In Svizzera

Potenziale di mercato per il kaki biologico greco

"I nostri kaki provengono prevalentemente dalla Spagna. Sui mercati europei arrivano solo limitate quantità supplementari, ad esempio, dall'Italia o da Israele". Ma l'azienda svizzera Gebana è ora riuscita a fornire per la prima volta kaki biologici dalla Grecia. E la risposta delle famiglie svizzere è stata molto positiva, conferma la portavoce dell'azienda, Sandra Dütschler.

L'agricoltore biologico greco Takis Pantazis fornisce da anni alla Gebana AG arance, limoni e clementine. "Quest'anno ci ha chiesto se potevamo vendere anche i suoi kaki", dice Dütschler. Questo ha comportato una consegna di prova di 240 casse nella settimana 45, che sono state precedute da una campagna promozionale sui social media.

Il coltivatore biologico Takis Pantazis si dedica alla coltivazione di kaki da diversi anni, ma non li aveva ancora esportati.

Potenziale di mercato interessante
"La domanda sembra esserci perché la spedizione è andata completamente esaurita in poche ore", afferma Dütschler.

La Gebana AG serve principalmente nuclei familiari e piccoli clienti commerciali. "La nostra commercializzazione si svolge principalmente tramite il pre-ordine, motivo per cui la merce viene consegnata direttamente al cliente. Da un lato, questo riceve la merce più fresca possibile, dall'altra, come rivenditori, non abbiamo bisogno di immagazzinarla temporaneamente, motivo per cui non abbiamo costi di stoccaggio".

Kaki della varietà Hana Fuyu

I cosiddetti kaki biologici Fuyu, provenienti dalla Grecia, sono imparentati con il kaki convenzionale, ma hanno la polpa soda e una buccia sottile. Vengono consegnati in casse di cartone da 8 kg. Se conservati in un luogo fresco, buio e asciutto, si conservano per circa due mesi. "Inviamo un questionario ai nostri clienti e aspettiamo il loro feedback", spiegano. E' molto probabile un'espansione del progetto il prossimo autunno, purché il riscontro dei clienti sia positivo.

Un altro lockdown in Grecia
Parallelamente al progetto kaki, di recente il governo greco ha deciso ancora una volta per un lockdown totale. Sebbene il Paese dell'Europa sudorientale sia uno dei più importanti fornitori della Gebana AG, la situazione non è ancora preoccupante. "Durante la prima ondata di coronavirus non avevamo alcun prodotto greco e non abbiamo risentito di effetti negativi. Ora speriamo che non ci siano ritardi durante l'approvvigionamento delle merci".

Per maggiori informazioni
Sandra Dütschler
Gebana AG
Tel.: +41 433 66 65 06
Email: s.duetschler@gebana.com
Web: www.gebana.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto