano di 6 euro al chilo per i prodotti IQF, che corrispondevano a un prezzo di 120mila-130mila euro per camion di consegna. Non si è mai pagato così tanto per i lamponi", afferma Vollweiler. Anche la vendita ai retailer tedeschi è un po' più difficile, perché le grandi catene pianificano contratti annuali, mentre i fornitori serbi tendono a gestire consegna per consegna.

"Lo scorso anno sono stati esportati volumi importanti dalla Serbia e dall'Ucraina negli Stati Uniti e in Canada. Detto questo, l'anno scorso l'Ucraina è riuscita a commercializzare 35.000 tonnellate di lamponi, il che non è stato facile, viste le circostanze". La Polonia è anche uno dei maggiori produttori di lamponi d'Europa, con le sue diverse varietà estive e autunnali Polana, Polesie e Polka, che però non sono buone come la Willamette. Inoltre, quest'ultima varietà è offerta a un prezzo inferiore di 0,10-0,15 euro. In Polonia si fa anche molta raccolta meccanica ma, sia in Polonia che in Serbia, c'è carenza di personale.

Aumento del prezzo dal 15 al 20%
"Sebbene anche l'agricoltura serba debba far fronte a una carenza di personale, la raccolta meccanica non è stata ancora considerata in Serbia perché le piante di piccoli frutti vengono ancora troppo danneggiate dalle macchine e presentano danni anche dopo due o tre anni, sebbene una piantagione duri 12-15 anni".

Non ci sono stati problemi di trasporto, secondo Vollweiler, ma i prezzi sono aumentati del 15-20%. "La crisi energetica in Europa ci colpisce tutti. La disponibilità c’è e ci sono anche i fornitori, sono solo i prezzi a darci problemi. Per un trasporto di 19-20 tonnellate nette di merce dalla Serbia a Berlino, l'anno scorso abbiamo pagato 1.800 euro, oggi paghiamo dai 2.900 ai 3.000 euro".

Grecia, Marocco ed Egitto dominano il mercato delle fragole
Le fragole serbe sono andate abbastanza male quest'anno, ha detto Vollweiler, poiché il meteo non è stato particolarmente favorevole. "Nei Balcani dominano le fragole greche, mentre per l'industria si acquistano quelle dall'Egitto. Tuttavia, è lo stesso in Ue. Marocco ed Egitto hanno guidato le vendite di fragole, perché hanno pressato il mercato con prezzi molto più bassi".

I prezzi dei generi alimentari in Serbia sono alti quasi come in Germania, secondo Vollweiler, mentre i redditi sono solo circa un terzo di quelli tedeschi, e questo porta a un cambiamento nel comportamento dei consumatori serbi. "Tuttavia, anche le pensioni e gli stipendi vengono costantemente adeguati. Abbiamo anche aumentato i salari dei nostri dipendenti a tempo indeterminato, perché sono importanti per noi. Come si suol dire: Squadra vincente, non si cambia", conclude Vollweiler.

Per maggiori informazioni:
Anneliese Vollweiler
Anevo Trading GmbH
Fraunhoferstraße 16
D-91058 Erlangen - Germania
+49 (0) 170 581 79 70
+381 (0) 63 611 855
info@anevo.de    
www.anevo-trading.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto