Magdalena du Plessis – Carpe Diem

Produttore sudafricano di uva da tavola biologica prevede un forte aumento dei volumi nei prossimi anni

Un container di uva da tavola bianca senza semi Early Sweet, coltivata in Sudafrica in regime biologico, partirà a breve per l'Europa dal porto di Città del Capo. Questa spedizione darà il via alla nuova stagione dell'uva da tavola dell’azienda Carpe Diem, con sede nel Capo Settentrionale: una campagna "breve ma intensa", che di solito dura da otto a dieci settimane, con carichi da dieci a dodici container a settimana, spiega Magdalena du Plessis, appena nominata direttore alle vendite.

Raccolta della Early Sweet biologica (foto fornite dalla Carpe Diem)

“La Carpe Diem coltiva unicamente uve da tavola biologiche e penso che molte persone, sia all'estero che qui in Sudafrica, preferiscano acquistare prodotti bio, se possono, soprattutto ora con la pandemia in corso. Il mercato dell'uva da tavola è un mercato maturo, e l'uva da tavola biologica lo rende davvero interessante".

Al momento, il mercato in Europa è piuttosto carente di uva da tavola biologica, a eccezione di alcune uve peruviane, e il raccolto della Carpe Diem sembra buono, dice Magdalena.

"Tuttavia, non abbiamo abbastanza volumi, soprattutto ora, prima di Natale. Vorremmo averne molti, molti di più ".

Quello di cui il mercato dell'uva da tavola biologica ha davvero bisogno, osserva Magdalena, è una fornitura per dodici mesi e, nello scenario migliore, con varietà senza semi bianche e rosse, che siano sempre disponibili.

"Ora iniziamo la stagione, dopo una carenza sul mercato dell'uva da tavola; e fino a quando non inizi a recuperare, perdi il ritmo e anche le vendite", dice.

"Al consumatore piace sapere di poter trovare uve da tavola biologiche ogni settimana".

In effetti, Magdalena ritiene che molti retailer vorrebbero passare all'uva da tavola biologica, ma sono bloccati da un'offerta limitata.

La Carpe Diem ha investito fortemente nell'estensione della stagione su entrambe le sponde del fiume Orange, sperando il prossimo anno di iniziare una settimana prima con la Early Sweet, piantata in un vigneto con una temperatura differente rispetto agli impianti lungo il fiume.

Questo sarà anche il loro primo raccolto delle varietà Sweet Celebration™ e Sweet Globe™ della IFG, che promettono di avere la giusta durata di conservazione per poter essere commercializzate con successo sul mercato del biologico.

In qualità di ex acquirente di frutta per il canale della vendita al dettaglio, Magdalena ha notato un crescente interesse per la rossa senza semi, in gran parte grazie al suo aspetto. Oltre alla Sweet Celebration™, hanno anche creato nuovi lotti di Allison e Timco (non ancora in produzione), in tutti i 45 ettari di uva da tavola biologica.

Hanno rimosso tutti i loro lotti della varietà Prime e dispongono di grandi volumi della Thompson Seedless, che si sovrappongono agli ultimi della loro Evans Delight, una cultivar sudafricana selezionata dalla Hoekstra Farms.

L'uva da tavola Evans Delight durante l'invaiatura

"La Carpe Diem avrà un grande sviluppo nei prossimi due o tre anni. Attualmente produciamo circa 170.000 cartoni da 4,5 kg all'anno. L’azienda crescerà molto, in termini di volume, nei prossimi due o tre anni, con ulteriori 100.000 cartoni. Per noi, ciò è estremamente stimolante!".

Canada e Stati Uniti sono mercati interessanti per l'uva da tavola biologica
La durata di conservazione dell'uva da tavola biologica è più breve di quella dell'uva coltivata convenzionalmente e confezionata (nell'uva bio non è ammesso l'uso dei fogli di zolfo, comunemente usati per prolungare la durata dei grappoli durante il trasporto).

"Quando raccogliamo l'uva, vogliamo sapere quale consumatore la mangerà", dice Magdalena. "Vogliamo saperlo, così possiamo sviluppare una catena di approvvigionamento il più efficiente e corta possibile".

Un container di uva da tavola biologica accanto agli alberi faretra del Capo Settentrionale

Una nuova cella refrigerata, installata accanto all’impianto di confezionamento dell'uva da tavola della Carpe Diem, allunga la vita post-raccolta delle uve di circa un giorno, e garantisce che i grappoli vengano raffreddati senza ritardi. Prima l'uva da tavola veniva preraffreddata in un altro magazzino refrigerato a Upington.

I loro principali clienti provengono da diversi supermercati in Europa e nel Regno Unito, sia direttamente ai rivenditori, dove i volumi sono disponibili, sia tramite importatori.

Il Canada è un altro mercato dove, da un paio d'anni, le vendite vanno bene. Infatti, osserva Magdalena, potrebbero caricare molto di più per il Canada, se avessero sufficienti quantità di uva da tavola.

Gli Stati Uniti sono molto concentrati sui prodotti biologici, il che rende questa destinazione un mercato interessante, dice Magdalena, e quest'anno potrebbero inviare là i loro primi volumi.

I fornitori sono preoccupati per come il Covid possa influenzare il mercato, ma un vantaggio è che i consumatori ora preferiscono i cestini di uva da tavola, così da ridurre il contatto diretto delle mani con i prodotti in vendita.

"L'uva da tavola è un prodotto di lusso, pertanto il contesto economico è quello che forse potrebbe minacciare le vendite di uva da tavola in questa stagione”, conclude Magdalena. "Credo ancora che la richiesta di uva biologica continuerà perché il prodotto è sano, ricco di vitamine e antiossidanti - perfetto come snack".

Per maggiori informazioni:
Magdalena du Plessis
Carpe Diem
Tel: +27 54 332 2901
Email: sales@cdgroup.co.za
http://www.cdgroup.co.za/


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto