Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Agricola dei Marchesi di San Giuliano: marmellate bio con una storia dal sapore siciliano

"I primi alberi d'arancio furono piantati nell'800, e ancora oggi sono coltivati secondo metodi tradizionali. Abbiamo in produzione arance, ma anche limoni, pompelmi, mandarini, clementine Nova e arance amare: queste ultime destinate alla produzione di marmellate che trasformiamo in un laboratorio di 500 mq attrezzati. I metodi di coltivazione sono quelli regolati dal disciplinare biologico della Comunità Europea". E' quanto dichiara a FreshPlaza Giulia dei Marchesi di San Giuliano alla guida dell'omonima masseria "San Giuliano", fin dall'800 appartenente ai Marchesi Paternò Castello di San Giuliano.


Giulia dei Marchesi di San Giuliano, titolare dell'omonima azienda.

L'azienda è situata tra Catania e Siracusa. Fanno capo alla famiglia 300 ettari di proprietà dove vengono prodotti e commercializzati frutti freschi e trasformati con diversi marchi aziendali.



"L'Azienda Agricola San Giuliano è gestita da mio padre - spiega Giulia - ed è specializzata nella coltivazione di agrumi biologici che vengono commercializzati mediante vendita diretta ai distributori; nell'Azienda Agricola Due Fiumi si estendono vasti terreni in cui crescono rigogliosi vigneti e ulivi secolari. Tutte le produzioni sono in regime biologico".

"Nel 2002 nasce l'Azienda Agricola dei Marchesi di San Giuliano: l'attività da me fondata dove coltivo prodotti della terra su un'estensione di circa 55 ettari, di cui circa 50 agrumetati".



La tenuta San Giuliano ufficialmente è in regime biologico dal 1993, anche se i primi lanci di insetti utili furono posti in essere già nel 1990, quando ancora nessuno pensava di poter contrastare in questo modo la lotta agli insetti dannosi.



"Oggi con orgoglio possiamo dire che tutta la concimazione è esclusivamente organica, con il risultato che vengono lanciati insetti utili e si riesce così ad ottenere frutta più sana e rispettosa dell'ambiente. L'agroecosistema dell'azienda ha raggiunto un equilibrio stabile, per cui gli insetti dannosi sono tenuti strettamente sotto controllo", sottolinea Giulia.



L'ampia linea di trasformati include diversi gusti, tra cui le prelibate marmellate di: limone, mandarino, clementine nova, pompelmo rosso o le scorze di limone e arance a fette in sciroppo. "Il nostro prodotto di punta, quello più venduto, è la marmellata di arance amare; subito dopo seguono i biscotti prodotti con pistacchio siciliano".



La produzione delle marmellate avviene da novembre a maggio, cioè quando la frutta è disponibile, ma il periodo è soggetto a variazioni a seconda del clima e delle temperature, mentre i biscotti si realizzano quasi tutto l'anno.

L'obiettivo è riscoprire non solo i vecchi sapori delle cose fatte come una volta, ma soprattutto diffondere la conoscenza della frutta siciliana, visto che spesso nei supermercati si trova prodotto proveniente dalla Spagna o dal Marocco.

"D'altronde - puntualizza Giulia - perché lasciare il primato delle migliori marmellate al mondo agli Inglesi che per farle si avvalgono di team di tecnologici alimentari alla continua ricerca delle migliori produzioni di limoni, arance e altro ancora, proprio come quelle che abbiamo a casa nostra?"

Per quanto riguarda il processo di lavorazione si tratta di tecniche semplici e artigianali che, unite a ricette antiche di cui è mantenuta la segretezza, garantiscono un prodotto apprezzabile.

"Peraltro - aggiunge Giulia - non ci sarà mai una macchina in grado di porre la stessa attenzione nel tagliare la frutta, scartare le piccole impurità, riempire i vasetti come lo farebbe una persona. Se si vuole mantenere un livello alto, il lavoro deve essere essenzialmente manuale. Per i biscotti invece, sarebbe ottimo trovare un macchinario che ci permetta di tagliarli e riporli nelle teglie, ma il tipo di macchina che serve a noi esiste solo per grandi industrie e quindi anche qui li facciamo a mano".



I mercati di riferimento per l'azienda sono Italia (35%), Europa (27%), Giappone (23%, grazie a un cliente storico che acquista l'intero assortimento una volta l'anno) e Stati Uniti (15%, mediante un importatore che distribuisce il prodotto in tutto il Paese).

"In tema di certificazioni oltre a possedere l'Haccp che è obbligatoria seguiamo il disciplinare biologico europeo valido anche per gli States. In virtù dell'accordo di equivalenza tra USA e Unione Europea, siglato nel 2012, è possibile commercializzare prodotto biologico certificato ai sensi del Reg CE 834/07 in USA".



"Siamo un'azienda in crescita - spiega Giulia - anche grazie alla partecipazione a fiere ed eventi di settore. Quest'anno soprattutto abbiamo acquisito molti nuovi clienti, sia in Italia che in Europa. Il Giappone, poi, aumenta ogni anno il volume degli ordinativi, quindi siamo soddisfatti anche perché riceviamo sempre tanti complimenti sulla qualità dei prodotti e questo a conferma della serietà del nostro lavoro, che portiamo avanti con rigore e puntualità".

"I produttori di marmellate sono tantissimi, ma sono perplessa perché non so in quanti riescano a tenere così alta sia la qualità del prodotto o l'attenzione al packaging. Per me un prodotto dev'essere prima bello da vedere, perché deve colpirmi, e poi sicuramente dev'essere assolutamente buono, a tal punto da rimanere con la voglia di mangiarne ancora!"



"Mi chiedo quanti siano i produttori che fanno ancora tutto a mano: dalla raccolta alla lavorazione della frutta alla spedizione della merce. Come dicevo prima, non c'è macchina al mondo in grado di garantire uno standard così alto nella produzione delle marmellate. E poi c'è la nostra ricetta segreta!".

In Italia vendiamo direttamente ai negozianti e ai privati dal nostro sito Internet; per l'estero vendiamo sia direttamente a negozi che a importatori/distributori. Non siamo presenti, volutamente, nel circuito della grande distribuzione. Il nostro è un prodotto che va raccontato e soprattutto spiegato, non si può mettere su uno scaffale in modo anonimo e aspettare che qualcuno lo prenda".



Giulia conclude: "Le sfide del settore oggi sono tante. Noi facciamo la nostra parte non solo perché i nostri prodotti sono buoni e identificativi del territorio, ma soprattutto perché ci prendiamo cura dell'ambiente e del territorio, che valorizziamo con produzioni sostenibili, in grado di preservare i nostri tesori anche per le generazioni a venire".

Contatti:
Azienda Agricola Marchesi di San Giuliano

Contrada San Giuliano
96010 Villasmundo (SR) - Italy
Tel.: +39 0931959022
Cell.: +39 335 5404205
Email: info@marchesidisangiuliano.it
Web: www.marchesidisangiuliano.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto