Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Test per rilevare il virus ToBRFV prima ancora che le piante mostrino i sintomi

Sapere con certezza che il tuo raccolto è infetto prima ancora che le piante mostrino i sintomi: è quello che volevano i coltivatori da quando il Tomato brown rugose fruit virus (TOBRFV) si è manifestato nella sua gravità. E preferibilmente anche rapidamente. Quest'estate, l'azienda olandese Spark Radar ha lanciato un kit per i coltivatori, i quali possono usarlo per rilevare, entro tre ore e con elevata affidabilità, se il loro raccolto è infetto.

Secondo il co-fondatore della Spark Rader, Rogier van der Voort, l'affidabilità e la sensibilità del test possono essere paragonate a quelle di un test molecolare. "Ma non è necessario inviare i campioni a un laboratorio. Ciò consente di risparmiare tempo, fondamentale per rilevare e contenere un possibile focolaio".

Quando è scoppiata l'epidemia da Covid-19, Rogier van der Voort ha iniziato a collaborare con Bas Rutjens, il fondatore della Spark Genetics. Questa società supporta le aziende di breeding in ambito genetico dal 2018. "Quando è iniziata la pandemia, il laboratorio ha dovuto chiudere parzialmente. Abbiamo iniziato a chiederci come avremmo potuto fornire al mercato qualcosa di cui c’era veramente bisogno. Doveva essere un test per gli agenti patogeni affidabile e sensibile che potesse essere eseguito in loco da chiunque", afferma Rogier.

Test prima della comparsa dei sintomi
Il test funziona in fase pre-sintomatica, il che significa che puoi testare la presenza del virus in anticipo. Rogier traccia un parallelo con il Covid-19. "Ora si può fare un autotest, anche se questo è un test antigenico che si fa quando ci sono già i sintomi". Nel caso del Coronavirus, ad esempio, i sintomi del raffreddore.

Uno dei sintomi del ToBRFV sono le macchie sul frutto o i segni sulle foglie. "I test antigenici, tuttavia, non sono affidabili come i test molecolari e la loro sensibilità inferiore significa che non funzionano in fase pre-sintomatica. Inoltre, puoi testare solo due o tre piante contemporaneamente", spiega Rogier.

Materiale fogliare
Attualmente, i coltivatori possono testare 60 piante alla volta utilizzando i kit della Spark Radar. I test possono essere eseguiti in tre modi. "Abbiamo iniziato con i campioni di foglie. È sufficiente un pezzo di foglia delle dimensioni di un'unghia. I coltivatori, una volta raccolti i campioni di foglie in un sacchetto che forniamo noi, possono iniziare il test".

I kit di test includono il materiale di campionamento e l'hardware, così che i coltivatori possano eseguire i test da soli. "Abbiamo sviluppato l’attrezzatura per la lettura del test. Utilizziamo rack magnetici e di rilevamento. Il rack magnetico ci consente di estrarre il virus dal campione, garantendo un'elevata sensibilità dei nostri test", continua Van der Voort.


Una parte del kit. Il contenitore bianco è rivestito di magneti. Il rilevamento viene eseguito utilizzando un rack differente.

Test su superfici e in acqua
I coltivatori, tuttavia, preferiscono testare qualcosa di più del semplice materiale fogliare. "C'è molta richiesta da parte del mercato di test con tampone, che consente di testare la presenza del virus su cose come carrelli o lame. È come il batuffolo di cotone che viene utilizzato nella gola e nel naso quando si esegue un autotest per il Covid-19".

E' stato sviluppato un terzo protocollo di test in acqua. "I coltivatori possono testare il ToBRFV, ad esempio, nel loro sistema di drenaggio", spiega Rogier. Questi ultimi due metodi di test sono attualmente nelle fasi finali di introduzione sul mercato. "Siamo ancora in fase di prova per queste nuove applicazioni e sfruttiamo i feedback per rendere i kit con tampone e in acqua i più durevoli possibile". La società prevede di commercializzare questi due kit di test a dicembre.

Livello internazionale
La Spark Radar vuole anche iniziare a fornire i kit a livello internazionale e ha mosso i primi passi in tal senso. "Un grande operatore nordamericano utilizza il nostro test da diversi mesi. Vuole ampliarne l’implementazione durante il prossimo periodo di raccolta. Un’impresa olandese, con aziende agricole all'estero, si è impegnata a utilizzare i nostri test al di fuori dei Paesi Bassi", afferma Rogier.

Un test antivirus deve essere affidabile. Per questo motivo, i kit includono un manuale di istruzione (si può anche guardare un video online). Per ora è in olandese e inglese, ma l'azienda vuole aggiungere altre lingue. "Attualmente ci stiamo concentrando sulla produzione dei test. Dopo aver presentato il kit in occasione di un recente evento, abbiamo acquisito nuovi clienti".

Test per l’individuazione di altri agenti patogeni
Il virus ToBRFV è senza dubbio quello più attenzionato a livello globale. Pertanto, si pone la domanda: la Spark Radar può aiutare i coltivatori a combattere questo virus? Il co-fondatore della Spark Radar pensa di sì. "Recentemente siamo stati scelti per partecipare al programma Fast Lane di Foodvalley e al fondo di investimento governativo di InvestNL. Dovevamo dare una risposta su ciò che è necessario per essere ancora più apprezzati, per crescere e mantenere la velocità attuale e prevista del nostro test".

Tale velocità non si applica solo al ToBRFV, ma anche ad altri virus, batteri e funghi delle piante. La Spark Radar sta anche lavorando a un kit per il virus del mosaico giallo del cetriolo e il virus del mosaico del pepino nei pomodori. "Saranno test simili a quelli per il ToBRFV", conclude Rogier.

Per maggiori informazioni:
Rogier van der Voort
rogier@sparkgenetics.com 
Spark Radar
8 Padualaan
3584 CH, Utrecht - Paesi Bassi
info@sparkradar.bio 
www.sparkradar.bio


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto