Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il kiwi di Valencia (Spagna) ha una finestra commerciale interessante

Dodici anni fa, il produttore valenciano Jorge Martínez ha deciso di provare una coltura alternativa agli agrumi, la cui redditività è crollata nel corso degli ultimi 20 anni. Dopo molte visite in Galizia, è arrivato alla conclusione che il kiwi potesse adattarsi al clima di Valencia senza grossi problemi. Ha ottenuto un gran successo.



"All'inizio, nel 2005, solo quattro produttori di Picassent erano impegnati nella coltivazione di kiwi - ha spiegato Jorge Martínez, che oltre a produrre kiwi e cachi si è dedicato alla commercializzazione di forniture agricole, che costituiscono la maggior parte della sua attività - Oggi sono più di 50 i kiwicoltori nella provincia di Valencia. Al momento, la SAT Actinidia possiede 100 ettari dedicati al frutto".

Nonostante l'investimento iniziale fosse molto elevato, Martínez ha assicurato che si tratta di una coltura redditizia, con 30-40 tonnellate per ettaro, facile da produrre anche se molto sensibile al vento, che può facilmente danneggiare i rami degli alberi. Ecco perché è necessario coprirli con reti.



"La produzione di kiwi a Valencia mostra un interessante finestra commerciale: la raccolta comincia a settembre, quando Nuova Zelanda e Cile stanno terminando le loro campagne e la qualità dei loro frutti non è più così soddisfacente e un mese prima dell'inizio della stagione di Italia, Portogallo e Galizia. La raccolta termina a fine novembre".



Valencia spicca per essere una delle poche aree non colpite dalla batteriosi dell'actinidia. "Abbiamo condotto dei test in molte occasioni - ha spiegato il produttore - e abbiamo osservato che il batterio Psa non si sviluppa con queste condizioni meteorologiche".



Le due regioni dove i kiwi vengono prodotti godono approssimativamente di 1.000 ore di sole all'anno e i loro terreni mostrano un pH ideale per la coltura. Insieme all'uso di determinate tecniche di coltivazione, sono queste le ragioni per cui i kiwi si differenziano con un sapore più dolce del solito e con calibri più grandi rispetto alla media (anche 200 grammi per frutto).



Martínez ha accordi con una cooperativa per la lavorazione dei kiwi, commercializzati a marchio Actinia e destinati sia ai mercati all'ingrosso spagnoli sia all'export in Europa. "La competizione con Italia e Grecia è sempre più agguerrita poiché il mercato è inondato di prodotto a prezzi bassi; fatichiamo a valorizzare i nostri kiwi e a convincere i consumatori che offriamo un prodotto diverso".



Tuttavia, vale la pena sottolineare che le temperature elevate degli ultimi anni stanno causando una flessione nelle rese, come successo quest'anno: il volume produttivo totale è calato di circa il 50%.



"L'albero del kiwi ha bisogno di circa 800 ore di freddo per una produzione ideale. Toccherà aspettare per capire se c'è rischio nel continuare la coltivazione in futuro - ha concluso il produttore - Credo che la natura sia saggia e che i kiwi, proprio come altri frutti, finiranno con l'adattarsi alle condizioni ambientali".

Per maggiori informazioni:
Ignacio Salvador Marqués (agronomo)
Jorge Martínez Martínez (manager)
OPENAGRO S.L.
C/ Acequia, nº 95
Picassent, Valencia (Spagna)
Tel.: +34 961 241 177
Email: openagro@jmopenagro.com
Web: www.openagro.es

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:

Commenti recenti:



Vale la pena coltivare ancora il Kiwi ?
Luigi Russo, Teano(CE) - 2017/01/03 18:58:55.000



© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto