Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

World Citrus Organisation

Le stime sugli agrumi dell'emisfero boreale mostrano un calo significativo della produzione

L'Organizzazione mondiale degli agrumi (World Citrus Organization, WCO) ha pubblicato le stime annuali sugli agrumi dell'emisfero boreale per la prossima stagione agrumicola (2022/23).

La stima preliminare, presentata online durante la terza edizione del Global Citrus Congress il 30 novembre 2022, si basa sui dati delle associazioni di settore di Egitto, Grecia, Israele, Italia, Marocco, Spagna, Tunisia e Turchia, oltre che degli Stati Uniti (sulla base dei rapporti USDA per Arizona, California, Florida e Texas). Quest'anno la stima mostra che la produzione di agrumi dovrebbe raggiungere le 25.958.275 tonnellate, il che rappresenta un calo del 13% rispetto alla stagione precedente.

Durante il Global Citrus Congress, Philippe Binard, segretario generale del WCO, ha riassunto: "Le informazioni di mercato che abbiamo ricevuto dai principali Paesi produttori di agrumi dell'emisfero boreale suggeriscono che il raccolto agrumicolo 2022/23 dovrebbe scendere a 25.958.275 tonnellate. Ciò rappresenta un netto calo del 13% rispetto alla stagione precedente".

Eric Imbert del CIRAD (segretariato tecnico del WCO) ha aggiunto: "Il raccolto di quest'anno è uno dei più modesti delle ultime stagioni, soprattutto a causa dei problemi climatici nei principali Paesi d’esportazione. Tuttavia, nonostante il calo della produzione nell'emisfero boreale, il mercato degli agrumi continua a rimanere vivace. Gli agrumi sono ancora uno dei principali frutti sul mercato globale".


In particolare, la produzione della gamma è prevista in diminuzione dell'11,79% per un totale di 13.995.754 tonnellate. Analoga diminuzione è prevista anche per le altre categorie di agrumi, ovvero pompelmo (-16,88%, per un totale di 769.043 ton), mandarini (-13,32%, 7.176.116 ton in totale) e limoni (-15,70% a 4.017.362 ton). Nell'Unione europea, si prevede che la produzione di agrumi subirà un calo in Spagna e Italia rispettivamente del 15,09% e del 20,97%, mentre WCO stima un aumento del 10,83% per la Grecia. Lungo la sponda meridionale del Mediterraneo, si prevede una produzione in calo in Marocco (-33%), Turchia (-27,24%) e Tunisia (-17,12%), mentre i volumi rimangono stabili in Israele (+0,40%) e aumentano in Egitto (+8,24%). Il raccolto di agrumi negli Stati Uniti, secondo le stime dell'USDA, dovrebbe diminuire del 5,16% rispetto alla scorsa stagione.

Le stime sugli agrumi del WCO si svolgono su base semestrale, prima delle stagioni dell'emisfero boreale e australe. Tutte le stime vengono effettuate su base pre-competitiva, supportate dall'impegno proattivo dei membri nella raccolta dei dati agrumicoli. Entrambe le stime sono a disposizione di tutti i membri del WCO come parte della loro adesione all’organizzazione, per facilitare la conoscenza globale degli attuali sviluppi del mercato agrumicolo. Grazie a questo esercizio di condivisione delle informazioni, il settore è in grado di posizionare meglio la categoria degli agrumi sui mercati nazionali e quelli più lontani.

Per maggiori informazioni:
wco@worldcitrusorganisation.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto