Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Valorizzare il succo d'arancia spagnolo

"Calibri che solitamente andavano all'industria, ora vanno al mercato del fresco"

La Spagna è il più grande produttore ed esportatore mondiale di agrumi dell'Ue. "Il nostro Paese produce circa 7 milioni di tonnellate di agrumi all'anno, di cui quasi 600mila destinate all'industria", ha dichiarato un operatore del settore. "Come tutti sappiamo, quest'anno c'è un calo significativo della produzione che influirà sulla quantità di frutta che assorbe il settore. In Spagna, ci sono alcuni progetti specifici che producono frutta esclusivamente per la trasformazione, legati a contratti molto particolari, ma l'industria generalmente prende tutta la frutta che non può essere commercializzata fresca".

"Questa rappresenta circa dal 10 al 30% della produzione di un'azienda agricola, quindi solitamente l'industria ha disponibile a questa percentuale di frutta. Tuttavia, quest'anno c'è quasi il 30% in meno di arance, quindi i produttori hanno dovuto destinare i calibri che erano soliti inviare all'industria, al mercato del fresco. Sarà una campagna complicata".

L'anno scorso la situazione era completamente diversa. "Il settore era saturo", ha affermato l'operatore. "In un'annata in cui la produttività risultava eccessiva, il mercato del fresco non poteva assorbire tutta la frutta. I prezzi in campo erano molto bassi e molti agricoltori hanno lasciato le arance sull'albero sperando di poterle commercializzare in un momento più favorevole. Il calo della produzione è dovuto a questo, al clima della campagna 2022/23 e all'alternanza degli alberi".

In Andalusia, ad esempio, si prevede che la produzione di arance subirà una riduzione significativa in questa campagna, trainata dal calo di quasi il 40% del raccolto previsto in province come ad esempio Siviglia, che produce il 44% delle arance dolci della regione spagnola.

"Il Brasile è leader di mercato nel succo d'arancia"
Il succo d'arancia è molto più di una materia prima nel settore dell'export: è una merce che viene scambiata sul mercato dei futures. "Il Brasile è leader mondiale nella produzione di succo d'arancia e concentrato. Il Paese si è specializzato in questo settore e guida la tendenza globale".

"Ha una capacità produttiva immensa e il mercato è nelle mani di pochissime aziende. Per dare un'idea della sua grandezza, il Paese spagnolo produce in totale quasi 7 milioni di agrumi, che è la stessa quantità che ciascuna delle due maggiori società agrumicole brasiliane possono controllare".

La produzione spagnola è orientata verso la produzione fresca e l'Europa in generale è carente nella produzione di succo d'arancia. "Con l'aumentare della dipendenza dell'Europa dai succhi brasiliani, e poiché il produttore spagnolo medio di agrumi ha meno di un paio di dozzine di ettari, c'è la possibilità di promuovere questa coltura per l'industria in modo sostenibile, soprattutto perché le industrie sono sempre più concentrate sullo sviluppo di accordi vantaggiosi".

"Non possiamo dimenticare che l'arancia da succo che viene coltivata in Spagna, sia quella commercializzata fresca che quella per l'industria, ha elevate qualità organolettiche e tutte le garanzie di qualità europee".


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto