Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La Turchia spedisce uva da tavola in 40 Paesi

I produttori di uva da tavola Sultana puntano alle esportazioni via aerea

I produttori turchi di uva da tavola senza semi Sultana hanno chiesto il sostegno statale per esportare via aerea. Attualmente, i produttori esportano uva da tavola in 40 Paesi. Il loro obiettivo è ridurre al minimo le perdite durante il trasporto, e aumentare le esportazioni verso nuovi mercati lontani, come l'Estremo Oriente.

Manisa, una città della Turchia occidentale, è la principale zona di produzione dell'uva da tavola Sultana. La raccolta dovrebbe continuare fino a metà dicembre, nel distretto di Sarigol. Mentre le esportazioni proseguono, il presidente della Camera dell'agricoltura di Sarigol, Ali Ihsan Ulgen, ha annunciato che l'amministrazione è pronta a sostenere i produttori per favorire il trasporto aereo delle merci.

"Le nostre uve sono sane"
Il presidente Ulgen ha dichiarato che non vengono utilizzati prodotti chimici sulle uve locali, aggiungendo: "La raccolta continuerà fino al 15 dicembre. Attualmente i prezzi sono alti. Finora la situazione meteo è stata favorevole e non abbiamo ancora avuto gelate. La raccolta di questo periodo è destinata a Istanbul, che è il maggiore consumatore del Paese. Gli ingegneri agricoli e la direzione provinciale dell'agricoltura controllano le nostre uve da tavola. Non ci sono problemi. Non usiamo alcuna sostanza chimica, e tutto è sotto controllo ".

"Dobbiamo trovare nuovi mercati"
Sottolineando che a Sarigol i vigneti registrati ammontano a 12.000 ettari, Ulgen ha dichiarato: "In realtà, ce ne sono anche altri. Esportiamo uva da tavola in almeno 40 Paesi. E' sufficiente? Direi di no. La soluzione è trovare nuovi mercati. I nostri produttori e i nostri commercianti dovrebbero raggiungere i mercati dell'Estremo Oriente. E lo Stato dovrebbe sostenerli. Potremmo esportare in Paesi come Malesia, Singapore, Regno Unito, Svezia, Norvegia, Finlandia e in tutti quelli dell'Estremo Oriente".

"Selim Soylu, un imprenditore locale, quest'anno ha esportato per la prima volta in Europa, via area. Mi congratulo con lui e lo ringrazio, perché ha messo a fuoco il problema. Il nostro Stato dovrebbe favorire il trasporto aereo delle merci. Rappresento 16.000 agricoltori e vorremmo contribuire il più possibile affinché essi vengano supportati in tal senso".

La domanda di merci per via aerea
Selim Soylu, l’imprenditore che quest'anno ha esportato per la prima volta uva da tavola in Europa tramite trasporto aereo, ha dichiarato: "Vendiamo le nostre uve da tavola a supermercati, commercianti di frutta e mercati agricoli. Tutti sono soddisfatti del nostro prodotto. La stagione delle uve da tavola, a Mersin, inizia a giugno e prosegue fino a metà dicembre. Non abbiamo bisogno di celle refrigerate qui, perché l'uva è resistente al freddo, anche se le temperature scendono fino a 0 gradi Celsius. Pertanto, le teniamo nei vigneti fino alla raccolta".

"Tuttavia, poiché le raccogliamo tutte insieme e l'Europa non vuole acquistarle in grandi volumi a causa dei danni durante il trasporto, i nostri agricoltori subiscono delle perdite. Vorremmo espandere il trasporto aereo delle merci a tutti gli esportatori. In questo modo, potremmo ridurre i tempi di consegna, da 15 a sole 4 ore. Chiediamo il sostegno dello Stato. In Europa, i profitti variano in media dal 300 al 400%. I nostri produttori dovrebbero trarne vantaggio. Se riusciremo a cambiare la modalità di trasporto delle merci in quella via aerea, i nostri agricoltori guadagneranno da 1 a 1,5 lire turche in più (da 0,16 a 0,24 euro) al chilo".

Fonte: IHA


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto