Gli oli essenziali possono tenere lontani parassiti e malattie dalle colture biologiche

Negli Stati Uniti, con le vendite di alimenti biologici che hanno superato i 50 miliardi di dollari nel 2018, le statistiche della Organic Trade Association indicano che frutta, verdura e altre colture speciali, insieme rappresentano il 36,3% delle vendite biologiche totali, in aumento del 5,6% rispetto al 2017. Per soddisfare la domanda dei consumatori, gli agricoltori potrebbero dover utilizzare oli essenziali per combattere parassiti e malattie, che spesso accompagnano la crescita delle colture bio.

Le soluzioni per migliorare la fattibilità e la redditività a lungo termine della produzione di frutta biologica, sono alla base di un progetto di ricerca e ampliamento dell'agricoltura biologica, di quasi 2 milioni di dollari, finanziato dal dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti (USDA)-Istituto nazionale per l'alimentazione e l'agricoltura, che vede la partecipazione di un team di 15 studiosi, tra cui Andrea Kawabata dell'Università delle Hawaii presso il Mānoa's College of Tropical Agriculture and Human Resources (CTAHR) Cooperative Extension di Kona.

Andrea Kawabata
Il progetto di quattro anni è intitolato Plant Safety, Horticultural Benefits, and Disease Efficacy of Essential Oils for Use in Organically Grown Fruit Crops: From the Farm to the Consumer (Sicurezza delle piante, benefici per l'orticoltura e efficacia in caso di malattia degli oli essenziali utilizzati nelle colture frutticole biologiche: dall'azienda agricola al consumatore).

I ricercatori del CTAHR e dell'Università delle Hawaii lavoreranno con i produttori biologici certificati delle Hawaii e di altri quattro Stati (Florida, Carolina del Sud, Georgia e California) per valutare l'efficacia degli oli essenziali vegetali certificati bio (EO) sui principali patogeni della frutta come Sphaceloma perseae, antracnosi (malattia fungina) e oidio nelle colture dei frutti tropicali e a clima temperato come avocado, mango, mirtillo e pesca.

Il progetto punta ad aumentare la produttività dei frutteti biologici delle industrie hawaiiane di oltre 2,4 milioni di dollari di avocado e mango e ad offrire ai coltivatori un programma di trattamenti biologici, utilizzando gli oli essenziali di piante biologiche. L'obiettivo è che i produttori adottino rapidamente le pratiche biologiche stabilite dai ricercatori in base ai dati raccolti, migliorando così la loro competitività sul mercato.

"In prima persona assisterò ricercatori e coltivatori con la raccolta dei dati, oltre a portare avanti il progetto di sensibilizzazione Hawaii e comunicare i risultati del progetto alla comunità agricola", ha detto Kawabata.

Lisa Keith, ricercatrice patologa vegetale presso l'USDA -Agricultural Research Service di Hilo, è tra i ricercatori che collaborano al progetto.

Per maggiori informazioni: www.hawaii.edu


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto