Con l'iniziativa "Adotta un albero di Pink Lady" Mazzoni avvicina i consumatori alla produzione

Avvicinare i consumatori al mondo della produzione, facendo loro conoscere e valorizzare il lavoro dei melicoltori che tutto l'anno dedicano cure e attenzioni ai loro frutteti per dar vita a mele di grande qualità. E' questo l'obiettivo del progetto dell'Associazione Pink Lady® Europa "Adotta un albero di Pink Lady" a cui la società agricola Mazzoni ha aderito.

Nella foto a destra: albero di Pink Lady Mazzoni adottato da un consumatore, riconoscibile attraverso una targhetta appesa ai rami 

La soluzione individuata è stata quella di coinvolgere i consumatori a prendere parte ai diversi momenti della produzione, fino alla raccolta dei frutti, attraverso l'adozione di un melo Pink Lady. 

Sabato 5 novembre, dopo otto mesi di attesa e lavoro dei melicoltori, seguiti passo passo dai "consumatori adottivi", si è celebrata una giornata dedicata, in occasione della quale centinaia di consumatori hanno accolto l'invito ad essere presenti al frutteto Mazzoni per raccogliere le mele del loro albero Pink Lady, rigorosamente identificato attraverso una targhetta di legno appesa ai rami.

Racconta Michele Gerin, direttore società agricole Mazzoni: "In questi otto mesi, i consumatori hanno ricevuto informazioni relative all'albero adottato, su fioritura, sviluppo dei frutticini, vigoria della pianta, diradamenti e altro. Adottare un melo Pink Lady significa avere la possibilità di entrare in contatto con un produttore e confrontarsi con lui per conoscere meglio la sua professione, i suoi valori e il suo impegno".

Nella foto a sinistra: una "consumatrice adottiva" mostra orgogliosamente il suo raccolto di mele Pink Lady 

Questa opportunità è stata molto apprezzata dai consumatori Pink Lady italiani e norvegesi, che in 1.000 si sono iscritti al progetto nella scorsa primavera. Ben 300 di loro hanno partecipato alla giornata dedicata alla raccolta di sabato 5 novembre.

"Un'esperienza unica - racconta una famiglia di Poggio Renatico (provincia di Ferrara) aderente al progetto - In casa siamo tutti golosi delle 'mele dal bollino a cuore' e non immaginavamo che parte della produzione fosse proprio a pochi chilometri da dove abitiamo!"

Riguardo alla raccolta, spiega Michele Gerin: "Conclusa la raccolta della mela Fuji, ci siamo subito organizzati per raccogliere le Pink Lady, l'ultima delle nostre varietà. Il momento della raccolta è molto impegnativo e delicato: richiede un ritmo di lavoro sostenuto perché il rispetto della finestra di raccolta è fondamentale per garantire un frutto di qualità e con la giusta shelf-life".

Interviene Luca Mazzoni, terza generazione dell'azienda: "Per noi è un vanto far parte del progetto Pink Lady, che ci dà l'opportunità di produrre una mela unica per le sue caratteristiche organolettiche, ma anche di poter impiegare nelle nostre unità produttive un numero importante di risorse umane del territorio. L'albero Cripps Pink - Rosy Glow è il primo a fiorire, ma la mela è l'ultima ad essere raccolta, spesso in condizioni climatiche difficili, ed è per questo che necessitiamo di manodopera specializzata e attenta".

In primo piano, da sinistra: Daniele Molinari, responsabile società agricola Mazzoni di Voghiera (FE), Michele Gerin, direttore società agricole Mazzoni e Luca Mazzoni, terza generazione dell’azienda; dietro, da sinistra: Alessandro Vecchiatini, responsabile settore frutticoltura società agricole Mazzoni e Giulio Corazza, responsabile commerciale Vivai Mazzoni

Pink Lady è un'avventura che in Europa è cominciata circa 25 anni fa per il volere di alcuni vivaisti, produttori e distributori italiani, francesi e spagnoli. Mazzoni è stato tra i primi frutticoltori a piantare la varietà in Italia ed il frutteto più datato risale al 1997-98. Oggi la zona di Ferrara è tra i principali bacini di produzione di questo frutto in Italia.

"La nostra azienda è sempre favorevole alla condivisione e alla partecipazioni di eventi rivolti al consumatore, soprattutto quando si tratta di avvicinare un pubblico giovane, che può rappresentare il futuro del nostro settore" precisa Luca Mazzoni, prima di concludere con un ringraziamento: "Ci teniamo a ringraziare Ortoromi per avere omaggiato gli ospiti dei succhi di mela Pink Lady e Natura Nuova per le mousse e gli squeeze Pink Lady".

Il claim di Pink Lady, "So much more than an apple" ("Molto più di una mela"), è dovuto non solo alle sue peculiarità in termini di sapore, succosità e croccantezza, ma anche alla sua capacità di sapersi raccontare attraverso attività di marketing e comunicazione dedicate al consumatore. Tra queste rientra  "Adotta un Albero di Pink Lady", ma anche "Bee Pink", "Pink Chef", o il "Pink Lady Day", del quale Mazzoni è stata protagonista venerdì 11 novembre, quando alcuni studenti della scuola Don Chendi di Tresigallo (FE) hanno fatto visita alle campagne e al centro di condizionamento Mazzoni. 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto