Avvisi

Ricerca di Personale

Speciale continua

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

L'industria agrumicola uruguaiana si riprende dalla siccità, ma i volumi sono in calo

L'industria agrumicola uruguaiana si riprende dalla peggiore siccità registrata in quasi 100 anni, con volumi che nell'attuale stagione 2023 dovrebbero essere inferiori di circa il 10% rispetto allo scorso anno, secondo un'indagine condotta tra i produttori.


Alejandro Buratovich, vicepresidente di Upefruy e amministratore delegato di Frutura Uruguay

"Quest'anno i produttori hanno dichiarato in un sondaggio che la stima ufficiale è di raccogliere il 10% in meno, compreso il 10% in meno di mandarini. Ma siamo all'inizio della stagione, penso che alla fine avremo solo circa il 5% in meno di volumi. Saranno simili a quelli dell'anno scorso", riferisce Alejandro Buratovich, vicepresidente della Upefruy e amministratore delegato della Frutura Uruguay, che fa parte della Frutura, un'azienda con attività anche negli Stati Uniti, in Cile e Perù.

L'anno scorso, le esportazioni di limoni uruguaiani sono state di 13.600 tonnellate, mentre quest'anno si stima siano circa 8.000 ton. Le esportazioni di arance sono state di 21.000 ton lo scorso anno, con una stima per quest'anno di 23.000 ton. L'export di mandarini ha riguardato 38.000 ton l'anno scorso, e quest'anno si stima sarà di circa 32.000 ton.

"Sono quasi convinto che chiuderemo con 37.000 ton. La stagione termina a settembre. Molti giovani alberi stanno crescendo e produrranno volumi aggiuntivi che compenseranno molto. Abbiamo avuto una siccità molto grave, iniziata in inverno, quando stavamo ancora raccogliendo i volumi della stagione precedente, terminata due mesi fa. Continua a piovere meno del previsto. È difficile fare previsioni sui mandarini tardivi perché potrebbero recuperare volume e raggiungere un tonnellaggio maggiore", spiega Buratovich.

Sebbene sia stata la siccità più grave degli ultimi 60-100 anni in Argentina, e molto negativa per l'agricoltura, Buratovich commenta: "Per quanto riguarda gli agrumi, la maggior parte degli ettari coltivati per l'esportazione sono irrigati. Non è andata poi così male. In Uruguay l'irrigazione degli agrumi non è pianificata per coprire il 100% del fabbisogno degli alberi. Esistono sistemi integrativi che in genere forniscono l'equivalente di 4-5 mm di pioggia al giorno, ma comunque abbiamo registrato un certo impatto".

"La siccità ha avuto delle conseguenze sul nostro settore, forse siamo scesi di un calibro, che significherà un impatto del 5-10% sul tonnellaggio. Abbiamo all’incirca la stessa quantità di arance e un 5-10% in meno di mandarini. C'è un impatto maggiore sui limoni, dove il calo è di circa il 40% rispetto alla stima delle esportazioni, ma ciò è dovuto a una diversa strategia sul fresco rispetto al trasformato, decisa in questa stagione dal più grande produttore di limoni".

Prezzi del mercato degli agrumi negli Stati Uniti e in Europa
"Le notizie che ci arrivano sui mandarini è che i prezzi sono simili a quelli dell'anno scorso. I volumi del Perù sono ancora in crescita, mentre il Cile si riprenderà e registrerà il 25-30% in più. Il mercato sembra quindi ben coperto. Negli Stati Uniti dovremmo avere prezzi stabili e vicini a quelli normali, forse un po' più bassi rispetto allo scorso anno. Con il calo dei costi di spedizione, avremo prezzi FOB migliori".

"Le arance sono molto limitate dappertutto. Soprattutto in Europa, tutti richiedono arance. Il Sudafrica ora deve affrontare il protocollo di trattamento del freddo per l’esportazione in Europa e questo diventa un ostacolo perché hanno bisogno di un'infrastruttura di stoccaggio a freddo che è molto difficile da avere da un anno all'altro. I prezzi si aggirano intorno ai 15-16 euro a cassa. Vedremo più avanti nella stagione come andrà con le Valencia in Europa. Non siamo ancora sicuri. Per il momento sembrano bassi. Anche il mercato della trasformazione delle arance è molto limitato. È un problema di portata mondiale", afferma Buratovich.

La fornitura dei limoni, secondo Buratovich, è ancora molto elevata in Europa, e si prevedono prezzi bassi. "Anche gli Stati Uniti sono ben forniti e alcuni dei grandi operatori in Argentina hanno annunciato che non lavoreranno con il mercato del fresco in questa stagione. I prezzi dovrebbero essere bassi in Europa e negli Stati Uniti, ancora di più in Europa".

Costi di produzione inferiori, ma comunque più alti rispetto al pre-pandemia
"Sebbene abbiamo avuto un calo dei costi di spedizione, non siamo tornati ai valori precedenti la pandemia. Per la spedizione a Philadelphia, negli Stati Uniti, pagavamo tra i 4.500 e i 4.800 dollari prima della pandemia, ora siamo tra i 5.500 e i 5.800 dollari. I prezzi si sono abbassati, ma non sono tornati come prima. In Europa, i valori sono vicini a quelli di prima della pandemia. La situazione è diversa a seconda del mercato. La Russia è molto costosa perché ci arrivano solo alcune delle compagnie di navigazione. Negli Stati Uniti siamo ancora al 15-20% sopra i prezzi pre-pandemia. Registriamo ancora costi di produzione più elevati, anche se quelli di spedizione sono in calo. I prezzi dei fertilizzanti rimangono più alti rispetto a prima della pandemia. Tutte le spese per i fertilizzanti sono state effettuate quando le quotazioni erano ancora molto alte", conclude Buratovich.

Per maggiori informazioni: 
Alejandro Buratovich
UPEFRUY
+598 291 60635
info@upefruy.org 
www.uruguayfruits.com.uy


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.