Focus sul mercato mondiale del melone e dell'anguria

Non tutto va bene sul mercato globale del melone e dell'anguria, anche se c'è un po' di sollievo in vista. In molti mercati, gli alti costi di produzione hanno portato a una riduzione nella produzione a favore di colture più redditizie, come è stato fatto in Spagna. Oltre agli alti costi di produzione, a impattare negativamente sul mercato del melone sono anche gli alti costi di trasporto e il conflitto in corso in Europa. Solo in Australia ci sono sviluppi positivi degni di nota, poiché il consumo e l'esportazione cominciano a riprendersi dopo il crollo causato dalla pandemia. Per la maggior parte degli altri Paesi, la stagione sarà certamente interessante.

Paesi Bassi: prezzi alti e costi elevati per meloni e angurie
La carenza di container si sta facendo sentire anche nell'offerta di meloni. "Il trucco al momento è quello di avere abbastanza container sulla nave - dice un importatore olandese - Il costo del trasporto marittimo è senza precedenti, ma questo riguarda tutti. Attualmente importiamo solo dalla Costa Rica, ma in Honduras la situazione logistica non è diversa. Inoltre, i ritardi di qualche giorno sono all'ordine del giorno da settimane. Per inciso, il fatto che non ci sia un'abbondanza di meloni in arrivo non è un problema per le vendite dei meloni. I prezzi sono a un livello decente, ma ne abbiamo bisogno a causa degli alti costi".

"Per esempio, il prezzo di vendita dei meloni Cantalupo è attualmente tra 8-8,50 euro, i Piel de Sapo, che offriamo ancora dal Brasile sono venduti a 13,50-14 euro (10 kg) e anche i meloni gialli sono a questo livello di prezzo. Il prezzo delle angurie Quetzalí è di circa 85 centesimi e quelle senza semi sono in offerta ancora più limitata e si trovano a circa 0,95-1 euro", osserva l'importatore. Secondo lui, i disordini in Ucraina hanno avuto solo un impatto limitato sul mercato dei meloni. "Si perde un cliente qua e là che non si può servire, ma tradizionalmente i meloni non vengono inviati in grandi quantità in tale Paese, al contrario di quanto succede con un articolo come le pere dal Sudafrica, per esempio. In termini di qualità, inoltre, la stagione dei meloni sta andando bene, a patto che i ritardi non aumentino troppo, perché questo si riflette sulla qualità".

Germania: calo della domanda di meloni 
Un grossista della Germania meridionale dice di avere una fornitura di meloni per tutto l'anno. Ma attualmente non c'è una domanda particolarmente alta. Egli nota però la popolarità dei meloni nel settore della ristorazione collettiva, dove sono considerati ideali sia per il consumo che per scopi decorativi. Le angurie, i meloni Honeydew, Cantalupo e Galia vengono acquistati dalla Spagna e da oltreoceano attraverso importatori olandesi. In media il grossista riceve da 10 a 20 casse al giorno da circa 5-20 kg, a seconda della varietà. Ricevere merce con un buon stato di maturazione non è così facile al momento, perché la domanda di meloni è stata generalmente in calo.

Italia: produzione in calo a causa dei costi crescenti
Si prevede una contrazione negli ettari di melone e angurie. Un importante player italiano del settore, con sede nel nord d'Italia, afferma che nel 2022 ci saranno meno ettari coltivati per via dei costi in crescita e dei prezzi che non sembrano remunerare a sufficienza.

In questi giorni in Italia è presente melone del Senegal e del Marocco, ma le vendite vanno molto a rilento specie nelle catene retail di fascia media. Nei discount c'è più vendita. L'operatore afferma che ci saranno meno meloni italiani e lui privilegerà i clienti storici, quelli con cui ogni anno fa programmazione, a scapito dei clienti occasionali. La produzione italiana nel sud d'Italia appare in ritardo, probabilmente di una decina di giorni, per cui difficilmente a Pasqua si avranno quantità importanti di melone italiano. 

Sul fronte angurie, l'operatore prevede un calo importante degli ettari coltivati a favore di grano e girasole, colture che oggi hanno elevati prezzi. E' probabile che si avranno contrazioni nella tipologia tradizione di grosse dimensioni, mentre le varietà 'midi' e nere dovrebbero rimanere quasi invariate.

Spagna: riduzione fino al 40% nella produzione di meloni ad Almería
I commercianti spagnoli hanno iniziato a importare meloni e angurie dal Senegal in anticipo rispetto all'arrivo sul mercato delle prime produzioni di Almeria. In questa provincia, la più precoce in Spagna, si prevede una forte riduzione della superficie coltivata a meloni e angurie, che potrebbe aggirarsi intorno al 40% per i meloni e dal 15 al 30% per le angurie. La riduzione sembra essere maggiore per i meloni nella zona di Poniente; sebbene si preveda anche una minore superficie coltivata ad angurie. Anche nella zona di Níjar ci si aspetta volumi leggermente inferiori di angurie (2-3% in meno). Per quanto riguarda le date di semina nella zona di Nijar, ci sono aziende che hanno pianificato di raccogliere circa 7-10 giorni prima, anche se non si tratta di una grande quantità, dato che coloro che hanno intenzione di piantare angurie si attengono ai soliti mesi di gennaio e febbraio.

La ragione di questo calo iniziale dei trapianti potrebbe essere spiegata dalle produzioni autunnali prolungate di peperone, pomodoro, cetriolo, melanzana o zucchina, che stanno sperimentando un tratto finale della stagione con buoni prezzi dall'inizio del 2022. Questo ha motivato molti agricoltori a rimandare o addirittura a rinunciare a piantare meloni o angurie, soprattutto tenendo conto della cattiva esperienza della scorsa stagione in termini di profitti, e il fatto è che con l'attuale situazione dei costi non vale la pena eliminare prodotti che al momento sono molto ben pagati.

Il calo di meloni sarà particolarmente significativo ad Almería, e potrebbe raggiungere una riduzione del 40% rispetto a quanto previsto negli anni precedenti, con il Piel de Sapo che spicca su altri come il Galia, il Cantalupo e il melone giallo, anche a causa dell'accesa concorrenza dal Marocco.

Grecia: i costi di produzione aumentano fino al 50%
Attualmente i coltivatori greci stanno piantando le loro angurie in campo aperto. A gennaio e febbraio i frutti sono stati piantati in serra. Per quanto riguarda le angurie in serra, la Grecia dovrebbe avere circa le stesse quantità dell'anno scorso. Per quanto riguarda quelle in campo aperto, invece, i volumi saranno inferiori di circa il 25-30% rispetto all'anno scorso. Ci sono molte incertezze nel mercato, soprattutto a causa della guerra in Ucraina e della crisi economica in corso. I costi di produzione sono aumentati del 40-50%, e i costi di trasporto sono aumentati significativamente. Ciò significa che ci sono molte domande senza risposta per la prossima estate, considerando tutto quello che sta succedendo in Europa.

Sudafrica: i coltivatori di meloni sudafricani affrontano una stagione di estremi
Sembra essere una stagione di estremi per i coltivatori di angurie e meloni sudafricani. Per la frutta di alta qualità i prezzi sono eccellenti, dice un commerciante di meloni del mercato municipale di Johannesburg, il più grande mercato di angurie del paese, ma c'è frutta problematica sul mercato.

"Non è una stagione normale in termini di precipitazioni e il tempo è stato cattivo", osserva un altro commerciante del mercato delle angurie.

Le prime angurie del Limpopo erano molto buone, nota il commerciante, ma le costanti e forti piogge e le molte giornate nuvolose di gennaio e febbraio hanno ridotto il contenuto zuccherino e portato a fitopatie come la ruggine e all'eventuale collasso della frutta.

La maggior parte delle angurie continua ad arrivare dal secondo raccolto dell'estremo nord del Limpopo e di Capo Occidentale.

Alcuni produttori di Capo Orientale stanno fornendo i meloni migliori al momento, secondo un commerciante, ma è una stagione di estremi. Infatti altri produttori nella provincia hanno avuto enormi problemi di qualità a causa di fitopatie e danni da pioggia.

I prezzi sono in calo. I prezzi per le angurie di piccole dimensioni variano da R10 (0,6 euro) a R30 (1,8 euro), per quelle medio-grandi si ottiene fino a R50 (3 euro). "Non c'è assolutamente nessuna domanda e c'è una grande offerta sul mercato, addirittura un eccesso. In ogni caso, dopo gennaio il potere d'acquisto cala".

Anni fa questo periodo della stagione sarebbe stato fornito solo dalle angurie del Free State, ma ora in questo periodo della stagione sul mercato c'è anche il secondo raccolto del Limpopo; le angurie sono piantate come una coltura per fare cassa e quindi gli ettari piantati possono variare significativamente da stagione a stagione.

La diffidenza degli acquirenti si è riversata anche sulle angurie attese da altre aree che hanno avuto anch'esse piogge insolitamente abbondanti, come il Free State, la cui stagione delle angurie inizierà nelle prossime due settimane.

Nord America: stagione incerta per i meloni nordamericani
Attualmente in Nord America le forniture di anguria sono più scarse. Uno spedizioniere dice che dal Messico centrale a Mcallen, in Texas, stanno arrivando forniture più basse di angurie, mentre a Nogales, Arizona, arrivano forniture più limitate. "La qualità va bene e le dimensioni sono normali. Stiamo vedendo una ripetizione dell'anno scorso. Con il passaggio dalla fornitura del Messico a quella della California la situazione dovrebbe diventare un po' più facile - afferma - Il mercato è molto limitato al momento e i prezzi sono a 250-300 dollari per cassa".

Detto questo, aggiunge che alla fine del mese e nella prima parte di aprile si aggiungeranno altri campi. "E anche nello stesso periodo dell'anno scorso il mercato era sullo stesso livello di 250-300 dollari", dice.

Lo spedizioniere nota che quest'anno, tuttavia, nella West Coast è stato importato meno prodotto, probabilmente a causa degli arretrati nei porti e degli alti costi di trasporto.

Il prodotto messicano dovrebbe arrivare alla fine di maggio ed è allora che le forniture cominceranno in California, Arizona e alcune, possibilmente all'inizio di maggio, dal Texas.

Tuttavia, egli prevede che la superficie coltivata sarà in calo a livello domestico. "Questo è dovuto alla siccità, all'aumento dei costi della manodopera e dei materiali, all'incertezza del mercato che esce dalla pandemia".

Per assorbire quei maggiori volumi primaverili ci sarà probabilmente una maggiore richiesta. "In questo momento c'è una buona domanda perché non c'è molto prodotto. Il prodotto è maggiormente richiesto nelle regioni più calde, come la California meridionale. La domanda si basa sul clima - dice - Se all'improvviso ci fossero magicamente grandi volumi di meloni in giro, sarebbero troppi".

Guardando al futuro, lo spedizioniere sostiene che la sfida sarà mantenere la coerenza con le forniture. "All'orizzonte tutto è incerto, a parte il fatto che sappiamo già che rispetto agli anni precedenti le forniture saranno più basse sulla West Coast - afferma - E non dovremmo aspettarci molte offerte o camion economici. Non abbiamo molte aspettative".

Nel frattempo le forniture di meloni importati sono stabili e la stagione dovrebbe terminare bene prima che le forniture tornino al prodotto domestico.

Un altro spedizioniere sta importando entrambi i tipi di meloni in volumi consistenti via Honduras a diversi porti in tutti gli Stati Uniti, compresi Delaware, Miami, alcuni a Houston e a Hueneme, in California.

"Per quanto ci riguarda i volumi sono aumentati rispetto all'anno scorso", dice, notando che sebbene il loro fornitore honduregno spedisca il prodotto in tutto il mondo, all'inizio dell'anno non ha inviato il prodotto in Europa come avrebbe fatto normalmente, probabilmente a causa di una serie di blocchi europei legati alla pandemia. "Così ha inviato parte di quel volume negli Stati Uniti e quest'anno i nostri volumi sono aumentati - probabilmente di 300mila unità o più rispetto all'anno scorso, includendo sia i Cantalupo che gli Honeydew". 

Si prevede che sul mercato il movimento rimanga costante fino al 15 maggio, quando inizierà la stagione nazionale.

Per quanto riguarda la domanda di meloni, si nota un'ottima situazione sulla West Coast dove le forniture sono più limitate, mentre sulla East Coast, dove c'è più volume da spostare, è da moderata a buona. "Per quanto riguarda la costa occidentale, ciò è dovuto principalmente agli spazi disponibili per i container che hanno bloccato il volume", dice lo spedizioniere.

I prezzi sono stati costanti per tutta la stagione delle importazioni, con prezzi a due cifre praticamente in tutti i porti. I prezzi fuori dalla California sono di 14 dollari per i cantalupo più grandi e di 12-13 dollari per i cantalupo calibro 12. I meloni Honeydew ricevono circa 12 dollari, mentre in generale i prezzi sulla East Coast sono tra i 10 e i 12 dollari.

Ci si aspetta di rimanere in questa fascia fino alla fine della stagione. "Qui abbiamo delle temperature più fresche e questo ritarderà l'inizio della stagione domestica fino al 15 maggio circa", dice il trasportatore, notando che in Arizona la sua superficie domestica è aumentata sostanzialmente per la primavera. "Questo inizio più tardivo aiuterà a mantenere i prezzi alti più in là nella stagione per il prodotto d'esportazione".

Australia: l'industria del melone comincia a riprendersi dopo la crisi economica
In Australia il picco della stagione dell'anguria cade negli ultimi mesi dell'estate, tuttavia, negli ultimi 15 giorni i prezzi al dettaglio sono aumentati leggermente poiché diverse linee di prodotti freschi sono state colpite da forti piogge e tempeste, specialmente nel Queensland meridionale e nel Nuovo Galles del Sud settentrionale.

Secondo i dati, nell'anno conclusosi a giugno 2021, sono state prodotte 114.975 tonnellate di angurie, per un valore di 64,9 milioni di dollari. Il volume è diminuito del 13%, mentre la riduzione nel valore è stata del 22%. Tuttavia, in un anno influenzato dalla pandemia e dalle conseguenti sfide di spedizione, c'è stato un calo del 70% nei volumi di esportazione (2.084 tonnellate) e un calo del 59% nel valore (5,4 milioni di dollari). L'Australia non importa alcun volume significativo di angurie.

Le statistiche mostrano anche che sono state prodotte 67.598 tonnellate di meloni (cantalupo, honeydew e altre linee di meloni di nicchia) per un valore di 84,1 milioni di dollari.  A differenza delle angurie, nell'anno conclusosi a giugno 2021, la produzione è aumentata del 16% in termini di volume rispetto all'anno precedente e del 23% in termini di valore. L'industria ha già notato un "rimbalzo" in entrambe le categorie di meloni verso la fine del 2021, in seguito all'impatto della pandemia, e spera in un maggiore consumo, spinto dall'apertura dei voli oltreoceano, dal turismo, dagli hotel e dalle navi da crociera che stanno iniziando ad aumentare e ad acquistare meloni australiani.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto