Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Drupacee sudafricane: i volumi tornano alla normalita' mentre le albicocche sono ancora in sofferenza

L'industria sudafricana della drupacee resiste, nonostante la grave siccità che ha colpito le aree di coltivazione negli ultimi due anni. L'anno scorso abbiamo visto volumi più bassi su tutto l'assortimento. In questa stagione, è proseguito il periodo di siccità nella regione del Klein Karoo, in particolare da Montagu a Ladismith - con quest'ultima che ha attraversato condizioni terribili, con volumi di produzione molto bassi per le albicocche.

"I volumi di albicocche erano già diminuiti l'anno scorso e stavolta hanno subito un'ulteriore flessione del 30%. Alcuni coltivatori hanno pochissime scorte e si trovano in una posizione difficile dopo un altro inverno secco. Sfortunatamente, alcune aziende sono fallite", secondo Jacques du Preez, della associazione professionale Hortgro.

Le susine sono leggermente aumentate del 10% rispetto allo scorso anno, ma i volumi sono stati colpiti da due giornate molto calde all'inizio di settembre, che hanno avuto un impatto sui frutti, in un periodo difficile. Si prevede che i volumi complessivi diminuiranno di 1,2 - 1,4 milioni di cartoni rispetto ai volumi potenziali di una consueta produzione biennale.

Le nettarine e le pesche sono andate molto meglio perché le principali regioni di coltivazione si trovano in una migliore situazione produttiva, con adeguate risorse idriche e una buona crescita, e grazie anche a nuove cultivar con rese più elevate.

"Le nettarine stanno andando bene e prevediamo un aumento del 17%, rispetto allo scorso anno, in linea con le stime iniziali", ha spiegato Jacques. "La raccolta è iniziata una settimana prima rispetto agli anni passati, quindi i volumi fino a oggi sono aumentati del 30%, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. La situazione si uniformerà man mano che andremo avanti con la stagione".

Anche le pesche sono in linea con le previsioni di un aumento del 5%, rispetto allo scorso anno.

Anche il Sudafrica è interessato da interruzioni di corrente elettrica che possono bloccare il confezionamento della merce, ma secondo Jacques le interruzioni sono programmate e gli imballatori possono evitarle, ma questo causa comunque dei problemi logistici. La pioggia prolungata nel nord del Paese non influirà sulla produzione delle drupacee, poiché la raccolta è quasi terminata.

"Nonostante il volume inferiore di alcune categorie, i calibri sono rimasti nella media. La qualità del frutto è buona".

Il Regno Unito rimane il più grande mercato di drupacee sudafricane, con l'Europa e il Medio Oriente che occupano la restante parte.

Per maggiori informazioni:
Jacques du Preeze
Hortgro
Tel: 27 (0)21 870 2900 
Email: jacques@hortgro.co.za  
www.hortgro.co.za


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto