Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Camposol

Sviluppi nel settore sudamericano dell'avocado consentono una fornitura per tutto l'anno

Per la grandezza del continente, i Paesi del Sud America producono spesso prodotti simili in finestre temporali diverse. La stagione dell'avocado ne è un esempio: tutti insieme, i Paesi sudamericani sono in grado di produrre questo frutto per tutto l'anno.

La società di produzione ed esportazione Camposol ha sedi operative in Perù, Colombia e Uruguay. Jorge Ramirez, amministratore delegato, spiega le intenzioni strategiche che stanno dietro la scelta di queste diverse sedi: "Ci siamo impegnati molto per espanderci in Colombia e abbiamo già piantato oltre 1.300 ettari di avocado. Il Perù produce avocado da aprile ad agosto, mentre la Colombia va da ottobre a marzo. Poiché la Colombia ha una finestra temporale complementare a quella peruviana, siamo in grado di fornire avocado per tutto l'anno, quindi non esiste una concorrenza diretta".

Avendo terminato la raccolta in agosto, quest'anno il raccolto di avocado è stato appena imballato in Perù. Sulla stagione peruviana di quest'anno, Jorge dichiara: "Le temperature in Perù sono state inferiori alla media, quest'anno e, dopo due anni di rese elevate, la piantagione ha avuto un periodo di alternanza produttiva, quindi i volumi sono stati inferiori in questa stagione".

"Tuttavia, le rese dovrebbero riprendersi la prossima stagione. A causa dei volumi inferiori di quest'anno, i prezzi sono stati più alti rispetto a quelli del 2018. In particolare, si sono verificate significative riduzioni di volumi in uscita da Michoacán, in Messico, il che ha causato un aumento significativo dei prezzi del prodotto peruviano che arriva negli Stati Uniti".

Mentre i prezzi sono stati più alti quest'anno, la domanda non si è ridotta. "La richiesta di avocado Hass è cresciuta ogni anno di almeno il 4-5%. I mercati più maturi, come gli Stati Uniti, consumano più di 3,1 kg pro capite all'anno, l'Europa raggiunge 1,8 kg, mentre la Cina,-  che di recente ha quasi raddoppiato le sue importazioni - è appena a 0,3 kg pro capite, quindi esiste un enorme potenziale da sfruttare, per i prossimi dieci anni", afferma Jorge.

Anche la domanda specifica di avocado peruviani è aumentata. Jorge spiega: "Negli Stati Uniti, possiamo dire che il mercato sia guidato da Messico e California. Tuttavia, sempre più supermercati stanno ampliando i loro programmi con frutti peruviani, cercando di sfruttare la qualità e l'offerta, grazie alla capacità del Perù di pianificare i raccolti. Il prodotto peruviano è anche molto meno sensibile alla siccità. A differenza di Paesi come il Messico e il Cile, l'approvvigionamento idrico proviene da progetti di irrigazione che portano l'acqua dalle Ande alla fascia costiera; quindi l'assenza di pioggia non influisce sulle nostre colture".

Gli Stati Uniti sono il principale mercato di esportazione di avocado dell'azienda, ricevendo fino al 50% del loro prodotto. L'Europa importa circa il 35% e l'Asia e il resto del mondo il rimanente 15%.

"Camposol ha i propri uffici vendita in questi tre importanti mercati e rapporti con i principali supermercati, il che ci consente di gestire oltre il 90% dei nostri frutti attraverso i nostri canali, e di essere presenti in oltre 40 Paesi. Questo ci assicura il controllo interno della catena di approvvigionamento, dai nostri campi agli scaffali dei supermercati - il che fa parte della filosofia di impresa familiare che guida la nostra azienda", conclude Jorge.

Per maggiori informazioni:
Francesca Carnesella
Camposol Peru
Email: fcarnesella@camposol.com.pe 
www.camposol.com.pe   

Beate Löwe-Navarro
Tel: +49 421 591435
Email: bln@bln-communications.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto