Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

ASAJA-Almería

"L'anno scorso produrre un chilogrammo di mandarini costava 0,35 euro, mentre ora se ne spendono almeno 0,50"

Secondo l'associazione spagnola ASAJA-Almeria, i costi di produzione e il loro impatto sulla redditività dei produttori saranno un fattore chiave per valutare la campagna agrumicola di quest'anno. "L'anno scorso produrre un chilogrammo di mandarini costava 0,35 euro; ora costa non meno di 0,50. A cosa serve quindi ottenere prezzi accettabili se i costi di produzione per la maggior parte delle colture sono raddoppiati?", ha dichiarato il presidente provinciale Adoracion Blanque.

"Come possono gli agrumicoltori fare reddito se i costi di produzione sono già a 0,50 euro/kg e i primi volumi di mandarini sono stati pagati all'origine a 0,55 euro e il limone a 0,70 euro?",  ha dichiarato ASAJA.

Il settore agrumicolo è stato uno dei più colpiti durante lo scorso anno ed è essenziale cambiare la sua situazione. "Per farlo, è necessario generare un movimento nel mercato, una forte domanda di prodotti agrumicoli, diminuire la concorrenza dei paesi terzi e aumentare i prezzi pagati agli agricoltori, perché continuiamo a trovarci in uno scenario in cui il costo dell'elettricità, dei fertilizzanti, del gasolio, degli insetticidi o dell'acqua potrebbe compromettere la loro redditività", ha dichiarato Blanque.

Oltre all'aumento dei costi, va detto che la produzione di agrumi potrebbe essere destabilizzata dagli effetti che le alte temperature e il clima hanno sulle colture.

"La campagna precedente è stata la peggiore degli ultimi 5 anni, quindi i produttori speravano di avere maggiore stabilità e redditività in questa. Tuttavia, l'inflazione che continua a colpire il settore, in modo sproporzionato, offuscherebbe gli attuali prezzi ottenuti. L'ultima campagna è stata catastrofica, soprattutto per le arance, che hanno subito un calo del 42% dei prezzi e hanno oscillato intorno ai 15 centesimi di media; una cifra irrisoria".

"Va notato, comunque, che l'arancia ha raggiunto un valore medio di 0,35 euro all'inizio di questa campagna; un aumento notevole se si considera che nella campagna precedente i prezzi erano scesi a meno di 0,15 euro", ha dichiarato.

I produttori temono ora che il consumo diminuisca, poiché le persone acquistano sempre meno prodotti, prestando più attenzione ai prezzi che alla qualità. "Abbiamo bisogno di campagne per promuovere il consumo di prodotti locali e nazionali. Dato che siamo all'inizio della stagione agrumicola, dovremmo anche incoraggiare i consumatori a guardare all'origine dei prodotti e a richiedere le nostre arance, limoni e mandarini", ha dichiarato il presidente di ASAJA-Almeria.

Per maggiori informazioni:
ASAJA-Almería
asajaalmeria.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto