Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

SV Fruct, azienda moldava di mele e ciliegie

"Per la prima volta la nostra azienda guarda al mercato dell'Ue"

Continua il nostro speciale sul settore ortofrutticolo moldavo. Questa volta, parliamo dell'azieda familiare SV Fruct. Non meno di quattro figli affiancano il patriarca della famiglia nella gestione quotidiana dell'azienda. Abbiamo intervistato due di loro, Vitalii e Victor. Come l'azienda Vilora, l'impresa agricola della famiglia Scutaru si trova nel nord del Paese. Ma prima di entrare nel merito di questi coltivatori di mele e ciliegie, vi forniamo alcuni dati sulla produzione e sull'esportazione di frutta moldava. Così potrete collocare le storie in un contesto più ampio. 


Mele rosse appena raccolte.

Per questi dati, facciamo riferimento a un articolo redatto da Jan Kees Boon di Fruit and Vegetable Facts. L'articolo riguarda la coltivazione, l'esportazione e l'importazione di ortofrutta fresca nell'Europa sud-orientale per il 2021. Jan ha analizzato da vicino 13 Paesi (classificati in base alla popolazione): Romania, Repubblica Ceca, Ungheria, Serbia, Bulgaria, Slovacchia, Croazia, Bosnia, Albania, Moldavia, Slovenia, Macedonia del Nord e Montenegro. Ha escluso la Grecia e l'Ucraina.

La maggior parte dei frutteti è molto giovane.

Fratello minore
È immediatamente evidente che la Moldavia è uno dei "fratelli minori" della regione sud-orientale europea. A maggior ragione, il Paese è il secondo esportatore di frutta e verdura dell'elenco, dopo la Serbia. Inoltre, la Moldavia e la Macedonia del Nord sono gli unici a esportare più ortofrutta di quanta ne importino. Frutta e verdura? Si tratta di un'affermazione un po' esagerata. I dati mostrano che il Paese ha inviato all'estero un misero quantitativo di 2.000 tonnellate di verdura, ma ben 299mila tonnellate di frutta. La frutta, quindi, monopolizza le esportazioni di ortofrutta della Moldavia. Se si esclude la verdura, la Moldavia supera addirittura la Serbia. Questo "fratello minore" ha quindi una grande forza quando si tratta di esportazioni di frutta. 


I fratelli Vitalii e Victor 

È tutta una questione di frutta
Se si considerano i dati relativi alla coltivazione, anche la frutta domina nettamente con 676mila tonnellate contro 138mila tonnellate di ortaggi. Tra gli altri 12 Paesi del Sud-Est europeo, la piccola Moldavia deve inchinarsi solo alla Romania e alla Serbia quando si tratta di coltivare frutta. Se si parla di frutta in Moldavia, tutti fanno riferimento alle mele. Con non meno di 500mila tonnellate, questo frutto rappresenta il 75% della produzione frutticola del Paese. Drupacee, uva, angurie e piccoli frutti seguono a distanza.

Logicamente, le mele occupano il primo posto anche nelle esportazioni: rappresentano i due terzi. Circa il 40% del raccolto di mele della Moldavia viene destinato all'estero. Fino a poco tempo fa, il 95% veniva venduto sul mercato russo, come ha sottolineato il ministro dell'agricoltura moldavo all'inizio di agosto. Quindi, poche mele raggiungono altri mercati, e certamente non quello dell'Europa occidentale. Secondo le statistiche di Eurostat, la Moldavia ha esportato 54.000 tonnellate di frutta e verdura nell'Ue. Di queste, 28.000 tonnellate erano drupacee, 17.000 tonnellate uva (fresca o disidratata) e 1.000 tonnellate di pomacee.

Il Paese importa anche ortofrutta, ma in quantità nettamente inferiori rispetto alle esportazioni. Ha importato 124mila tonnellate: più della metà era rappresentato da pomodori, banane, angurie e mandarini.

In sintesi: la Moldavia è il maggior esportatore di frutta tra i Paesi dell'Europa sud-orientale citati. Ciò è dovuto in gran parte a un'unica coltura e destinazione: le mele destinate alla Russia. È evidente che la perdita di questo mercato è un duro colpo per i produttori melicoli moldavi, che puntano sulle esportazioni, e per il settore frutticolo del Paese, in generale.

La prima azienda certificata GlobalGAP in Moldavia
Passiamo all'azienda familiare Scutaru. Come accennato, Scutaru senior è assistito dai suoi quattro figli, il che fa pensare che l'uomo più anziano abbia iniziato l'azienda con l'ingresso graduale dei suoi figli. Non è così. "L'intera famiglia ha fondato l'azienda di coltivazione", esordisce Vitalii. "È stato nel 2003. Io e mio fratello Victor eravamo commercianti di frutta e abbiamo avuto l'idea di vendere quella che coltivavamo noi stessi. Quando è stato il momento giusto, tutti abbiamo fatto la nostra parte per avviare l'attività".

Una piattaforma viene utilizzata per raccogliere le mele più in alto.

Oggi SV Fruct coltiva mele su 47 ettari e ciliegie su 10 ha. Dodici anni fa ha costruito 14 celle di stoccaggio da 682 mwtri cubi ognuna, con una capacità totale di 2.000 tonnellate. Queste celle utilizzano la tecnologia Smartfresh. L'anno successivo è diventata la prima azienda frutticola nella storia della Moldavia a ottenere la certificazione GlobalGAP. SV Fruct seleziona e confeziona la frutta - in cassette aperte, anche se ora si considerano i bushel - nel proprio centro di imballaggio. Vendono l'intero raccolto sul mercato estero, sia attraverso l'esportazione diretta sia attraverso la vendita a terzi. "Dipende dai prezzi che riusciamo a spuntare per il nostro prodotto", dice Victor. La maggior parte dei loro clienti viene reclutata attraverso i contatti che hanno avuto in occasione delle fiere internazionali.

Tutto è coperto da reti antigrandine e contro le scottature solari

Varietà rinnovate per nuovi mercati
All'inizio l'azienda esportava solo in Russia e, fino al 2009, solo varietà tradizionali. Ma poi tutto è cambiato e l'attenzione si è spostata sulla modernizzazione. Il graduale spostamento della coltivazione dalle vecchie alle nuove cultivar ha preceduto la costruzione delle celle di stoccaggio. Solo l'anno scorso, un appezzamento di 2,3 ettari è stato piantato con Devil Gala e, questa primavera, un intero frutteto è stato estirpato e ripiantato con Gala Shnicored. Questo rinnovamento varietale è stato fatto con l'obiettivo di entrare in nuovi mercati, tra cui il Medio Oriente e l'Asia. Ognuna di queste destinazioni ha le sue preferenze varietali. Per il momento, non ci sono mele della SV Fruct sul mercato dell'Europa occidentale.

Questa azienda ha ben 15 varietà che crescono nei suoi frutteti nel nord della Moldavia. Tra queste, Empire, Braeburn, Jonagold, Ruby Star e Fuji. "Lavoriamo anche con società di propagazione belghe e polacche che testano varietà di mele e ciliegie nei nostri frutteti. Attualmente abbiamo una varietà non ancora registrata nell'Ue. Sembra molto promettente", dice Vitalii, che aggiunge che le mele rosate a strisce rosse sono particolarmente popolari sul mercato locale. "Il frutto deve avere un aspetto attraente. Qui sembra essere ancora più importante del sapore. Per i nostri mercati di esportazione, la qualità ha la precedenza. Per questo diamo molta importanza a questo aspetto".

I produttori di mele della Moldavia cominciano a unirsi
I produttori moldavi raccolgono circa 500mila tonnellate di mele all'anno. La Polonia produce 4,5 milioni di tonnellate. "Sono i nostri maggiori concorrenti", ammette Victor. "Hanno rese più elevate, migliori possibilità logistiche - grazie alla posizione e alle infrastrutture più moderne - frutteti più avanzati e costi di produzione più bassi. Può sembrare strano, visti i nostri prezzi bassi dei terreni e dei salari, ma i coltivatori polacchi ricevono più sussidi. E per lo stoccaggio e la commercializzazione possono contare su grandi cooperative. Questo riduce i costi".

"La Moldavia sta recuperando terreno con l'aiuto del programma della Banca Mondiale, ma la strada è ancora lunga. Il programma concede 300mila dollari, o il 50% dell'investimento, per creare una cooperativa di almeno cinque coltivatori. Ma tutto è ancora su piccola scala. Si sopravvive, almeno per ora. La maggior parte dei coltivatori di mele in Moldavia ha ancora vecchi frutteti e vende solo a livello locale. Noi, invece, esportiamo soltanto. Tra l'altro, la Moldavia importa mele polacche. Spesso sono più costose del prodotto locale, ma hanno un aspetto migliore".

Bacino idrico di proprietà

Verso l'UE?
SV Fruct sta gradualmente passando alla coltivazione super-intensiva. Vitalii spiega che uno dei vantaggi è il risparmio sui costi di protezione delle colture. "L'anno scorso abbiamo speso 150mila euro per questi prodotti, quest'anno sono stati 50.000 euro in meno. E la resa è la stessa. È un guadagno significativo. Ma ora abbiamo avuto una grande inversione di tendenza. Non vogliamo espanderci ulteriormente a breve; 2.000 tonnellate all'anno sono una bella quantità. Tuttavia, continueremo a professionalizzarci e a modernizzarci".

"Attualmente la nostra attenzione è tutta rivolta alle vendite, perché ci troviamo improvvisamente di fronte a una sfida completamente nuova. La Russia è scomparsa come mercato di destinazione, quindi dobbiamo trovare nuovi acquirenti. Speriamo di poter continuare a vendere tutte le nostre mele sul mercato del fresco e di non doverle dirottare verso l'industria di trasformazione. Quindi, per la prima volta, stiamo rivolgendo il nostro sguardo al mercato dell'Ue", conclude Vitalii.

Per maggiori informazioni:
SV Fruct

33 Boris Glavan street, Edinet raion,
MD-4601 Moldavia
Tel: +373 246 22895
Fax: +373 246 24272
Cell.: +373 69111366
Email: svfruct@gmail.com 
Web: www.svfruct.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto