Fotoreportage esclusivo di 90 immagini

Roma: si rinnova l′appuntamento con la Mostra Pomologica



Come ogni fine luglio e ogni fine settembre, l'Istituto Sperimentale per la Frutticoltura di Roma, facente parte del C.R.A. (Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura), organizza presso la sua sede di Via di Fioranello la tradizionale Mostra Pomologica per la presentazione delle varietà di frutticoli sui quali l'Istituto svolge la propria attività di selezione e di monitoraggio circa le varie caratteristiche qualitative. L'evento richiama ogni anno sempre maggiore interesse da parte degli specialisti, tra cui i produttori e i vivaisti, alcuni dei quali si presentano con un proprio stand.

La mostra è stata inaugurata quest'anno dal presidente del CRA Romualdo Coviello, che ha richiamato l'importanza strategica del collegamento tra ricerca e mondo della produzione, in un contesto di concorrenza internazionale sempre più marcata. E' seguito l'intervento del Prof. Carlo Fideghelli, il quale ha presentato una sintesi circa l'andamento della stagione per la frutta estiva. "Tutto sommato - ha detto Fideghelli - la stagione è stata positiva, dopo 2/3 anni di crisi. Anche le premesse per la frutta invernale si delineano positive. La crisi per il kiwi appare ormai completamente superata, anche grazie all'introduzione di nuove varietà precoci."

Un momento dell' intervento del Prof. Fideghelli. In piedi sulla destra, il presidente del CRA Romualdo Coviello.


"Tra gli aspetti critici segnaliamo invece in primo luogo un'accresciuta concorrenza internazionale, verso la quale dovremo regolarci di conseguenza. Alcune aziende italiane hanno sfruttato questa opportunità presentandosi come attori nella commercializzazione di prodotti provenienti da paesi terzi, un po' come fanno gli olandesi."

"L'altro aspetto critico - sottolinea Fideghelli - è quello legato alla maggiore incidenza della mosca mediterranea, che è risultata un grosso problema per molti produttori del centro-sud Italia. La problematica si è riacutizzata a causa della proibizione del principio attivo Dimetoato, che veniva utilizzato da circa 40 anni senza effetti nocivi. Dovremo incrementare la ricerca anche per contrastare questo fenomeno."

Tra le innovazioni che si profilano interessanti per il mercato della frutta estiva, il Prof. Fideghelli ha ricordato l'introduzione di nuove varietà di albicocche che presentano un enorme allungamento del periodo di maturazione: prima si finiva il 10-15 luglio, mentre ora si arriva fino a settembre.

Interessanti anche le tipologie di pesche e nettarine piatte, non solo originali nella forma, ma anche apprezzabili nel gusto: "Oggi queste drupacee piatte - spiega Fideghelli - rappresentano soltanto lo 0,5% in Europa, ma il loro potenziale di sviluppo può arrivare al 5-8%. Il mercato di questi frutti è per ora in mano agli spagnoli, ma l'interesse anche da parte di altri paesi europei sta crescendo."

Gli interventi degli organizzatori sono proseguiti con una panoramica sulle novità varietali nel settore peschicolo e melicolo.

Clicca qui per il reportage fotografico.

Per maggiori informazioni:
Istituto Sperimentale per la Frutticoltura
Sez. Pomologia e Miglioramento Genetico
Via di Fioranello, 52
00134 Roma
Tel.: +39 06 79348129
Fax: +39 06 79340158
E-mail

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto