George Stergiou, Anyfion Greece SA

Prime spedizioni di prova di cachi greci per il mercato svizzero andate subito esaurite

Sebbene la Spagna sia ancora il più importante fornitore di cachi in Europa, questo non significa che sia l'unico Paese con un interesse commerciale in questo segmento. Ci sono già alcuni produttori nel nord della Grecia, che coltivano diverse varietà più vecchie e alcune nuove. Un'azienda greca, in collaborazione con un commerciante svizzero, sta introducendo nuove varietà nel sud della Grecia. E finora sembra abbiano successo.

George Stergiou è direttore export e vendite della Anyfion Greece S.A., una società che lavora a stretto contatto con la società svizzera Gebana. Abbiamo parlato con lui del futuro della coltivazione dei cachi in Grecia e dei primi test commerciali effettuati quest'anno. "Le prime due tonnellate di cachi che abbiamo raccolto la scorsa settimana, sono arrivati in Svizzera ieri. Invieremo alcune casse campione direttamente ai clienti di Gebana, che faranno per noi la valutazione del frutto. Le casse campione per il mercato svizzero sono andate esaurite in poche ore, e ci ritroviamo con una lista d'attesa di 500 clienti che non vedono l'ora di provare i cachi greci".

Gli svizzeri hanno già familiarità con i frutti greci, spiega Stergiou: "I clienti di Gebana conoscono già i nostri prodotti: arance, clementine, limoni, pompelmi, kiwi, angurie e uva da tavola. Quindi sanno che possono fidarsi della nostra qualità. Si spera che apprezzeranno anche i nostri cachi".

Se l'esperimento avrà successo, Stergiou inizierà una coltivazione regolare di cachi, insieme ai produttori locali: "Nonostante l'attuale lockdown, ho già parlato con alcuni agricoltori nel sud del Paese. Molti di loro conoscevano i cachi, ma non sapevano che ci sono nuove varietà con un gusto migliore. Sono entusiasti delle nuove possibilità, e sono pronti a iniziare a coltivarle, non appena avremo un feedback dalla Svizzera". Anche altri Paesi europei, come la Germania e l'Austria, sono destinazioni interessanti per l'export.

La produzione e la raccolta del cachi è ancora una novità, per i produttori e raccoglitori del sud della Grecia. Il lockdown, in vigore nel Paese dalla scorsa settimana, non aiuta: "Possiamo continuare a lavorare perché siamo un'azienda agricola, quindi non siamo tanto colpiti dalle misure restrittive. Certo, ci sono problemi per la carenza di manodopera, ma la difficoltà più grande è trasportare i lavoratori dai campi alle loro abitazioni. Questo ovviamente non vale solo nel caso dei cachi, ma anche per gli agrumi che raggiungeranno il loro picco stagionale fra poche settimane. Sono sia curioso che un po' preoccupato su come si svilupperà la situazione".

Inizio tardivo per le arance
Anyfion ha iniziato la raccolta delle arance con una settimana di ritardo rispetto al solito, a causa del clima caldo. Stergiou si aspetta una buona stagione, sia in termini di volumi che di vendite: "I volumi saranno leggermente superiori rispetto allo scorso anno. Tuttavia, ci aspettiamo un aumento del 55% delle vendite di arance in autunno e inverno".

A causa del coronavirus, i produttori sperano in prezzi alti: "Quest'anno, in primavera e in estate, i prezzi sono raddoppiati rispetto allo stesso periodo del 2019, e la domanda è aumentata del 69%. Purtroppo, non credo che la cosa si ripeterà. Naturalmente sarei felice se i produttori guadagnassero di più, ma penso che dobbiamo essere realistici".

Per maggiori informazioni:
Raphael Sacher
ANYFION GmbH
Schlagstrasse 49
6430 Schwyz, Switzerland
T: +41 (0)78 683 30 22
E: raphael.sacher@anyfion.com
W: www.anyfion.com/  

George Stergiou
ANYFION GREECE IKE

6th km PR Nafplio – Argos
21100 Nafplio, Greece
T: +30 2752 18 10 60
M: +30 693 61 69 833
E: info@anyfion.gr 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto