Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'area coltivata in regime biologico è aumentata

La campagna 2022/23 comincia nelle serre fotovoltaiche dell'Europa meridionale

Con l'inizio dell'autunno, le serre fotovoltaiche del sud-est della Spagna, situate nelle province di Almeria e Granada, sostituiscono le colture estive e si preparano a rifornire gli europei durante i mesi più freddi, quando la produzione continentale diventa più difficile a causa delle basse temperature.

Quest'anno il prezzo elevato di gas ed elettricità dovrebbe giocare a favore delle serre spagnole. "I nostri vicini europei hanno bisogno di combustibili fossili per simulare condizioni simili a quelle della nostra zona, per far crescere le loro piante. A causa dell'aumento dei prezzi, molti agricoltori dell'Europa centrale e settentrionale dovranno terminare le loro produzioni prima che il tempo peggiori", ha dichiarato il consorzio Cute Solar. Nel frattempo il buon clima di Almeria e della costa di Granada, che possono contare su 3.300 ore di luce solare all'anno, rende possibile la coltivazione delle colture senza fare affidamento su fonti di energia esterne.

Serre fotovoltaiche, l'orto d'Europa
In questa campagna la superficie coltivata sarà di circa 35.000 ettari, un numero simile a quello della scorsa stagione. Secondo il consorzio Cute Solar, la superficie utilizzata per la coltivazione di pomodori, cetrioli e peperoni dovrebbe aumentare rispettivamente del 14, 5 e 2%. D'altra parte, la superficie dedicata alle zucchine diminuirà del 15% e quella delle melanzane del 10%.

Ciononostante, il settore prevede di produrre circa 4,5 milioni di tonnellate di prodotti, un volume simile a quello raggiunto nelle precedenti campagne e sufficiente a rifornire il 50% del mercato nazionale e il 60% dei mercati europei durante i mesi invernali.

La superficie coltivata in regime biologico è aumentata
Il 74% dei principali prodotti ortofrutticoli coltivati nelle serre fotovoltaiche del sud della Spagna è coltivato con tecniche di controllo biologico, il 2% in più rispetto alla scorsa campagna.

L'applicazione degli insetti utili per il controllo dei parassiti dei peperoni raggiungerà il 99% in questa stagione, superando il resto dei prodotti. In particolare, questa tecnica viene utilizzata nel 79% della superficie utilizzata per la coltivazione delle melanzane, in più dell'80% della superficie dedicata ai cetrioli, nel 70% della superficie per i pomodori e nel 25% della superficie utilizzata per la coltivazione delle zucchine.

Questa tecnica rinuncia in modo molto importante all'uso di prodotti fitosanitari, sostituendoli quando possibile con meccanismi di regolazione naturali e risorse ecologiche. Il risultato è che le piante crescono più vigorose, i frutti sono più gustosi, l'ambiente di lavoro è più sano per le persone e la produzione contribuisce a un ambiente più sostenibile.

Per maggiori informazioni:
CuteSolar
cutesolar.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto