Domanda elevata, ma i prezzi dovrebbero rimanere competitivi

Intonazione positiva per la stagione delle melagrane turche

In alcune regioni della Turchia, gli esportatori di frutta si stanno preparando per la prossima stagione delle melagrane. La loro raccolta inizia in questi giorni e la Alanar, azienda turca specializzata nell'export di frutta fresca, prevede prezzi competitivi e una forte domanda. Si spera che la pandemia abbia solo un impatto minimo sulla campagna commerciale, nel caso ne avesse.

La Alanar prevede di raccogliere nei propri frutteti oltre mille tonnellate di melagrane, in questa stagione. Secondo Yigit Gokyigit, coordinatore commerciale della compagnia, la raccolta è al suo esordio: “Cominciamo a raccogliere le melagrane proprio questa settimane e prevediamo che la stagione duri fino agli ultimi giorni dell'anno. La melagrana è uno dei nostri frutti principali. La Alanar ha i suoi frutteti in Turchia. Quest'anno esporteremo le varietà Wonderful e Hicaz. In questa stagione, raccoglieremo oltre 1.000 tonnellate di melagrane e le forniremo alle principali catene di supermercati di tutto il mondo".

Gokyigit dice che da quando la Alanar è stata acquisita dalla Tekfen Agri, la superficie coltivata, non solo a melagrane, è aumentata costantemente ogni anno: "La Alanar opera come filiale della Tekfen Agri da quando è stata acquisita all'inizio del 2018 e, da allora, ha investito in nuovi frutteti. Oltre alle melagrane, la Alanar coltiva nei suoi frutteti, situati in varie regioni della Turchia, ciliegie, fichi, albicocche e susine".

Sebbene la raccolta delle melagrane sia stata ritardata di circa dieci giorni soltanto, il clima in Turchia non ha rappresentato una grande sfida, in questa stagione. Gokyigit spera inoltre che la pandemia non abbia un grande impatto sulla stagione. "Le condizioni meteo sono state quelle previste, niente di straordinario. La stagione è iniziata circa dieci giorni dopo, quest'anno, a causa del meteo. La qualità delle melagrane che verranno raccolte quest'anno sembra molto buona. Ci aspettiamo una forte domanda da tutto il mondo. Credo che il Covid-19 non avrà alcun effetto negativo sulle vendite di melagrane perché sono frutti che rafforzano il sistema immunitario, e pertanto prevediamo semmai un aumento della domanda. Lavoreremo anche con nuovi clienti, in nuovi mercati. I prezzi dovrebbero essere competitivi, proprio come lo sono stati l'anno scorso".

Per la Alanar, l'obiettivo è quello di avere i loro frutti nel maggior numero possibile di supermercati: "Esportiamo melagrane in varie regioni del mondo. Quest'anno prevediamo che la Germania sarà la nostra principale destinazione. Registriamo però anche un'ottima domanda da altri Paesi europei come Inghilterra, Francia e Svezia. Esportiamo le nostre melagrane anche nelle principali catene di supermercati in Canada, Hong Kong, Singapore e Medio Oriente", conclude Gokyigit.

Per maggiori informazioni:
Yigit Gokyigit
Alanar
Mobile: +90 549 804 87 56
Email: yigit.gokyigit@alanar.com.tr  
www.alanar.com.tr 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto