Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Il "Giorno della Mela" aumenta la consapevolezza del consumo regionale"

Austria: i coltivatori di mele lamentano perdite nel raccolto a causa del clima

La mela, il frutto più diffuso in Austria, è stata al centro dell'attenzione: ogni anno, il secondo venerdì di novembre, si celebra il Giorno della Mela. In questa occasione, la regina in carica, Lisa I, ha portato un cesto pieno di frutti, coltivati localmente, agli uffici della Farmers' Union austriaca. Era accompagnata dall'amministratore delegato Johann Greimel e dal presidente Rupert Gsöls della Federal Fruit Industry Association, dal presidente della Association of Styrian Business Growers, Bernhard Ramminger, dall'amministratore delegato della Obst-Partner-Steiermark e Karl Purkarthofer, vicepresidente della OGS Obst-Gemeinschaft-Steiermark GmbH. Insieme hanno portato i loro saluti "fruttati" al presidente e al direttore della Farmers' Federation, Georg Strasser e Norbert Totschnig.

Cogliendo l'occasione, il presidente della Farmers' Federation, Georg Strasser ha sottolineato l'importanza di prestare attenzione ai prodotti locali al momento degli acquisti: "Scegliendo le mele domestiche, sosteniamo direttamente le imprese familiari austriache e promuoviamo la nostra economia. Inoltre, le mele sono molto salutari. Con oltre 30 vitamine e oligoelementi, sono veri frutti energetici, buone per i denti e l'intestino".


Foto: Farmer’s Federation / Silvia Leitner

Purtroppo, i raccolti di mele di quest'anno non sono molto buoni. Con 9,3 milioni di tonnellate (stima del Prognosfruit Congress), sono i più scarsi nell'UE dal 2007, dopo essere diminuiti del 21% circa rispetto allo scorso anno. Le cause sono principalmente dovute al clima, come l'inverno mite e quindi una fioritura anticipata di due settimane, il gelo tardivo regionale, a fine aprile e inizio maggio, e il caldo estremo e la siccità dei mesi estivi. Naturalmente, queste influenze esterne non sono prive di conseguenze per i frutti. In Austria, i raccolti non sembrerebbero migliori. Quest'anno ci saranno circa due terzi di mele da tavola in meno: il motivo principale sono state le gelate.

I coltivatori di mele della Stiria, il principale Stato produttore, non possono ancora rilassarsi dopo le catastrofi del 2016. Per il 2017, il raccolto sarà circa la metà di quello di un anno normale. Si prevedono circa 80.000 tonnellate, contro una resa media di 180.000 tonnellate. Ancora una volta, le gelate sono le cause principali. Né altre regioni austriache o altri tipi di frutta stanno facendo molto meglio. Un gran numero di frutticoltori austriaci sta affrontando anche quest'anno tempi economicamente difficili.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto