Sulla stagione delle fragole attesa un'accesa concorrenza tra Marocco ed Egitto

Nel giro di un mese inizierà la raccolta delle fragole egiziane. La stagione dovrebbe risultare molto simile a quella dell'anno scorso, quando il meteo fu buono e la campagna riuscì a riempire il vuoto tra l'avvicendamento delle stagioni olandese, belga, tedesca e spagnola. Questo gap lascia spazio a una domanda importante, alimentando una forte concorrenza tra gli esportatori marocchini ed egiziani di fragole.

Mohamed Shehata, direttore operativo per l’Europa dell’azienda egiziana di esportazione Nile Green, prevede che la stagione delle fragole in Egitto procederà più o meno allo stesso modo dell'anno scorso, visto che le condizioni meteo sono state simili. "Il clima è stato davvero buono, quest'anno, proprio come nella passata stagione. Coltiviamo le nostre fragole in campo aperto, ma tutto è andato molto bene. Questo è il motivo per cui posso dire che il raccolto inizierà esattamente il 17 novembre se, come prevediamo, la situazione rimarrà simile a quella del 2018".

La stagione egiziana delle fragole finisce proprio a cavallo tra quella olandese e quella spagnola, dando alla Nile Green un mese di tempo per esportare quanti più prodotti possibile.

"E' un divario importante da colmare, poiché la domanda nei Paesi Bassi rimane sempre elevata. Dal momento però che anche il Marocco ha la sua stagione nel nostro stesso periodo, mi aspetto che la concorrenza tra Marocco ed Egitto sarà davvero accesa", spiega Shehata.

"Abbiamo tempo fino al 10 gennaio, quando inizierà la stagione spagnola. Successivamente, i prodotti rimanenti verranno utilizzati per il congelamento IQF. Tutte le fragole fresche che ci rimangono vengono distribuite localmente o in Medio Oriente".

Il trasporto delle fragole avviene esclusivamente per via aerea, afferma il responsabile aziendale. "La spedizione via aerea comporta una serie di difficoltà, in quanto i tempi sono molto importanti; inoltre costa molto e, una volta effettuata la prenotazione, è necessario pagare l'intero importo in anticipo. Se un trasporto viene ritardato e non arriva in tempo all'aereo, perdiamo denaro. Il nostro obiettivo è garantire che questo processo sia eseguito nel modo più preciso possibile".

"Inoltre, stiamo cercando di consolidare i nostri rapporti commerciali e di dimostrare che ci impegniamo a raggiungere questa precisione nel trasporto, rispettando gli standard di qualità dell'UE, ovvero GlobalGAP + Grasp e certificazione FSSC / ISO22000. Ma consideriamo anche il valore dei nostri dipendenti e sentiamo la nostra responsabilità sociale nei loro confronti; quindi abbiamo acquisito il certificato sociale SMETA. Infine è importante per noi far conoscere il nostro marchio. Aumentando il nostro servizio post-vendita ai clienti, speriamo di dimostrare la nostra serietà e affidabilità. Se noi, come Nile Green, riusciremo a coprire le spese lavorando con il nostro marchio, sarà una stagione di successo", conclude Shehata.

Per maggiori informazioni:
Mohamed Shehata
Nile Green
Tel: +31 6 1133 9115
Email: Mohamed@nile-green.com 
www.nile-green.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto