Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Richard Salazar, Acorbanec:

"Il 40% delle banane dell'Ecuador rischia di non essere esportato"

L'azione di protesta di massa in corso da due settimane nel principale Paese esportatore di banane, l'Ecuador, sta mettendo a rischio oltre il 40% del restante volume di esportazioni di un'industria già in difficoltà. "Le perdite della prima settimana ammontano già a oltre 20 milioni di dollari, senza contare quelle della seconda settimana. Più di 2.000 container di banane non hanno potuto essere imballati e spediti a causa del blocco delle strade nelle principali aree di produzione", afferma Richard Salazar, direttore esecutivo dell'Associazione per la commercializzazione e l'esportazione delle banane dell'Ecuador (Acorbanec).


Foto dei manifestanti (Conaie)

Il Paese è stato scosso da un'azione di massa da parte della Confederazione delle Nazionalità Indigene dell'Ecuador (Conaie) che ha intrapreso l'azione di protesta lunedì 13 giugno, dopo una serie di colloqui falliti con il governo.

C'è una lista di 15 richieste al governo e al presidente ecuadoriano che include: fissare il prezzo del carburante, trovare una risoluzione alla disoccupazione, combattere la criminalità e una serie di altre richieste. Secondo il governo, almeno un centinaio di persone sono state arrestate, quattro sono morte e oltre 120 agenti di polizia sono rimasti feriti a causa della protesta. La diffusa azione di protesta ha costretto alla chiusura delle strade nelle principali aree di produzione ed esportazione delle banane nelle province di Los Rios, Cotopaxi (La Mana), Guayas e El Oro.

Come settore, Salazar ha detto che è stata dichiarata una situazione di forza maggiore. "Stiamo lavorando ma non possiamo portare i container alle aziende agricole e da lì ai porti, quindi non possiamo esportare banane regolarmente, perché la maggior parte delle strade sono chiuse. Finora abbiamo stimato una perdita di circa 20 milioni di dollari. Non possiamo ancora quantificare le perdite della seconda settimana. Per questo chiediamo ed esigiamo che le autorità del Governo nazionale, la Polizia e le Forze Armate aprano le strade, perché se non lo faranno, è probabile che il 40% della fornitura esportabile di banane dell'Ecuador non sarà esportata".

Le proteste in corso sono un ulteriore colpo per il settore delle banane dell'Ecuador, in difficoltà dall'inizio dell'anno. L'Ecuador ha esportato un totale di 126,81 milioni di casse di banane nel primo trimestre del 2022, ovvero il 6,44% in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, secondo i dati condivisi da Acorbanec.

La mancanza di container e di spazi di spedizione è stata evidente anche tra gennaio e marzo, a causa della congestione di importanti porti, soprattutto in Cina, e della guerra tra Russia e Ucraina iniziata il 24 febbraio 2022, che ha aggravato la crisi che il settore bananiero dell'Ecuador stava già vivendo, dato che questi mercati rappresentavano il 25% delle esportazioni di banane del Paese.

Salazar spera che le strade vengano presto aperte per consentire le necessarie movimentazioni dei container e delle forniture da e verso le aziende agricole nelle aree di produzione chiave.

Per maggiori informazioni:
Richard Salazar
Acorbanec
Tel.: +593 9 89857025
Email: rsalazar@acorbanec.com 
Web: www.acorbanec.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto