Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Walter Buchmann, Chicorée Produktion NRW & Co.:

"La nostra indivia belga regionale si è molto affermata nel Nord Reno-Westfalia, soprattutto come prodotto estivo"

Fondata nel 2018, la Chicorée Produktion NRW & Co. è considerata una delle più moderne aziende di produzione di indivia belga in Germania. Con sede a Wesel, è guidata da Walter Buchmann, esperto di lunga data di indivia belga, ed è nata da un progetto congiunto della stessa azienda specializzata in collaborazione con il gruppo olandese LOF e Gemüsering. Grazie a prudenti investimenti, un marketing mirato e, ultimo ma non meno importante, germogli di alta qualità, l’indivia belga regionale si è rapidamente affermata nello Stato del Nord Reno-Westfalia.


Esperti di indivia belga nella camera di coltivazione: Walter Buchmann, Lukas Scholz e Jan de Vries.

Anche la produzione di indivia belga deve far fronte all'attuale aumento dei costi, spiega Buchmann. "È cominciato all'inizio dell'anno con i prezzi del gas e dell'elettricità, seguito dall'aumento dei costi di imballaggio e logistica. Successivamente, a ottobre, è arrivato l'aumento extra del salario minimo". In qualità di membro del Gruppo Gemüsering, secondo Buchmann, l'azienda beneficia dei contratti collettivi e di vantaggi minimi sui prezzi, che però non possono essere quantificati con precisione prima dell’inizio del nuovo anno.


Le radici fresche di indivia belga vengono selezionate. Complessivamente, i costi di produzione aggiuntivi saranno di circa il 20% rispetto allo scorso anno.

I costi aggiuntivi possono essere trasferiti solo in parte al commercio e, in ultima analisi, al consumatore, secondo Lukas Scholz, amministratore delegato di diverse società di produzione del gruppo Gemüsering. "È molto difficile adeguare i prezzi in modo che il prodotto rimanga ancora interessante e vendibile. Insieme al gruppo LOF, gestiamo un secondo stabilimento a Klinga, in Sassonia, dove storicamente il consumo di indivia belga è leggermente maggiore. I prezzi in entrambe le regioni sono quasi simili, appena al di sopra dei livelli dello scorso anno. Il fattore decisivo sarà ora l'andamento dei costi dell'energia elettrica. Rispetto a questo, ci aspettiamo una stagione con molte incertezze".

Indivia belga tedesca come contorno per il barbecue
Negli ultimi anni, l’indivia belga regionale ha saputo affermarsi rapidamente, concordano i partner. Nella regione viene commercializzato ogni singolo germoglio che esce dalle camere di coltivazione di Wesel.

Buchmann dice: "Si tratta, ovviamente, di un interessante Unique Selling Point (USP) che può anche crescere con il commercio. Tuttavia, l’indivia belga è riuscita sorprendentemente ad affermarsi anche come prodotto estivo. Questo ortaggio ha continuato a essere venduto anche con una temperatura di 40 °C, anche perché il prodotto è sempre più apprezzato come contorno per le grigliate. L’indivia belga è ancora prevalentemente un prodotto invernale, ma il consumo tende a diventare più costante nel corso dell'anno".


Indivia belga nella camera di coltivazione

Alta percentuale di radici sottili
Non si sa ancora come si svilupperà la stagione di quest'anno in termini di resa e qualità. "Le radici della nuova stagione sono sicuramente un po' più sottili, quindi resta da vedere se alla fine anche i germogli saranno di calibro più piccolo", aggiunge Scholz. "Se avessimo avuto gli abbondanti volumi dell'anno scorso, la pressione commerciale sarebbe stata notevolmente maggiore. Ma i prodotti più costosi, come l’indivia belga, non sono una priorità per i consumatori in questi tempi di aumento dell'inflazione, motivo per cui in generale stiamo osservando una situazione di mercato relativamente equilibrata".


Radici dal nuovo raccolto: le prime piante germogliate sono già state immesse sul mercato.

"L’indivia belga è versatile, facile da trasformare e può essere consumata quasi interamente, motivo per cui gli scarti sono minimi. Se la confrontiamo con gli asparagi, ad esempio, la differenza è notevole. Ogni volta che l’indivia belga compare in un programma di cucina, la domanda sale alle stelle", aggiunge Buchmann.

I commercianti stanno cercando anche di avvicinare il consumatore a questo ortaggio, secondo Scholz. "Sempre più spesso presentiamo l’indivia belga alle fiere commerciali e dei consumatori. Inoltre, il prodotto sta diventando sempre più importante sui social media".


Indivia belga germogliata del vecchio raccolto. I germogli sono ancora prevalentemente confezionati in flow pack da 500 g.


I dipendenti preparano e selezionano le radici appena consegnate.

Quota di mercato in crescita
L'esperto d’indivia belga, Jan de Vries, parla dei vari gruppi di acquirenti. "Circa 30-40 anni fa già si diceva che le generazioni più giovani non consumavano abbastanza indivia belga. Ma trovo più preoccupante che il consumo di indivia belga tenda ulteriormente a diminuire tra gli acquirenti più anziani, specialmente nei tradizionali mercati di vendita di Paesi Bassi, Belgio e Francia".

Secondo Scholz, non si tratta di un calo dei consumi in Germania. "Al contrario, il consumo e le quote di mercato continuano ad aumentare. Ciò può anche essere correlato al crescente livello di autosufficienza. In questo senso, siamo fiduciosi che, nei prossimi anni, il mercato tedesco dell’indivia belga continuerà a svilupparsi".

Per maggiori informazioni:
Chicorée Produktion NRW GmbH & Co. KG
Im Wehagen 6 
46485 Wesel - Germania
Tel.: +49 281 47570550
Fax: +49 281 47570551
Email: info@chicoree-nrw.de 
Web: www.chicoree-nrw.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto