Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Francois Hugo – Pomona Fruit

I coltivatori sudafricani di limoni "l'hanno scampata bella" sul mercato precoce russo

Pomona Fruit, un’azienda specializzata nelle forniture al settore russo della vendita al dettaglio, esporta drupacee, pomacee, cachi, noci e, naturalmente, tutte le categorie di agrumi.

Foto fornite da Pomona Fruit

"Il mercato dei soft citrus (agrumi di piccola taglia e a facile sbucciatura) si troverà presto a un bivio, con gli abbondanti volumi in arrivo. I primi soft citrus del Sudafrica sono arrivati la scorsa settimana e, già in questa settimana, ce ne sono altri disponibili sul mercato", dice Francois Hugo, direttore commerciale della Pomona Fruit, spiegando che, a parte i Satsuma precoci del Sudafrica, sono ancora presenti sul mercato i mandarini tardivi del Marocco e i Kinnow provenienti dal Pakistan.

"Il problema è che sono già stati spediti molti Satsuma dal Sudafrica e dall'Argentina in Russia. Ci sono molti pallet di soft citrus che arriveranno contemporaneamente".

Il direttore prevede che il mercato dei Satsuma registri uno stallo, ma che potrebbe riprendersi con l'arrivo di altre cultivar come Nova e clementine anche se, secondo Hugo, per la Russia ci sono molte alternative alle Nova sudafricane, la cui stagione è appena iniziata.

Si prevede una stagione difficile
Attualmente il mercato dei limoni è forte, ma probabilmente non lo sarà per molto (un andamento previsto per tutte le categorie di agrumi, ad eccezione delle Navel).

Poiché l'Argentina era ancora bandita dall'Ue, c’è stata molta incertezza sulle navi argentine cariche di limoni destinate esclusivamente alla Russia: due navi che erano già pianificate sono state poi cancellate, dando spazio ai limoni del Sudafrica.

Fortunatamente i limoni precoci sono stati abbondanti e, in questa stagione, le esportazioni sudafricane di limoni in Russia finora sono aumentate di un terzo.

"I coltivatori sudafricani di limoni ‘l’hanno scampata bella’, insomma, con le due navi argentine cancellate. Se il nostro prodotto fosse arrivato insieme ai carichi di quelle navi, sarebbe stato il caos commerciale", dice Hugo. "Per ora, il mercato dei limoni è in recupero e, per il momento, sono tutti soddisfatti".

Mercato breve per le Navel
Nel frattempo, sono in arrivo le Star Ruby, ma le uniche a non essere sul mercato sono le Navel. Si prevede una carenza di arance sul mercato russo. Gli esportatori sudafricani preferiscono andare altrove con le loro Navel precoci.

Nel luglio dello scorso anno, in Russia i prezzi alti delle Navel non sono passati inosservati e hanno fatto aumentare le spedizioni delle Valencia e, di conseguenza, verso la fine della stagione hanno causato un forte calo dei prezzi delle arance.

"La domanda di arance è stata eccezionale lo scorso anno, ma mi chiedo se le persone non preferiscano acquistare frutta più economica e prodotta localmente, piuttosto che prodotti costosi d'importazione. Le persone sono sempre più attente ai loro acquisti, ed è così in tutto il mondo".

Previsto un aumento per il commercio di mele e pere
La scorsa stagione, le esportazioni di mele in Russia si erano triplicate. Fra gli altri fattori, la chiusura dei porti del Bangladesh, con le mele sudafricane bloccate nei porti, i coltivatori di mele hanno dovuto cercare mercati alternativi, e la scorsa stagione l’alternativa è stata proprio la Russia.

Tuttavia, Hugo fa notare che in Russia l'industria locale delle mele è in pieno sviluppo. Nella Russia meridionale, per esempio, stanno realizzando nuove celle di stoccaggio ad atmosfera controllata e, di conseguenza, si prevede una maggiore disponibilità di mele prodotte localmente.

Maggiore disponibilità dei container
La disponibilità dei container è aumentata dopo un periodo in cui, a causa della loro carenza, gli esportatori erano costretti a passare da una compagnia di navigazione all'altra, ma Hugo vede una maggiore disponibilità di container per via del calo delle spedizioni di uva da tavola e susine. 

"Voglio caricare i container in un ambiente a temperatura costante con una capacità di 20 pallet. Arrivi sul mercato con alcuni giorni di ritardo, ma quando lavori con i programmi di fornitura per i rivenditori al dettaglio, questo non è un problema. I retailer vogliono arrivi costanti".

I proprietari della Pomona Fruit: Anton Bruwer, Francois Hugo e Pedre Koekemoer

"Penso che l’ultimo anno sia stato molto difficile per le tasche dei cittadini. I consumatori, oggi, sono molto più attenti a quello che acquistano al supermercato, e lo abbiamo visto con la passata stagione delle drupacee , quando il consumo è stato quasi nullo".

Hugo vuole mantenere una visione realistica, né pessimista né troppo ottimista ma, considerata la massiccia produzione proveniente dal Sudafrica, unita al debole potere d'acquisto a livello globale, non rimarrebbe sorpreso se quella in arrivo si rivelasse una stagione difficile.

Per maggiori informazioni:
Francois Hugo
Pomona Fruit
+27 23 626 1890
+27 83 647 7440
francois@pomonafruit.com
pomonafruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto