Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La testimonianza di Peter Klapwijk (2Harvest)

La produzione biologica va rivista

Biologico o non biologico: il settore è vincolato da una serie di regole e, laddove ci sono le regole, c'è spazio per il dibattito. Per anni c'è stata un'accesa discussione sulla possibilità di far rientrare un substrato naturale nella produzione in serra, ad esempio nel marchio europeo del biologico. Questo succede in Scandinavia, Canada e Stati Uniti, ma non in molti Paesi membri europei. Allo stesso tempo, vengono presentate delle alternative auto-regolamentate. Il produttore fiammingo Jos Derwael, ad esempio, sostiene che la produzione di pere convenzionali, prive di residui, è anche più avanti rispetto a quanto previsto dalle linee guida della produzione biologica. Il settore ora cosa dovrebbe aspettarsi esattamente?

Gli ortaggi di serra della PuraNatura, coltivati su un substrato naturale, non possono essere venduti come biologici in gran parte d'Europa. Questa è una spina nel fianco per Peter Jens, CEO di Stichting PuraNatura. Nel 2011 ha scritto una lettera aperta all'allora Segretario di Stato olandese, Henk Bleker, nella quale si è battuto perché si ridefinisse la produzione di substrati, con la speranza di un maggiore riconoscimento in Europa. Egli adduceva come argomentazione il fatto che gli agricoltori che sono dietro la Fondazione "contribuiscono alla bilancia commerciale olandese con l'esportazione di prodotti biologici al 100% certificati USDA, diminuiscono la pressione ambientale sui terreni olandesi, rendono più sostenibile la produzione su larga scala e aumentano la sicurezza del cibo nordamericano, non utilizzando fertilizzanti animali".

Ma la sua richiesta non ha avuto seguito e, negli anni successivi, a Peter Jens non è rimasto che assistere al riconoscimento negli altri Paesi europei, della certificazione biologica per una produzione di substrato biologicamente certificata.


Peter Klapwijk.

Applicazione di doppi standard
Molti pensano che sia stato applicato un duplice criterio. Il fatto che i Paesi situati al di sopra della 56ma latitudine, come la Scandinavia, siano autorizzati a coltivare eccezionalmente in strati separati con substrato, non ha trovato terreno fertile nell'intero settore biologico europeo. E di recente è apparso evidente che in Spagna la produzione biologica in serra, con il terriccio del giardino posto su strati di roccia - che potrebbe essere definito biologico - è una questione controversa. Come nella produzione convenzionale, i coltivatori biologici spagnoli possono coltivare l'enarenado, che è uno strato di produzione costituito da argilla, sabbia e fertilizzanti animali. A metà del 2017, è stata oggetto di interrogazione parlamentare nei Paesi Bassi, da parte del Segretario di Stato uscente Martijn van Dam.

Biologico e privo di residui non è lo stesso
Un'altra discussione che tiene banco è l'aumento delle varietà senza residui e la loro relazione con i principi della coltivazione biologica. Ad esempio, Carrefour, BelOrta e New Green hanno presentato, alla fine di agosto, la prima pera senza residui dei campi del coltivatore fiammingo Jos Derwael. Questa pera può essere acquistata da Carrefour in Belgio. Il coltivatore concorda sul fatto che le produzioni senza residui e quelle biologiche sono strutturalmente diverse fra loro, ma preferisce la produzione priva di residui rispetto a quella biologica, "perché nella seconda è permesso l'uso di metalli pesanti come rame e zolfo".

L'organizzazione del settore biologico fiammingo, BioForum Vlaanderen, sostiene che il termine "privo di residui" è fuorviante, perché indica che non viene usato alcun agrofarmaco durante la produzione. "Ma su richiesta, sembra che si faccia uso di sostanze sintetico-chimiche" ha risposto l'organizzazione. "Al massimo le pere prive di residui vengono spruzzate di meno. L'applicazione delle sostanze avviene prima, rispetto al processo di produzione, in modo che i residui non siano più rilevabili alla fine".

"Impossibile alimentare il mondo con il biologico"
Peter Klapwijk, ex manager Development & Strategy della GreenQ, lavora come consulente alla produzione, tramite la consulenza 2Harvest. Anche lui ritiene che i prodotti biologici e senza residui siano molto differenti. A differenza di Jos Derwael, nonostante non consideri la produzione senza residui una produzione moderna di biologico, Peter Klapwijk dubita fortemente che il settore biologico sia la strada giusta da seguire. "Non si può nutrire il mondo con la produzione biologica".

"La produzione senza residui è buona, ma è troppo lontana dal biologico per essere etichettata come tale. Sinceramente non capisco perché i gruppi di interesse rispondano così ferocemente alla produzione biologica sul substrato. Capisco che il settore si opponga alla produzione di fertilizzanti artificiali da petrolio, miniere e versanti di montagne, ma nella produzione di substrati non vengono utilizzati additivi. Quando sei sicuro di ottenere fertilizzanti dai prodotti che coltivi, puoi davvero fare la differenza" ha detto Peter.

Opportunità non utilizzate
"Il settore biologico non sta cogliendo molte opportunità. E' ora di iniziare a modernizzarsi. Con i fertilizzanti naturali e auto-riproducibili, si potrebbe ottenere una macchina a moto perpetuo. Con questa produzione di substrati è possibile migliorare l'efficienza fino al 30% in più rispetto alla produzione biologica standard. Dopotutto, lavoriamo tutti per un prodotto sano, per salvare Madre Terra e nutrire il mondo, nel modo più efficiente possibile. Ci si può attenere ai principi, ma dal punto di vista delle emissioni e per quanto riguarda l'utilizzo di acqua ed energia, si lavorerebbe in maniera scorretta. Credo nei principi biologici, ma è determinante come si caratterizza oggi il settore".

Peter è preoccupato che il settore rimanga bloccato ai vecchi principi. "Sarebbe bello adattarsi ai tempi. Alcuni puristi sostengono che la produzione di substrati non dovrebbe mai avere l'etichetta 'biologico', perché i prodotti non sono stati coltivati nel terreno, come è sempre stato. Non è come se andassimo ancora in giro a cavallo e in carrozza. Con la produzione di substrati è possibile ottenere una percentuale maggiore di prodotti biologici a un prezzo inferiore - ha affermato Peter - E non sarebbe un beneficio per tutti?".

Differenti influenze politiche
Perché la politica agricola in Paesi come il Canada e gli Stati Uniti sia incline alla produzione biologica su substrato? Peter ha risposto: "Anche lì è in atto la stessa discussione, ma la moneta è semplicemente caduta dall'altra parte. Tutto ha a che fare con la politica. Quando accade questo, diventa molto difficile per l'altra parte convincere la gente del contrario".

Tuttavia, egli vede aperture nel dibattito. "Quando anche i governi inizieranno a capirne l'importanza - e, dopo tutto, è questo il livello rispetto al quale affrontare il problema - ci sarà sicuramente spazio anche per i cambiamenti. Gli sviluppi sociali necessari per scuotere le amministrazioni ci sono già. Il mercato sta mostrando sempre più interesse. Apprezziamo la qualità del cibo e comprendiamo meglio l'impatto del cibo sulla nostra salute e sull'ambiente. Le persone si stanno rendendo conto che la produzione di substrati è più di una semplice alternativa. E comunque c'è molto interesse da parte di produttori e supermercati. Questa discussione non riguarda quello che si pensa, ma ciò che fa la differenza, sulla base di calcoli e argomentazioni. Forse dovremmo scegliere di attaccare".

Per maggiori informazioni:
Peter Klapwijk
2Harvest
Email: peter@2harvest.nl
Web: www.2harvest.nl

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto