Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Anche prima dell'emergenza Coronavirus

Pere italiane: una fetta del mercato dell'Est Europa persa

"La commercializzazione delle pere Abate italiane è terminata. Dobbiamo ringraziare i nostri acquirenti nazionali e del Nord Europa, perché spesso la qualità non è stata ottimale. Lo stesso può dirsi per varietà quali Conference e Decana, sempre di origine italiana. Per via della scarsa produzione, la carenza di prodotto si è fatta sentire, quest'anno". Così Igor Tasso, operatore commerciale attivo principalmente in Italia e in Europa.

"Per le pere italiane, una fetta del mercato dell'Est Europa è andata persa anche prima dell'emergenza Coronavirus, per via dei prezzi alti del prodotto o degli standard qualitativi non idonei a quel mercato".

Al momento, l'offerta dell'operatore riguarda pere olandesi e sudafricane, in arrivo entrambe dai Paesi Bassi. In Italia, però, le vendite procedono più a rilento per via dell'emergenza Coronavirus. "Anche le uve sudafricane e le pere Williams argentine sono difficili da commercializzare, in questo momento" aggiunge Igor.

"L'andamento commerciale non è poi così negativo, ma si fatica a raggiungere i livelli soliti registrati in questo periodo, durante le altre annate. Si spera in una risoluzione dell'emergenza quanto prima".

"Da domenica 8 marzo 2020 non ci sono stati blocchi dei camion e io ho un permesso di lavoro, visto che viaggio sempre. Prima del nuovo decreto, tutto sommato non si avvertivano paura o allarmismo. E' ovvio che, con scuole e determinati uffici chiusi, si fa fatica a vendere per esempio prodotti di pezzatura più piccola".


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto