Avvisi

La clessidra



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Associazione delle imprese frutticole della Catalogna, Afrucat

Il settore frutticolo spagnolo prevede di sradicare 10.000 ettari di drupacee

Il Comitato drupacee dell'Associazione delle imprese frutticole della Catalogna, Afrucat, ha definito un piano di emergenza per questo settore, consistente in una serie misure a breve e lungo termine, compresa la richiesta al Ministero competente per l'approvazione di un Piano di sradicamento, che interesserebbe 10.000 ettari distribuiti su tutto il territorio spagnolo, nelle regioni di Catalogna, Aragona, Murcia ed Estremadura.

Il solo lancio di questo piano porterebbe al ritiro di circa 300 milioni di chili di pesche e nettarine dal mercato europeo (il 25% di quello che la Spagna produce attualmente).

Secondo le parole del direttore generale di Afrucat, Manel Simon, questa misura potrebbe essere sufficiente a invertire l'attuale tendenza negativa, che dalla fine dell'estate 2014, quando è entrato in vigore l’embargo russo, ha causato un accumulo di perdite per il settore.

L'associazione ha stimato in 90 milioni di euro le perdite che il settore catalano delle drupacee potrebbe subire in questa campagna, e ha anche affermato che è necessario che il Ministero spagnolo investa 50 milioni di euro per sostenere il Piano di sradicamento.

Sisco Palau, presidente del Comitato per le drupacee di Afrucat, ha sottolineato la necessità di applicare delle misure di emergenza "in un settore che è stato duramente colpito da tre campagne consecutive con perdite di redditività, e che ha subito un aumento dei costi di produzione". Palau ha insistito sull'importanza di unire le forze di tutto il settore (organizzazioni e sindacati), invitando altre organizzazioni statali a collaborare con loro.

Le altre misure proposte dall'associazione di imprese sono:

  • Porre fine alla mancanza di liquidità del settore, riducendo la pressione fiscale sui frutticoltori e raggiungendo accordi con gli enti bancari per consentire loro di ottenere credito a condizioni favorevoli.
  • Investimenti volti a ridurre i costi di produzione e di gestione con l'implementazione delle innovazioni esistenti.
  • Concentrazione aziendale, mettendo insieme la produzione di diverse aziende.
  • Promozione del consumo di frutta, attraverso azioni promosse dal settore stesso e dall'amministrazione con il Piano di consumo di frutta nelle scuole.
  • Apertura di nuovi mercati alla frutta spagnola, supportando il lavoro del Ministero.
  • Creazione di consorzi d'esportazione, nei casi in cui non sia possibile un'unione produttiva.

Bilancio della campagna precedente
La campagna delle drupacee del 2019 è stata contrassegnata dalle produzioni europee di pesche e nettarine che hanno raggiunto i loro picchi, con un aumento del 10% rispetto alle previsioni, e un volume che ha continuato a crescere man mano che la raccolta è andata avanti.

I calibri sono stati idonei e si è verificata una certa saturazione sui mercati, a causa dell'elevata disponibilità dei volumi di drupacee nei tradizionali mercati europei. Questa è stata una delle principali conseguenze del prolungamento dell'embargo russo.

A questa situazione vanno aggiunti i maggiori costi di produzione, che in gran parte sono stati provocati dall'aumento del 15% dei salari, in conseguenza dell'aumento del salario minimo interprofessionale.

Per maggiori informazioni:
Afrucat
Fruit Business Association of Catalonia
Av. Tortosa, 2 (oficines 20-24) Edifici Mercolleida, 25005 Lleida, Spain
Tel: +34 973 220 149
administracio@afrucat.com
www.afrucat.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto