Olivier Hirel, Perle du Nord:

"Stiamo creando un vero e proprio movimento regionale nella regione dell'Alta Francia"

Recentemente il gruppo di cooperative Perle Union (anche produttori di indivia con il marchio Perle du Nord) ha lanciato il suo marchio, "Produttori dell'Alta Francia", con il quale il gruppo di cooperative venderà 35.000 tonnellate di frutta e verdura regionale. Per celebrare il lancio, sono stati organizzati vari eventi in diversi supermercati Auchan: un'isola con frutta e verdura di stagione e manifesti dei produttori.

Olivier Hirel, direttore del reparto ortaggi, parla del completo successo dell'operazione sia per i prodotti biologici che per quelli convenzionali. "I poster rassicurano i consumatori e l'isola attira la loro attenzione. Stiamo creando uno spazio accogliente dedicato ai prodotti locali. In questo modo è una situazione vincente per tutti".

Olivier aggiunge che diversi produttori vogliono già aderire al marchio e alcuni rivenditori hanno chiesto se il marchio può essere aperto ad altri produttori. "Oltre al marchio, stiamo creando anche un vero e proprio movimento regionale intorno alla promozione di frutta e verdura locale".

Olivier ha deciso di commercializzare il marchio prima presso un solo rivenditore. "Abbiamo gestito diverse sedi contemporaneamente, il che richiede una certa organizzazione. Dopo il successo della nostra prima operazione regionale ("Saveurs en Or") con volantini nei negozi Auchan, possiamo estendere il nostro raggio d'azione ad altri rivenditori partner che desiderano promuovere i prodotti locali. Nei prossimi mesi dovremo rafforzare la nostra presenza e visibilità nei negozi locali. Per farlo dovremo sedurre, sorprendere e conquistare la fedeltà dei consumatori essendo il più possibile vicini alle loro aspettative". Perle Union continuerà a organizzare azioni promozionali stagionali con i suoi rivenditori partner. 

Al momento i prodotti di punta sono le verdure invernali. "A causa della siccità estiva, l'offerta di porri e rape è limitata, ma la domanda è piuttosto elevata".

L'attuale contesto inflazionistico, con l'aumento dei prezzi del gas e dell'elettricità, ha un forte impatto sulle produzioni della regione dell'Alta Francia. "Abbiamo molte verdure in cella frigorifera, come carote, zucca rossa kuri e cipolle, che rappresentano un notevole consumo di energia. Per alcuni ortaggi dobbiamo scaricare un costo aggiuntivo di 0,20-0,25 euro/kg, che è enorme. Ma se non lo facciamo, o se i rivenditori non accettano questo aumento, probabilmente perderemo molti produttori dell'Alta Francia e di altre regioni francesi, perché non riusciranno a trovare prezzi equivalenti a quelli delle campagne precedenti. Inutile dire che sarà anche molto complicato per un giovane produttore iniziare a lavorare in questo contesto pieno di incertezze e turbolenze...".

Per maggiori informazioni:
Olivier Hirel
Perle du Nord
+33 3 61 33 40 07
o.hirel@perledunord.com
www.perledunord.com


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto