Smarta AS, azienda moldava di mele

"Abbiamo iniziato a esportare in Medio Oriente la scorsa primavera"

Continua il nostro speciale sul settore ortofrutticolo moldavo. Ci siamo focalizzati ancora una volta sull'area settentrionale del Paese, nello specifico vicino al confine con l'Ucraina. Oltre alla posizione, l'azienda che abbiamo visitato, la Smarta AS, ha altre due cose in comune con Vilora e SV Fruct: il focus sulla coltivazione delle mele - non sorprende, sapendo che il frutto rappresenta i tre quarti della coltivazione di frutta in Moldavia - e il fatto che sia un'azienda a conduzione familiare. È stata fondata all'inizio del secolo, con vecchi frutteti di epoca sovietica.

Valeria Caduc è responsabile per l'export.

Anatolii Caduc, primo presidente della società, ha avviato Smarta AS nel 1999. "Quando suo figlio e sua figlia sono entrati a far parte della direzione, l'azienda ha iniziato a modernizzarsi", racconta Valeria Caduc, responsabile marketing e figlia di Anatolii, nonché moglie dell'attuale proprietario. "Hanno gradualmente sostituito le vecchie varietà di mele, come le Idared, con altre nuove. Hanno anche coperto gli alberi, impostato una coltivazione super-intensiva con sistemi di irrigazione, installato celle refrigerate e iniziato a cercare di ottenere certificazioni come la GlobalGAP. Anch'io ho trovato subito il mio posto in azienda - nel marketing e nella contabilità - e ricordo ancora la nostra prima partecipazione a una fiera e la nostra vacanza-lavoro nei Paesi Bassi. In breve, abbiamo trasformato un vecchio frutteto in un'azienda professionale".

Una vasta gamma di varietà
Su una superficie di 60 ettari vengono coltivate numerose varietà di mele, tra cui Gala Must, Gala Royal, Golden Delicious, Super Chief, Florina, Jonagold, Idared, Champion e Fuji. Smarta AS coltiva le susine Stanley. La raccolta viene effettuata manualmente e le mele vengono stoccate in magazzini refrigerati da 2.500 tonnellate. Anche la selezione per peso, dimensione, colore e qualità viene effettuata internamente.

"Le nostre celle refrigerate hanno condizioni controllate in modo dinamico, per cui le mele mantengono il loro sapore fresco e la loro consistenza croccante fino a maggio. Siamo situati in un'area con un clima continentale temperato e terreni fertili. È questo che conferisce alle mele moldave un gusto eccellente, un alto grado Brix e un bel colore. La nostra azienda controlla con precisione la qualità del prodotto, gestendo ogni fase del processo produttivo, dalla coltivazione degli alberi al confezionamento delle mele", spiega Valeria.

Frutti a strati, su fogli realizzati in materiale eco-friendly

Recentemente ha preso il controllo anche delle esportazioni
Fino all'inizio del 2022, Smarta AS vendeva a commercianti che ritiravano personalmente le mele dai magazzini refrigerati dell'azienda. La maggior parte delle mele finiva sul mercato russo, bielorusso e rumeno, sostiene Valeria. Ma quando in primavera è diventato difficile raggiungere il mercato russo, per ragioni note, l'azienda non ha avuto altra scelta che reagire e ha deciso di iniziare a esportare direttamente in altri mercati.

"Ad aprile siamo andati a Fruit Logistica e abbiamo preso contatto con commercianti e importatori. Al nostro ritorno, ci siamo messi all'opera e abbiamo iniziato a esportare a Dubai, in Arabia Saudita e in Malesia. Tuttavia, è più complicato che far acquistare e ritirare il prodotto dai commercianti; inoltre, non sappiamo ancora se sia davvero più redditizio. Dopo tutto, ci sono molti costi da sostenere, come l'imballaggio e la logistica. Quindi dobbiamo investire molto prima di vedere finalmente il denaro per le nostre consegne. Ma finora siamo stati pagati senza problemi".

Raccolta in pieno svolgimento

Opportunità in Medio Oriente
L'azienda voleva spedire un carico in Medio Oriente alla fine di agosto, ma non è riuscita a ottenere l'imballaggio adeguato in tempo. Inoltre, all'epoca non disponeva dei fondi necessari per portare avanti le operazioni logistiche. L'affare è stato annullato e questo, secondo Valeria, significa una perdita di slancio. "Ora ci offrono un prezzo molto più basso. È un peccato, ma è così".

"Tuttavia, penso che quando le tariffe dei reefer scenderanno e, saremo ben preparati sull'imballaggio, potremo certamente fare affari in Medio Oriente". Le esportazioni verso Dubai avvengono attraverso il porto rumeno di Costanza e richiedono un mese: una settimana per il viaggio dal centro di confezionamento alla nave e poi 24 giorni in mare. Poiché Odessa non era (ed è) un'opzione, in primavera anche le mele ucraine sono arrivate senza problemi sui mercati attraverso il porto rumeno. "È stato un periodo molto intenso a Costanza", dice la responsabile marketing.

Tutti i frutteti sono protetti da rete per proteggere dalla grandine e dalle scottature.

Con i prezzi troppo bassi delle mele sul mercato internazionale, Valeria spera che le esportazioni migliorino a febbraio, come l'anno scorso. "A quel punto le condizioni di mercato saranno indubbiamente migliori perché l'Europa avrà già venduto buona parte delle sue scorte. Tuttavia, anche allora la concorrenza sarà forte, e da parte dei nostri colleghi moldavi. Tutti devono trovare delle alternative ora che il mercato russo è chiuso".

"Senza contare che le mele indiane sono più economiche in Medio Oriente. Quando sono stato a una fiera a Dubai nel 2018, ho notato che vogliono soprattutto mele rosse a strisce come le Royal Gala. Anche le mele rosse vanno bene lì e, tra quelle verdi, preferiscono le Granny Smith. La scorsa primavera abbiamo persino inviato lì un lotto di Florina. Questa varietà non è affatto venduta nei negozi, ma è molto popolare. Quindi ci sono indubbiamente delle opportunità per noi in quella regione".

Bellissima cassetta telescopica

Invertire la tendenza
Per ora, nei frutteti di Smarta AS non ci sono varietà club. "Le royalties le rendono troppo costose per noi", spiega Valeria. "E sembra che i licenziatari preferiscano non entrare nel mercato moldavo", aggiunge Andrei, proprietario dell'azienda e marito di Valeria. "Non sono molto sicuri che il loro materiale non venga propagato e piantato in frutteti illegali qui, per i quali non riceveranno alcuna royalty. Temono che qui i loro diritti non vengano rispettati adeguatamente. Questo è ovviamente un peccato e non è del tutto realistico".

Piet Schotel, del Centro per la promozione delle importazioni dai Paesi in via di sviluppo (CBI) nei Paesi Bassi, era presente all'intervista. Riprende brevemente questo punto: "La Moldavia, ingiustificatamente, non gode sempre della migliore reputazione nemmeno in altri settori, come per la qualità dei prodotti. E questo, ovviamente, influisce sulle vendite nel mercato internazionale. Ecco perché Moldova Fruct, l'associazione del settore frutticolo del Paese, si sta impegnando molto per promuovere la frutta moldava nelle fiere e attraverso altri canali, sottolineandone il buon sapore. Vogliono invertire la tendenza".

"E questo articolo dovrebbe concludersi sottolineando due aspetti", aggiunge Valeria, "Ovvero che le mele moldave hanno un sapore particolare e che i nostri coltivatori e commercianti sono partner molto affidabili". E noi esaudiamo il suo desiderio.

Per maggiori informazioni:
Smarta AS
Valeria Caduc - marketing manager
Grimăncăuți, Briceni, Moldavia
Tel.: + 373 698 75 768
Email: srl.smarta@gmail.com 
Web: www.smarta-as.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto