Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Javier Usó, direttore della Frutinter

Gli agrumi dei due emisferi difficilmente entreranno in conflitto quest'anno

A breve, l'offerta spagnola di mandarini e clementine comincerà a crescere. Quest'anno questi agrumi arriveranno un po' prima e in volumi maggiori. La nuova commercializzazione delle varietà della famiglia Satsuma, la prima a essere raccolta, è in flessione. La loro coltivazione è sostenuta dal mercato britannico e dall'industria di trasformazione.

Quest'anno, le campagne di entrambi gli emisferi non entreranno in conflitto tra loro perché la domanda è aumentata in modo significativo, a causa del coronavirus, e le scorte nell'emisfero meridionale si sono quasi esaurite.

"Speriamo di iniziare la nuova campagna degli agrumi tra il 15 e il 16 settembre, con le varietà precoci come Okitsu, Clausellina, ecc. La nostra previsione è di cominciare con le prime clementine extra-precoci circa 10 giorni dopo", afferma Javier Usó, direttore dell'azienda Frutinter di Castellón. "Tutto sembra indicare che la raccolta stia rispettando i tempi, o forse con un leggero in anticipo nel caso dei mandarini, mentre le arance stanno rispettando la normale tempistica", dice Javier.

Quest'anno la fornitura sarà maggiore, soprattutto quella delle varietà di clementine di mezza stagione, che nella scorsa annata hanno subito un calo significativo dei volumi. "Quando si parla di mandarini, le varietà precoci raggiungeranno un volume di raccolta normale, con una buona qualità in termini di calibro e aspetto. Questo ci fa pensare che le rese per ettaro saranno buone. Pertanto, è quasi certo che avremo un raccolto più abbondante, rispetto alla scorsa stagione. Forse per le varietà precoci, la differenza non sarà così evidente come per quelle di mezza stagione, dove è previsto un forte aumento dei volumi", afferma Javier Usó.

I mandarini di tipo Satsuma sono i primi a essere raccolti. Secondo il direttore della Frutinter, queste varietà per il consumo fresco hanno subito una forte concorrenza da parte di diverse varietà di clementine, generalmente più apprezzate dai consumatori.

"Rimane la produzione di Satsuma, grazie alla varietà extra-precoce Satsuma Okitsu e al fatto che i consumatori britannici apprezzano ancora le varietà della famiglia Satsuma, senza dimenticare, ovviamente, che queste varietà sono perfette per l'industria di trasformazione, per la produzione ad esempio, di spicchi di mandarino in scatola, così come altri prodotti. Pertanto, negli ultimi anni, la produzione di Satsuma ha registrato una tendenza al ribasso".

Frutinter gestisce solo il Satsuma Okitsu extra-precoce, che vende sul mercato interno, soprattutto a Barcellona e in altre città del nord della Spagna, oltre che a Madrid. "La cosa degna di nota è che viene commercializzato senza deverdizzazione (degreening), cioè una volta staccato dall'albero viene solo lavato, calibrato e cerato. Siamo riusciti a convincere il consumatore che il frutto è altrettanto buono, a livello organolettico, o addirittura migliore rispetto a quello deverdizzato. In cambio, il prodotto che arriva sugli scaffali dei negozi è molto fresco, con tutti i vantaggi che questo implica", afferma Javier Usó.

L'azienda importa agrumi anche nel periodo di bassa stagione. I primi satsuma e le prime clementine si troveranno con i mandarini tardivi dell'emisfero meridionale.

"I clienti chiedono agrumi 365 giorni all'anno e arriva un momento in cui la raccolta nazionale è terminata ed è necessario rivolgersi ad altri fornitori. Quello che i consumatori spagnoli ed europei vogliono è ovviamente il miglior mandarino al miglior prezzo, a prescindere dell'origine del prodotto. In un ambiente così globalizzato, i mandarini tardivi dell'emisfero australe, che sono sempre più presenti ogni anno, sono e rimarranno una forte concorrente dei nostri mandarini precoci, poiché sono disponibili nello stesso periodo e, cosa molto importante, anche la loro qualità è alta (a volte superiore a quella dei nostri). Solo il rapporto qualità-prezzo convincerà i consumatori a scegliere l'uno o l'altro. Tuttavia, è vero che, nel caso dei Satsuma, i mercati fedeli alla varietà continueranno ad esserlo, poiché in quel momento non c’è nessun altro prodotto simile proveniente dal sud del mondo".

Secondo Javier Usó, quest'anno non ci saranno conflitti tra le campagne di entrambi gli emisferi, per due ragioni: "Una è l'impatto del Covid-19, che ha portato a un aumento del consumo pro capite di agrumi in Europa. L'altra è la riduzione del raccolto esportabile dall'emisfero australe e il fatto che le esportazioni sono iniziate prima (con circa 4 settimane di anticipo, dato il raccolto interno limitato di arance tardive). Pertanto, attualmente non ci sono scorte di agrumi in Europa, il che si tradurrà all'inizio in una forte domanda di agrumi spagnoli, e buoni livelli di prezzo".

Per maggiori informazioni:
Vicente Mingarro
Frutinter
T: 0034 964 506310
mkventas@frutinter.com
www.frutinter.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto