Spagna

Buona fioritura degli alberi di drupacee nella regione di Murcia

Le piantagioni di drupacee sono in piena fioritura nella regione di Murcia, con i primi frutti che, in alcune zone più precoci, sono già in fase di allegagione. Ogni anno, la stagione della fioritura è un'attrazione turistica ma quest'anno, a causa delle restrizioni imposte dalla crisi pandemica non ci sono visitatori e gli amanti di questi paesaggi devono accontentarsi di vedere foto e video.

Nonostante sia ancora presto per fornire eventuali stime sui volumi, si prevede una stagione con livelli di produzione normali, dopo il calo del 15% registrato lo scorso anno, purché non si verifichino eventi meteo avversi, come gelate o grandinate. Inoltre, la raccolta sarà probabilmente leggermente in ritardo rispetto allo scorso anno.

"La fioritura dei frutteti procede bene. Le temperature sono state basse, quest'inverno, quindi gli alberi hanno avuto abbastanza ore di freddo. La tempesta e le gelate di inizio anno hanno contribuito, quindi ci aspettiamo una qualità molto buona. Ma la raccolta comincerà con minor anticipo, se paragonata alla campagna del 2020", afferma Joaquín Gómez, presidente dell'Associazione dei produttori ed esportatori di frutta, uva da tavola e altri prodotti agricoli APOEXPA.

"A partire dall'ultima settimana di aprile avremo le prime albicocche, pesche e nettarine di Murcia, mentre le pesche piatte arriveranno circa 15 giorni dopo", dice Gómez.

Nella regione di Murcia, la superficie coltivata a drupacee rimane più o meno stabile, a eccezione delle albicocche che, nelle ultime due stagioni, hanno subito delle riduzioni. Nel frattempo proseguono i rinnovi varietali, soprattutto dopo i buoni risultati ottenuti nella campagna dello scorso anno, in termini di prezzo.

Le esportazioni spagnole di drupacee si concentreranno maggiormente sui mercati europei. "La logistica è ancora ostacolata dalla pandemia, con un aumento del numero di giorni di transito nelle spedizioni su lunga distanza. Sarà difficile esportare e crescere in termini di volume delle spedizioni verso Paesi terzi, sia via mare che via aerea", dice Joaquín Gómez.

Inoltre, questa è la prima campagna in cui il Regno Unito - una destinazione importante per le drupacee spagnole - non è più membro dell'Unione europea. "Penso che le nostre esportazioni di drupacee sopravvivranno alla Brexit. Anche se ora è un Paese extra-Ue, il Regno Unito avrà sempre un forte legame con la Spagna. L'anno prima del Covid-19, la Spagna ha ricevuto la visita di circa 20 milioni di britannici. I prodotti spagnoli sono profondamente radicati nella cultura britannica e non credo che questo cambierà. Inoltre, abbiamo un vantaggio in termini di logistica e servizi, rispetto ad altri Paesi terzi come il Marocco", afferma il presidente di APOEXPA.

Joaquín Gómez
APOEXPA
jgomezapoexpa@hotmail.com 
www.apoexpa.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto