Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Richard Salazar, Acorbanec:

L'ondata di freddo riduce del 25 per cento la produzione di banane dell'Ecuador

L'industria delle banane dell'Ecuador deve affrontare ulteriori sfide a causa dell’ondata di freddo che ha ridotto la produzione di circa il 25%, mentre alcune aziende sono anche in quarantena fitosanitaria. "Tutto questo coincide anche con una riduzione della domanda estiva in Russia, Europa, Medio Oriente e altri mercati, cosa normale in questo periodo dell'anno", afferma Richard Salazar, direttore esecutivo dell'Ecuador Banana Marketing and Export Association (Acorbanec).

Tutte queste ulteriori sfide arrivano proprio mentre i produttori di banane in Ecuador, il più grande esportatore al mondo di questo frutto, speravano di tornare alla normale attività, dopo le proteste che, alla fine di giugno, hanno bloccato il commercio per 18 giorni, in tutto il Paese. Non è stato possibile esportare circa 2.000 container di banane, a causa delle proteste della comunità indigena che hanno bloccato le strade più importanti, nelle principali aree di produzione di banane.

"Le attività di produzione ed esportazione sono tornate alla normalità dopo il blocco causato dalle proteste, ma ora abbiamo una riduzione della fornitura esportabile, perché ci sono aziende in quarantena per condizioni fitosanitarie non adatte all'esportazione. Inoltre, registriamo una riduzione della produzione di banane, dovuta al fattore climatico (freddo), in media dal 20 al 25%. Le perdite dovute al blocco in Ecuador difficilmente saranno recuperate, i tagli sono stati sospesi, i frutti a contratto non hanno potuto essere esportati o venduti sui mercati spot. Sfortunatamente, abbiamo dovuto farci carico del pagamento delle spese di trasporto per la mancata esportazione, nonché i costi dei container che sono rimasti nei porti per una settimana. Difficilmente si riuscirà a recuperare queste perdite", spiega Salazar.

Salazar dice che la maggior parte delle aziende colpite dalla quarantena fitosanitaria sono produttori di piccole e medie dimensioni. "A causa della mancanza di risorse non sono stati in grado di effettuare i diversi controlli fitosanitari sulla Black Sigatoka. Il freddo in questo periodo è normale, ma stiamo attraversando un fenomeno climatico, La Nina, che sembra si protrarrà fino a settembre di quest'anno. Prevediamo un miglioramento delle condizioni di produzione e di mercato nell'ultimo trimestre di quest’anno".

Nonostante l'industria ecuadoriana abbia chiesto prezzi più sostenibili per le banane, durante un incontro speciale al Fruit Logistica di Berlino all'inizio di quest'anno, questa richiesta è caduta nel dimenticatoio. "Purtroppo, nonostante tutti gli aumenti dei costi e le spese, per le banane ecuadoriane non viene pagata una quotazione che consenta di mantenere la sostenibilità della produzione e dell'esportazione. Ci auguriamo che i retailer se ne rendano conto e paghino di più per le nostre banane, per garantire la fornitura alimentare a mercati come l'Unione europea e altri", fa appello Salazar.

Per maggiori informazioni:
Richard Salazar
Acorbanec
Tel: +593 9 89857025
Email: rsalazar@acorbanec.com  
Web: www.acorbanec.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto