Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Intervista all'esperto Giovanni Nicotra

Come evitare l'occlusione negli impianti di irrigazione

Una buona qualità dell'acqua di irrigazione è essenziale per ottenere piante sane e produttive. Soprattutto all'interno delle serre, grazie all'ideale microclima, batteri, funghi e virus patogeni possono infatti diffondersi facilmente attraverso il sistema di irrigazione. Ne abbiamo parlato con Giovanni Nicotra, agronomo di Laurus, azienda distributrice di Intracare per la Sicilia.

Giovanni Nicotra

"Questi organismi proliferano approfittando del biofilm che si sviluppa sulle pareti delle tubazioni - ha detto Nicotra - Tale biofilm viene inoltre utilizzato dai patogeni come una sorta di scudo per sopravvivere all'impiego di fungicidi e dei comuni disinfettanti. All'interno del sistema di irrigazione, lo scudo che viene a formarsi causa inoltre instabilità del pH, una ridotta efficacia dei nutrienti e l'occlusione totale o parziale degli irrigatori, con conseguenti inevitabili perdite di produzione".

"L'impiego di Hydropure rappresenta la soluzione più efficace per la rimozione profonda ed efficace del biofilm dal sistema di irrigazione - ha spiegato l'esperto - Hydropure contiene infatti il 50% di Perossido di Idrogeno e 360 mg/l di Argento chelato. Qui l'alta percentuale di Perossido di Idrogeno assicura un elevato potere ossidante e quindi la rimozione del biofilm. L'Argento chelato, invece, garantisce stabilità e modula il rilascio di ossigeno, permettendo la rimozione del biofilm anche negli irrigatori più distanti".

Utilizzo a serra vuota
Ma quando conviene utilizzare Hydropure?
"Sicuramente l'utilizzo a fine ciclo, in assenza di piante - ha risposto l'agronomo - consente l'impiego di una concentrazione più alta di Hydropure, capace quindi di rimuovere tutto il materiale organico presente all'interno del sistema di irrigazione in un unico intervento.
L'impiego è molto semplice: è sufficiente miscelare Hydropure alla concentrazione del 1-2% e riempire tutto l'impianto, avendo però l'accortezza di lasciare aperti gli sfiati dell'aria, perché 1 litro di Hydropure libera 200 l di ossigeno. Dopo 24 ore, si potrà procedere al risciacquo dell'impianto con acqua pulita, usando l'accortezza di aprire le testate, per facilitare la fuoriuscita del materiale organico ossidato dal prodotto. Diversi produttori che lo hanno impiegato nell'ultimo anno, sono rimasti estremamente sorpresi dalla quantità di biofilm ed altri residui organici che sono stati espulsi dall'impianto attraverso le testate al momento del risciacquo".

Utilizzo in continuo, durante la coltivazione
"Un dosaggio basso ma continuo di Hydropure (40 ml/mc) durante il ciclo di coltivazione – ha spiegato, inoltre, Nicotra - previene la formazione di biofilm, creando quindi un ambiente sfavorevole ai potenziali patogeni. È opportuno sottolineare che l'impiego in continuo di Hydropure a bassi dosaggi non comporta il rischio di residui nocivi, né sulla pianta né sui frutti".



Le occlusioni dell'impianto irriguo però possono essere anche di natura inorganica, cioè derivare dai sali contenuti nell'acqua e/o nei fertilizzanti utilizzati per la coltura. Per evitare questi problemi, Intracare Italy ha in catalogo Optifos, a base di fosforo e potassio.

L'intervistato precisa: "E' stato studiato per eliminare dagli impianti irrigui le occlusioni dovute a residui di minerali. Optifos permette di ridurre e/o eliminare problemi di occlusione di ali gocciolanti ed erogatori causati da calcare, acque dure e formazioni di depositi minerali. Questo prodotto crea una pellicola all'interno delle tubature, evitando così al magnesio e al calcio di formare composti o depositi di calcare sulle pareti interne dei condotti. Optifos, infine, è molto utile per le piante, perché utilizzando i polifosfati migliora considerevolmente la disponibilità di fosforo e dei meso e microelementi cationici ad essi legati. Intracare Italy ha messo a disposizione dei coltivatori un servizio tecnico di supporto sia nella fase di diagnosi del problema sia in quello della strategia di azione. Tale attività, nelle esperienze pregresse, ha consentito di ottimizzare il rapporto costi/benefici".

Per maggiori informazioni:
Intracare Italy srl
via Giberte, 26
36030 Sarcedo (VI)
+39 0445 1926600
www.intracare.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto