Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale del pomodoro

All'inizio del nuovo anno il mercato mondiale del pomodoro si trova ad affrontare molti degli stessi problemi riscontrati nel 2022, con l'aumento dei costi energetici - che mettono sotto pressione i margini dei coltivatori - ancora in cima alla lista. Ciò è particolarmente evidente nei mercati del Nord Europa, dove le forniture sono diminuite notevolmente rispetto allo scorso anno, poiché molti coltivatori scelgono di non usare riscaldamento o luci artificiali per le loro colture invernali. La mancanza del previsto picco natalizio dei prezzi ha ulteriormente compromesso i margini alla fine dello scorso anno, anche se in alcuni Paesi come il Belgio e la Francia si è registrata una leggera ripresa. Se negli Stati Uniti la domanda è ancora buona e i prezzi sono nella media, in Cina le prospettive per il 2023 sono positive: i prezzi sono in crescita e il potenziale di esportazione è in aumento.

Benelux: prevista una produzione inferiore nella nuova stagione
L'auspicato aumento dei prezzi dei pomodori verso la fine del 2022 ha deluso le aspettative. Nella settimana prima di Natale, il prezzo medio di vendita nelle aste belghe, un riferimento fondamentale per il mercato, è effettivamente calato. Nelle settimane successive al Natale, i prezzi sono risaliti, anche se non certo al di sopra della media, nonostante un'offerta più limitata. Per tutto il 2022, la più grande asta belga parla di "prezzi decenti" per "molte varietà di pomodoro". Tuttavia, anche i costi di coltivazione sono aumentati. I segmenti di nicchia stanno vivendo un momento più difficile rispetto alle varietà classiche.

L'offerta da coltivazione illuminata è inferiore al solito quest'inverno. Mancano ancora dati precisi, ma le stime parlano di circa 100 ettari di coltivazione illuminata nei Paesi Bassi (rispetto agli 800 precedenti). I coltivatori che hanno iniziato a coltivare sotto luci artificiali hanno stipulato contratti con gli acquirenti e accordi di adeguamento dei prezzi in relazione all'aumento dei costi energetici. Sul fronte dell'energia, per molti coltivatori la presenza di un impianto di cogenerazione si sta rivelando molto importante per continuare a operare con profitto. Attualmente i coltivatori guadagnano anche dalla vendita di energia.

Per ridurre il divario nella produzione, sono stati coltivati più pomodori autunnali. Si stima che l'areale nei Paesi Bassi abbia raggiunto i 150 ettari, soprattutto per i pomodori a grappolo. Alcuni coltivatori di cetrioli in più hanno coltivato pomodori per un raccolto autunnale. I prezzi dei pomodori autunnali hanno deluso i coltivatori. Il picco dei prezzi sperato intorno a Natale non si è verificato.

Di solito, i prezzi dei pomodori continuano a salire a gennaio, dopodiché, non appena sempre più coltivatori tornano a produrre anche senza illuminazione a febbraio, il prezzo inizia a scendere. Per la prossima stagione, l'inizio della produzione è più scaglionato. I coltivatori hanno cercato di superare bene l'inverno più freddo senza eccessivi costi di riscaldamento, piantando in modo più esteso. Si prevede che la produzione per metro quadrato sarà più bassa in questa stagione. Sul mercato sono presenti operatori provenienti da Spagna, Marocco, Turchia e Polonia per colmare i vuoti di produzione. I coltivatori turchi e polacchi, ad esempio, si stanno concentrando sulla produzione di pomodori a grappolo, di solito una coltura che viene coltivata con molta luce artificiale nelle serre olandesi.

Germania: annata difficile per i pomodori
Nel complesso, il 2022 è stata un'annata difficile per i pomodori, secondo un coltivatore. "La produzione iniziale è stata leggermente superiore perché abbiamo avuto più luce solare. Tuttavia, la mancanza di CO2 e il caldo persistente hanno portato a una campagna autunnale deludente. Di conseguenza, tra la fine di settembre e la fine di ottobre abbiamo avuto una fase difficile in termini di approvvigionamento, che ha completamente annullato il vantaggio che avevamo in primavera. Nel complesso, la produzione è stata quindi inferiore a quella degli anni precedenti".

Durante l'estate si è verificata una pressione in termini di offerta di pomodori, che si è riflessa anche sui prezzi. Di conseguenza, sono state lanciate più campagne pubblicitarie dai retailer per contrastare l'eccesso di offerta. "L'attuale crisi energetica rende quasi impossibile una produzione invernale redditizia di pomodori e provoca anche una diminuzione del potere d'acquisto sul fronte della commercializzazione. Per questo motivo abbiamo deciso di ridurre la coltivazione delle varietà di pomodoro più esclusive a favore delle varietà secondarie. Tuttavia, presumo che le cultivar più esclusive torneranno a godere del favore dei consumatori nel lungo periodo".

Francia: prezzi in lento aumento
Per la maggior parte delle varietà classiche di pomodoro, ora che il periodo delle vacanze è finito, la domanda sembra essere un po' più sostenuta. Allo stesso tempo, si registrano minori volumi di produzione in alcuni luoghi di origine, come i Paesi del Nord (Belgio e Paesi Bassi), che hanno prodotto meno quest'inverno, non volendo riscaldare le serre, a causa dell'aumento dei costi energetici. Ma anche il Marocco e la Spagna hanno inviato meno prodotti ai mercati francesi, poiché la loro qualità non è sempre stata ottimale, con una mancanza di colorazione e quindi non in linea con i gusti francesi.

Di conseguenza, a fronte di una domanda un po' più forte all'inizio dell'anno e al fatto che alcuni produttori sono meno presenti in termini di volumi, le scorte cominciano a diminuire, gli ordini riprendono, soprattutto per i pomodori tondi, e i prezzi aumentano lentamente. Per tutti gli operatori francesi, i prezzi sono aumentati rispetto alla scorsa settimana e continuano ad aumentare in questo momento.

Per quanto riguarda la gamma di pomodori premium, invece, i consumi non sono stati al massimo durante le festività e continuano a vendersi con difficoltà. Il consumatore sembra "andare verso referenze di base" e c'è stato poco entusiasmo per i prodotti premium, anche durante il periodo festivo.

Italia: il periodo di stallo natalizio preoccupa
Un grossista del nord Italia afferma che la situazione del comparto pomodoro è molto preoccupante. Il periodo di Natale ha registrato un mercato pressoché fermo con consumi in calo. Anche i prezzi sono precipitati. Il datterino si è venduto a 1,50 euro/kg, il ciliegino a 1,50 euro/kg, il Piccadilly a 1,20 e anche i pomodoro a grappolo mostra quotazioni in calo. Forse si è salvato meglio il pomodoro insalataro, ma ora è in flessione anche quello. Rispetto ai canali di vendita, forse i piccoli negozi hanno risentito meno il calo dei consumi rispetto alla Gdo. "E' stato perciò un periodo natalizio molto sottotono, e la crisi sta continuando anche ora nel post-vacanze. La produzione arriva dalla Sicilia ed è di ottima qualità. Non vale la pena importare dalla Spagna perché non c'è alcuna convenienza economica. Gli agricoltori sono in crisi perché i costi di produzione sono saliti alle stelle e le quotazioni che ottengono non vanno a coprire le maggiori spese".

In Sicilia, molti quantitativi di pomodoro di Pachino IGP risultano invenduti. Tra le principali cause il prezzo al consumatore finale, che continua a essere molto elevato malgrado i prezzi decisamente irrisori proposti ai produttori per acquistare l'ortaggio. "Abbiamo tonnellate e tonnellate di pomodori rimasti sulle piante e pochissimi ordini da parte della Grande distribuzione - dichiara il presidente del Consorzio di Tutela - Con questo inverno così atipico, in cui si rilevano temperature di addirittura 22 °C, il prodotto matura velocemente e deve essere raccolto. Senza acquirenti, però, andrà in gran parte perduto. Molti produttori siciliani rischiano la chiusura se non si interviene in modo deciso e concreto per cambiare la situazione".

"Ci sono limiti precisi che regolano il prezzo minimo di acquisto del prodotto, ma quasi mai vengono rispettati, ignorando - in nome del profitto - i sacrifici, la dedizione e la fatica dei tanti produttori locali che fanno ogni giorno sforzi enormi per portare sulle tavole degli italiani un prodotto unico, tra i più conosciuti e amati in tutto il mondo. A questo - sottolinea il presidente del Consorzio - si aggiungono rincari energetici assolutamente inaccettabili e la concorrenza sleale del pomodoro proveniente dall'estero, dove il costo della manodopera incide sul prodotto solo per un 10% rispetto al 60% dell'Italia".

Spagna: prezzi bassi, ma ottimismo per l'inizio del 2023
La superficie coltivata a pomodoro in Almeria è aumentata in questa stagione. I coltivatori hanno piantato più pomodori a grappolo e meno specialità. Anche la superficie di pomodori tondi è diminuita, mentre il Marocco continua a guadagnare terreno. Le alte temperature che hanno caratterizzato la maggior parte della stagione, finora, hanno causato problemi legati ai parassiti, sebbene i semi di pomodoro siano più resistenti rispetto ad altri ortaggi.

Dall'inizio della stagione di esportazione ad Almeria, in ottobre, i prezzi continuano a essere bassi e deludenti in generale, date le aspettative. Sebbene l'aumento della produzione marocchina abbia messo sotto pressione i pomodori spagnoli sui mercati europei, la scorsa settimana si sono verificati problemi doganali alle frontiere spagnole nel porto di Algeciras, che hanno frenato le spedizioni di pomodori marocchini e la carenza di prodotto sui mercati comincia a farsi sentire. Alcuni esportatori temono che, una volta risolto il problema, i mercati potrebbero essere inondati di pomodori marocchini. Ciononostante, gli esportatori spagnoli di pomodori prevedono buoni mesi di gennaio e febbraio, con una grande offerta.

Turchia: il più grande raccolto di pomodori
La Turchia ha prodotto 185 milioni di tonnellate di pomodori nel 2021 ed è il terzo Paese produttore, dopo Cina e India. La media complessiva della Turchia è di 11-13 milioni di tonnellate. E' il quinto Paese al mondo con una percentuale del 7-8% di esportazioni di pomodori. I consumatori europei prediligono soprattutto i pomodori a grappolo e da mensa. Queste varietà di pomodoro sono coltivate in serra. Pertanto, i livelli di agrofarmaci sono molto bassi e in percentuali accettabili. Quest'anno la quantità di pomodori raccolti in Turchia è elevata, in particolare le varietà cuor di bue, a grappolo, ciliegino (biologico e convenzionale) e cocktail saranno le migliori offerte.

Sudafrica: pomodori in grande quantità, ma la domanda è scarsa
L'anno scolastico sudafricano comincia a inizio gennaio, quindi i sudafricani spendono per le uniformi scolastiche e la cancelleria, e di conseguenza questo è sempre un periodo dell'anno molto difficile per le vendite di pomodori.

L'anno scorso in questo periodo si è verificata una carenza di pomodori a causa delle forti piogge che ne hanno ridotto la disponibilità, ma quest'anno il mercato sembra molto diverso. E' molto pieno: 1.800 pallet il 5 gennaio 2023, rispetto ai 1.100 pallet dell'anno scorso in questo periodo. Il problema è che non c'è potere d'acquisto (un agente del mercato di Johannesburg dice che i mercati dei pomodori cocktail si muovono a malapena), mettendo i prezzi sotto pressione.

Si prevede che i prezzi dei pomodori possano aumentare verso aprile. La quotazione media è di poco inferiore a 8 rand (0,45 euro)/kg, mentre l'anno scorso è salito fino a 12 rand (0,67 euro)/kg. 

Ci sono molti pomodori provenienti da Capo Occidentale e Orientale e la maggior parte delle aree di produzione sta inviando prodotto al mercato. "Dopo la carenza dell'anno scorso e i conseguenti prezzi elevati, l'offerta di pomodori è aumentata notevolmente. Per questo motivo, i produttori hanno piantato più pomodori per quello che ritenevano sarebbe stato un mercato breve - e ora la situazione è cambiata", dice un commerciante di pomodori. "I produttori che hanno piantato di più si troveranno in difficoltà".

C'è ancora il problema della Tuta absoluta, che sta compromettendo la qualità, e alcuni episodi isolati di grandine nel Limpopo e nel Mpumalanga. Per quanto riguarda i danni da pioggia, fortunatamente le precipitazioni di dicembre non sono state troppo negative per i pomodori e il loro effetto sulla qualità non sembra al momento significativo.

Sembra che le piogge abbondanti nel nord possano essere per il momento terminate, secondo un agente, ma tutto dipende dalle previsioni meteorologiche di fine estate e inizio autunno, che possono influenzare la qualità dei pomodori fino a maggio.

La riduzione dei carichi è un boccone amaro da ingoiare per tutti gli operatori della filiera. I coltivatori faticano a completare i loro programmi di irrigazione e i costi dei generatori diesel creano elevate spese aggiuntive, in un periodo di inflazione generale dei prezzi.

Cina: prezzi dei pomodori in aumento
I prezzi degli ortaggi in una delle grandi regioni produttrici della Cina, lo Shandong, stanno aumentando, compresi quelli dei pomodori. I coltivatori in serra del delta dello Yangtze che riforniscono la megalopoli di Shanghai hanno registrato di recente prezzi di circa 15,8 yuan per cassetta (2,30 dollari) e si prevede che tale quotazione aumenterà. I pomodori freschi di serra sono più comuni nei supermercati di prima fascia e nei negozi online, tra cui Dingdong Maicai e MeiTuan.

Nel frattempo, un coltivatore cinese di pomodori da serra sta cercando opportunità di esportazione nei mercati vicini, tra cui il Sud-Est asiatico e la Russia. La Cina è un grande esportatore di prodotti trasformati a base di pomodoro, ma le esportazioni di pomodori freschi sono attualmente limitate. Questo potrebbe essere l'inizio di un nuovo sviluppo, poiché con l'aumento della produzione interna, le esportazioni sono più realizzabili.

Nord America: buona domanda di pomodori, ma preoccupazioni per i prezzi e la pressione del ToBRV
L'offerta di pomodori è leggermente irregolare in questo momento. Le scorte di pomodori coltivati in campo aperto, 5x6 e pomodori Roma sono migliorate e sono tornate intorno a 1dollaro/libbra - dopo una lunga corsa a 2$/lb, in particolare dopo l'uragano Ian alla fine di settembre.

"Tuttavia, le forniture di pomodori a grappolo di qualità superiore si sono ridotte drasticamente alla fine dell'anno", afferma un coltivatore in serra. Sembra che ci siano stati molti annunci pre-pianificati per spostare le grandi forniture previste durante le vacanze, ma l'offerta non era in grado di sostenerli e molti acquisti a breve termine hanno risucchiato ciò che era disponibile sul mercato libero". Nel 2023, i prezzi del mercato spot per i pomodori a grappolo si avvicinano a 3 dollari/libbra".  

Dopo l'uragano Ian, anche i pomodori datterino avevano prezzi superiori a 2 $/lb (prodotto sfuso) e a 3 $/lb per quello confezionato. "Da allora l'offerta è migliorata e i prezzi sono scesi più o meno nella media. Attualmente il settore dei pomodori snack premium a grappolo è eccessivamente rifornito".

In tutto il settore della produzione in serra, i prodotti arrivano dal Messico e alcuni da illuminazione artificiale anche dal Canada. "La maggior parte delle nuove serre costruite negli Stati Uniti sono dotate di lampade HPS o LED, quindi anche la maggior parte dell'offerta nazionale è in produzione", afferma il coltivatore. Per quanto riguarda la domanda, sembra essere da media a buona per questo periodo dell'anno, con i prezzi guidati principalmente dal lato dell'offerta.

Per quanto riguarda la coltivazione, si continua a prestare attenzione al ToBRFV, una malattia con cui il settore ha avuto a che fare per alcuni anni e che ha causato difficoltà riducendo il vigore delle piante, compromettendo la qualità e riducendo la longevità di un raccolto altrimenti produttivo. "I coltivatori stanno imparando ad adeguarsi e ad adattarsi, utilizzando pratiche colturali e gestionali diverse, imponendo l'isolamento della forza lavoro e utilizzando procedure sanitarie eccessive", afferma il coltivatore.

Nel frattempo, altre sfide del settore includono l'aumento dei costi energetici, che hanno reso più costosa la coltivazione invernale. "Essendo una delle nostre maggiori spese per la produzione invernale, i rincari delle utenze, innescati dalla lontana guerra in Ucraina, si sono protratti nel tempo, incidendo direttamente sui nostri profitti", afferma il coltivatore.

Per quanto riguarda i prezzi, su una tendenza quadriennale, il mese di dicembre 2022 ha visto prezzi superiori alla media, anche se la sensazione è che sia necessario una quotazione più alta nei mesi invernali per sostenere margini operativi salubri. "L'aumento dei costi che stiamo sperimentando, unito a una resa inferiore alla media a causa della pressione delle malattie, significa che alla fine i pomodori devono valere di più. Altrimenti, i coltivatori smetteranno di coltivare". Secondo il produttore, i partner europei dell'azienda hanno riferito che molte serre dotate di luci artificiali per la produzione invernale non produrranno in questo periodo dell'anno, a causa dei costi.  

Guardando al futuro, tuttavia, la movimentazione è generalmente soddisfacente nel nuovo anno, grazie ai buoni propositi alimentari. "In genere, in questo periodo dell'anno non c'è molta nuova offerta che entra nel mercato e gennaio tende a essere uno dei mesi più forti per quanto riguarda i prezzi. Quindi, nel breve termine, mi aspetto che le quotazioni tengano", afferma il coltivatore.

Tuttavia, una discreta disponibilità di pomodori da pieno campo di nuovo al prezzo di 1 dollaro/libbra metterà sotto pressione altri prodotti, compresi i pomodori da serra. "C'è anche l'incognita del virus, che costringe le colture a terminare in anticipo e sposta i cicli di coltivazione al di fuori delle normali tempistiche, registrate negli anni passati", conclude il produttore.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto