I limoni cinesi stanno subendo la concorrenza di Turchia ed Egitto

In Cina, la raccolta dei limoni della nuova stagione si concluderà a fine febbraio. Il prezzo all'origine è piuttosto alto. Inoltre, l'aumento dei costi di spedizione scoraggia gli acquirenti, per cui il volume delle esportazioni dei limoni cinesi è notevolmente diminuito, rispetto agli anni precedenti. Zhang, direttore alle vendite della Jining Green Stream Fruits & Vegetables Co., Ltd., ha parlato delle condizioni del mercato domestico e di quello d’esportazione.

Ci sono due ragioni che spiegano il prezzo elevato di questa stagione. Innanzitutto, la scorsa primavera le basse temperature e le inattese correnti fredde hanno colpito alcuni alberi di limoni. In secondo luogo, alcuni coltivatori hanno difficoltà a mantenere la gestione delle piantagioni durante la pandemia. Ecco perché il volume di produzione complessivo è diminuito in questa stagione. Il calo è stimato al 30%. E con una flessione dell'offerta, il prezzo sale.

Circa il 60-70% dei limoni cinesi è destinato al mercato domestico. Il prezzo dei limoni non trasformati è ora di circa 3-4 yuan [0,47-0,63 dollari] per 0,5 kg. La quotazione è molto più alta rispetto agli anni precedenti, ma la domanda non è molto forte. "I canali di vendita domestici includono ristoranti e negozi di bevande, ma in questi ultimi il consumo di limoni è diminuito dall'inizio dell'inverno, e questo ha ulteriormente indebolito la domanda del mercato", ha spiegato Zhang.

I coltivatori cinesi producono principalmente limoni Eureka che però non sono succosi come quelli della Turchia e dell'Egitto. Tuttavia, poiché i limoni cinesi resistono bene alla conservazione, la domanda sul mercato si mantiene buona. I principali mercati d’esportazione dei limoni cinesi si trovano nel Sud-est asiatico, in Medio Oriente e nell'Europa orientale.

"Il mercato d’esportazione dei limoni cinesi è in crisi da quasi due anni, per diverse ragioni. La prima è che il prezzo dei limoni cinesi è superiore a quello del prodotto turco, egiziano e cileno. Ciò significa che la Cina non gode più di una quotazione vantaggiosa sul mercato internazionale. La seconda ragione è che le elevate spese di spedizione stanno ulteriormente indebolendo il vantaggio competitivo della Cina", ha affermato Zhang.

"Quando il prezzo dei limoni cinesi è basso, gli esportatori cinesi occupano una parte importante dei mercati del Medio Oriente e dell'Europa orientale, ma quando il prezzo dei limoni cinesi sale, gli acquirenti d'oltreoceano passano ai fornitori turchi ed egiziani. E a quel punto non c'è più posto per l'agrume cinese", ha spiegato Zhang. "Al momento c'è solo una debole domanda dalle Filippine. In tutti gli altri mercati il volume degli ordini è scoraggiante".

Oltre ai limoni, la Jining Green Stream Fruits & Vegetables esporta anche pomelo, zenzero e aglio.

Per maggiori informazioni:
Zhang Shuhan
Jining Green Stream Fruits & Vegetables Co., Ltd.
WeChat/WhatsApp: +8615853798811
Email: info@greenstream.cn


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto