Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il consumatore britannico preferisce l'uva in confezioni miste

Il gruppo britannico Richard Hochfeld importa uva da tavola da diverse origini di tutto il mondo. Al momento, sul mercato inglese c'è la frutta proveniente da Italia e Grecia. Le uve namibiane arriveranno la settimana prossima, mentre nelle provincie sudafricane di Capo settentrionale e del Transvaal nord-orientale si è cominciato a imballare la merce, con buone prospettive per la stagione.

"Abbiamo ancora un po' delle uve dell'emisfero settentrionale, provenienti principalmente dall'Italia e alcune dalla Grecia settentrionale. Quelle spagnole sono state oggetto di una serie di promozioni in estate e autunno, e quindi sono terminate rapidamente. Abbiamo avuto una buona stagione anche per le uve brasiliane, con buoni arrivi di uve bianche e nere senza semi. Rispetto agli anni scorsi, i volumi di uve rosse in arrivo dal Brasile sono stati di più, ma quest'ultima parte della stagione brasiliana ha sperimentato alcuni problemi di colorazione".

Per quanto riguarda il Perù, dove il settore dell'uva da tavola è in rapida espansione, le vendite si sono concentrate su altri mercati, sicché le forniture dirette nel Regno Unito sono state piuttosto incostanti; il Brasile si è inserito per colmare tale vuoto. Per esempio, l'anno scorso, quando si pensò che gli Stati Uniti avrebbero avuto un surplus di fornitura, il Perù inviò molte uve in Europa. Quest'anno, invece, gli Stati Uniti stanno sperimentando una fornitura ridotta dalla California e dunque il Perù sta inviano lì la maggior parte delle sue uve.

Il gruppo Richard Hochfeld si occupa principalmente di programmi per le forniture a grande rivenditore, quindi la responsabile aziendale Karen Cleaves non ha voluto commentare i prezzi di mercato, ma ha aggiunto che non c'è una fornitura eccessiva anche se sicuramente la competizione è maggiore da altri prodotti venduti nei reparti ortofrutticoli freschi.


Karen Cleaves e Martin O'Sullivan 

Ci sono così tante nuove varietà ottime in circolazione. E' una cosa positiva per i coltivatori, dal momento che hanno una resa più elevata e una resistenza maggiore al trasporto, ma i consumatori sanno riconoscerle? E poi, ha importanza se ci riescono o meno?

"Il consumatore conosce alcune varietà, come la Sable senza semi e la Cotton Candy, per esempio, ma generalmente si limitano alla distinzione tra bianca, rossa o nera. Penso che dovremmo lavorare di più su questo. La via da seguire è la continuità, ovvero mettere insieme almeno 12 settimane buone di fornitura di uve dal sapore simile, offerte più come gruppo coerente che non come varietà singole. Purtroppo, non siamo ancora nella posizione per farlo, soprattutto per via dei grandi rivenditori che hanno un'ampia offerta di varietà dai sapori diversi. Con il tempo e con l'evoluzione dei volumi, sono sicura che ci sarà una spinta per coinvolgere di più i consumatori".

Questi ultimi preferiscono gli imballaggi misti. Secondo Karen, sembra che preferiscano tutelare le loro scelte. "Può essere dovuto a preferenze diverse all'interno dello stesso nucleo familiare o alla necessità di soddisfare occasioni diverse".

Oggigiorno sono pochissimi i rivenditori che offrono uve con semi e solitamente queste finiscono in mercati etnici, ma si possono trovare anche presso i discount.

Per maggiori informazioni:
Karen Cleaves
Richard Hochfeld Group
Tel: +44 1732885566
Email: karen.cleaves@richardhochfeld.co.uk 
Web: www.richardhochfeld.co.uk/  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto