Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'esportazione marocchina di uva da tavola è "piccola ma forte"

Lo slogan di una famosa pubblicità di caramelle francesi degli anni '80 recitava "Petit mais costaud", che significa "Piccola ma forte". Secondo Fatiha Charrat, direttore commerciale dell'azienda d’esportazione marocchina di prodotti ortofrutticoli Delassus, questo slogan si adatta perfettamente alla produzione di uva da tavola marocchina d'esportazione.

"Non sono disponibili più di 8.000 tonnellate delle varietà più ricercate di uva da tavola senza semi nella tanto ambita finestra che va da metà maggio a fine luglio. La maggior parte delle uve coltivate per l'esportazione provengono dal nuovo portafoglio di varietà protette di Grapa, Sun World o SNFL. La maggior parte degli importatori europei sembra scommettere su questa origine in quella finestra commerciale. Il Marocco offre una flessibilità logistica: tempi di trasporto brevi, non superiori a cinque giorni al massimo, con due giorni per la Spagna e tre giorni per la Francia. Le consegne possono essere effettuate giornalmente rispondendo a un programma personalizzato. Pertanto, i frutti sono sempre freschi e hanno un sapore naturalmente maturo".

Delassus Group vuole essere il riferimento dell'uva da tavola proveniente dal Marocco, secondo Charrat. "Finora sono stati piantati 200 ettari in 3 aree, e altri sono in preparazione. Le varietà esportate da Delassus Group sono famose, come Sable®, Midnight Beauty®, Ivory®, Autumn Crisp® e Passion Fire®. Per la prossima stagione, per far fronte all’aumento dei volumi, avremo un nuovissimo impianto di confezionamento dedicato, attrezzato per effettuare il preconfezionamento all’origine".

"I maggiori esportatori di uva da tavola sul mercato internazionale sono il Cile, gli Stati Uniti e l'Italia. Nel 2021, i primi tre Paesi importatori di uva da tavola d'Europa sono risultati Regno Unito, Germania e Paesi Bassi, con circa il 25% dell'uva commercializzata a livello globale. I produttori che vogliono proteggersi dalla concorrenza coltivano varietà club che alla fine producono margini di profitto stabili", sottolinea Charrat.

"Le varietà sviluppate da Sun World, Grapa Varieties, SNFL o IFG sono tutte alla ricerca di nuovi aromi, un calendario più lungo e migliori caratteristiche di coltivazione per gli agricoltori. Queste organizzazioni autorizzano la produzione delle loro varietà. Quindi, i produttori sono tenuti al pagamento delle royalty".

"Storicamente, l'uva da tavola è una delle più antiche piante coltivate dall'uomo. La sua coltivazione risale da 6.000 a 8.000 anni fa. Oggi, secondo l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura, vengono raccolti 81 milioni di tonnellate su un'area di 7 milioni di ettari, un dato in crescita del 6,5% nel 2021, rispetto al 2018. Pertanto, si prevede che un tale aumento della produzione renderà il mercato più interessante per i viticoltori a livello globale, a causa della maggiore domanda da parte dei consumatori".

Se si considerano solo i numeri, il Marocco è un operatore relativamente piccolo. Charrat spiega: "La Cina è il più grande produttore di uva con 14,5 milioni di tonnellate, seguita dall'Italia con una media di 8,5 milioni di tonnellate. Seguono gli Stati Uniti con 7,2 milioni, Spagna 6,5 milioni e la Francia che produce 6 milioni di tonnellate. Gran parte di questi volumi è destinata alla produzione del vino. Il Marocco produce 450mila tonnellate, di cui il 75% sono uve da tavola e il 21% sono uve da vino. Per questo, per ora, il Marocco resta un piccolo produttore. Ne viene esportata solo una piccolissima quantità, meno di 8.000 tonnellate. A differenza dei consumatori europei, l'uva da tavola è un prodotto estivo per il consumatore marocchino. I primi frutti saranno disponibili a maggio e rimarranno sul mercato fino a settembre".

"Le principali varietà coltivate per il mercato interno sono le uve con i semi, come Doukkali, Muscat, Valency, Abbou e Boukhanzir, che occupano circa il 77% della superficie totale. La rimanente parte comprende Alfonse Lavallée, Adari, Cardinal e Madelaine. Le varietà senza semi occupano una superficie trascurabile, non superando nemmeno i 600 ettari".

La guerra in Ucraina sta avendo un impatto sui canali di distribuzione sul mercato globale, a causa dell'aumento dei costi della logistica e della manodopera. "È molto probabile che le spedizioni si fermino e le consegne vengano sospese a livello globale. La raccolta potrebbe essere ritardata a causa dell'insufficiente disponibilità di manodopera nei campi. Secondo gli esportatori, la domanda di uva da tavola nei supermercati del Regno Unito e della Germania aumenterà", conclude Charrat.

Per maggiori informazioni:
Fatiha Charrat
Delassus Group
+212 665 186 868
Fatiha@delassus.com 
www.delassus.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto