Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I produttori di Alicante hanno distrutto grandi quantitativi di limoni a causa dei prezzi troppo bassi

Il sindacato Unió de Llauradors ha affermato che la campagna dei limoni nella provincia di Alicante è stata disastrosa e che le perdite, rispetto a un'annata normale, potrebbero superare i 52 milioni di euro (22 milioni per la varietà Fino e 30 milioni per la Verna), poiché i ritorni dei produttori per le varietà Verna e Fino sono diminuiti rispettivamente del 72% e del 60%.

La varietà Verna, attualmente in fase di raccolta, non è riuscita a migliorare la stagione. Anzi, l’ha peggiorata. L'aumento del raccolto del 33%, rispetto alla stagione precedente, dovuto soprattutto all'entrata in produzione delle nuove piantagioni, e l'aumento delle importazioni da Turchia, Sudafrica, Egitto e Mercosur hanno influenzato lo sviluppo della campagna.

Al momento, i prezzi sul campo si attestano intorno a 0,20 euro/kg e si raccoglie solo la frutta commercialmente buona. Il 40% della produzione, solitamente destinato all'industria del trasformato, non è stato raccolto. Tuttavia, nelle ultime due settimane il mercato non ha praticamente acquistato limoni. Di conseguenza, i produttori sono stati costretti a distruggere una grande quantità di limoni Verna non raccolti.

Secondo l’Associazione interprofessionale spagnola del limone e del pompelmo (Ailimpo), la Spagna destina oltre il 25% del suo raccolto di limoni all'industria di trasformazione. La Spagna è il secondo più grande produttore di limoni al mondo. La Unió de Llauradors si chiede se gli accordi commerciali dell'Unione europea con i Paesi terzi, come il Mercosur o il Sudafrica, non incidano sul progressivo smantellamento dell'industria di trasformazione degli agrumi in Spagna, a favore dell'onnipotente industria brasiliana, che ha le tre maggiori industrie di trasformazione al mondo e ha già annunciato la sua intenzione di stabilirsi in Spagna, per conquistare l'Ue. In questo senso, La Unió chiede all'Ue di non firmare alcun accordo commerciale senza averne studiato gli effetti e le conseguenze, disponendo protocolli sicuri e rigorosi per prevenire l'ingresso di parassiti, e chiedendo alle altre parti di rispettare gli stessi standard di produzione dell'Ue.

Per maggiori informazioni:

La Unió de Llauradors 
Tel.: +34 963 530 036
launio@launio.org
www.launio.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto