Avvisi









Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

In vigore dal 1 giugno 2012

Raggiunta l'equivalenza tra gli standard biologici europeo e statunitense

"Finalmente, dopo oltre 20 anni di regolamento europeo e oltre 10 di regolamento statunitense, i due principali mercati mondiali hanno deciso reciprocamente di riconoscersi equivalenti. Questo accordo porterà una forte agevolazione al commercio tra le due sponde dell'Oceano, eliminando il carico burocratico relativo alla doppia certificazione".

Questo il commento a caldo di Roberto Setti, responsabile dell'Ufficio Tecnico e Assicurazione Qualità di CCPB Srl, in seguito all'ufficializzazione, avvenuta al BioFach 2012 di Norimberga alle ore 12.30 del 15 febbraio, dell'equivalenza tra i due maggiori standard biologici mondiali, quello europeo e quello statunitense.

In un tweet del profilo ufficiale, il BioFach annuncia che questo accordo significa il reciproco riconoscimento del 95% del mercato mondiale: una svolta epocale che cambierà profondamente il commercio internazionale dei prodotti biologici.



L'accordo avrà effetto dal 1 giugno 2012 e venerdì prossimo, 17 febbraio 2012, sempre al BioFach di Norimberga, verranno presentati i dettagli tecnici per la riforma dell'etichettatura e della documentazione.

A firmare l'accordo durante l'incontro di ieri il commissario europeo all'Agricoltura e allo Sviluppo Rurale Dacian Ciolos, il segretario del dipartimento di Stato USA per l'Agricoltura, Kathleen Merrigan e l'US Trade Representative Chief Agricultural Negotiator, Isi Siddiqui.



In base al primo rapporto rilasciato in chiusura della presentazione, i criteri dell'equivalenza saranno:
  • La Tetraciclina e la Streptomicina non saranno utilizzate per il controllo del colpo di fuoco batterico nelle mele e nelle pere che dagli Stati Uniti saranno esportate verso l'UE
  • Gli antibiotici in generale non saranno somministrati agli animali i cui prodotti saranno esportati dall'UE verso gli Stati Uniti
Il provvedimento è stato motivato dalla volontà di facilitare il commercio, abbattere le barriere e soprattutto dare nuove opportunità alle aziende biologiche che stanno creando nuovi posti di lavoro.

L'America dichiara dunque con questo provvedimento una grande fiducia nel biologico, come settore strategico in grado di aiutare l'economia a crescere.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto