Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La stima per il raccolto di limoni spagnoli del 2021/22 è di 1.035.000 ton

Questo settembre, la Spagna sta iniziando una nuova stagione di raccolta, con una buona qualità e una produzione più bassa rispetto agli anni precedenti, ma il paese è pronto a consolidare la sua posizione sul mercato. "Siamo pronti ad affrontare qualsiasi difficoltà, a proteggere e rispettare l'ambiente e la sostenibilità. Siamo pronti a iniziare a produrre e portare i prestigiosi limoni spagnoli sui mercati più difficili", spiega José Hernández, presidente dell'Associazione Interprofessionale Spagnola per Limoni e Pompelmi (AILIMPO).

"La prima stima del raccolto fatta dal settore prevede 1.035.000 tonnellate per la stagione 2021/22, ovvero il 23% in meno rispetto all'anno precedente per motivi climatici (con ondate di freddo, vento ed eccessiva pioggia che, in alcune zone, hanno compromesso la fioritura e l'allegagione dei frutti), anche se questo non rallenterà i limoni spagnoli nella loro corsa ai mercati internazionali, in quanto continuano ad attraversare le frontiere di tutto il mondo, conquistando la preferenza di un numero crescente consumatori".

Nel frattempo, i produttori e i dettaglianti in Spagna esibiscono e "spremono" le opportunità di mercato. Come vantaggio competitivo, il limone è leader mondiale nella vendita al dettaglio perché ha un sistema di distribuzione altamente controllato, che ne garantisce la massima freschezza. Infatti, 48 ore è il tempo medio che impiega un limone prodotto in Spagna per passare dall'albero agli scaffali di qualsiasi supermercato in Europa.

"Come potenziale principale, i limoni spagnoli si differenziano dai concorrenti di altri paesi perché fanno parte di un modello di produzione rigoroso, che garantisce i più alti standard di qualità e sicurezza alimentare a livello mondiale. Un sistema molto rigoroso di tracciabilità dal campo alla tavola garantisce che i limoni europei siano sani, sicuri, di altissima qualità e prodotti con un basso impatto ambientale", sottolinea AILIMPO. Senza dimenticare che più di 20.000 lavoratori danno vita a questa industria e al prodotto, che viene trasportato da più di 30.000 camion fino agli angoli più remoti d'Europa, e che si sta aprendo sempre più a mercati difficili come Stati Uniti e Canada.

Il paese è sempre più orientato a livello internazionale e prevale l'ottimismo in vista di una campagna che offre grandi opportunità di sviluppo economico, soprattutto nelle zone della Regione di Murcia, Andalusia e Valencia. Con il "vento in poppa" il settore sta accelerando la sua campagna promozionale di successo che sta portando i limoni europei, e quindi spagnoli, in tutto il mondo. Va notato che Welcome to the Lemon Age è la più ambiziosa campagna di promozione, informazione e pubblicità nella storia del limone europeo di origine spagnola, che comprende promozioni distribuite su tre anni in cinque paesi (Spagna, Francia, Germania, Stati Uniti e Canada).

La Spagna, con una produzione media di circa 1.000.000 di tonnellate all'anno, rappresenta più del 60% della produzione europea. "Nel 2021/22 il nostro paese continuerà a essere il primo esportatore di limoni freschi e il secondo come trasformatore di succo di limone, olio essenziale e buccia disidratata nel mondo", ha detto il presidente dell'associazione.

Per maggiori informazioni:
AILIMPO
Tel: +34 968 216 619
www.ailimpo.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto